leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Saggi

L'invenzione?

Pubblicato il 14/01/2018

Un brevissimo saggio che cerca indagare la natura dell'invenzione per capire come può declinarsi nei nostri giorni.

18 Visualizzazioni
5 Voti

Ti sei mai chiesta come si inventa qualcosa?

Io prima di tutto credo che dobbiamo definire cosa è una invenzione, sbaglio?

Allora proviamo a dire che è qualcosa che prima non esisteva, è come un bambino appena nato, un momento temporale che definisce ciò che era prima e ciò che sarà dopo.

Quindi una invenzione è capace di modificare la percezione di ciò che era prima, di ciò che sarà, ma per se stessa ha effetti, grazie alle sue caratteristiche, anche sull'ora.

Forse non è l'unica o la più bella definizione, ma proviamo a usarla. Secondo quanto abbiamo concordato, quindi, sono tre i momenti riferibili a una invenzione: passato, presente e futuro. Adesso valutiamo dalla prospettiva di ognuno di questi tre momenti l'invenzione e vediamo come e cosa si può predicare. Precisazione doverosa, da ogni angolazione temporale per predicare della invenzione dobbiamo usare gli stessi criteri valutativi cioè conoscenze, credenze, principi che sono propri solo di quella prospettiva (insomma nel passato non possiamo fingere di avere conoscenze proprie del futuro).

Passato: i criteri che possediamo non ci permettono di definire l'invenzione, neanche di comprenderla; possiamo immaginarla, sognarla, temerla. L'invenzione è incertezza, sovvertimento, rivoluzione, magia, il sogno di un pazzo.

Presente: semplicemente è. Possiamo descriverla nelle sue caratteristiche e forme. Possiamo servircene per modificare ciò che ci circonda. Attenzione, cosa è ciò che ci circonda? Ciò che esisteva anche nel passato di cui ci servivamo per parlare della innovazione.

Futuro: delle due l'una: è sopraggiunta un'altra invenzione (i2) che ricrea la situazione di cui sopra O non è avvenuta i2 ma la "vecchia" invenzione ha modificato l'allora presente in maniera tale da essere percepita come patrimonio diffuso o comune, è quindi diventata lei stessa elemento per valutare eventuali nuove invenzioni.

Ora se ti sembra logico ciò che abbiamo detto possiamo spingerci a dire che l'invenzione è un nuovo criterio valutativo della realtà.

Dunque, la nuova luce proiettata dalla invenzione è un momento di, almeno parziale, rottura con il passato; definisce una nuova realtà. ora ti chiedo: i sistemi dell'istruzione sono raccolta e catalogazione di sapere o fonti di invenzioni?


Logo
2255 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (5 voti)
Esordiente
4
Scrittore
1
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large 1510761479916.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Emanuele SZ ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2417.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

anna siccardi ha votato il racconto

Scrittore
Large large australia.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Esordiente
Large ewanmacpa01.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

macpaolo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di mr.flappo

Esordiente