leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Saggi Brevi

Lettore parruccone

Pubblicato il 29/12/2017

Personali considerazioni sulla letteratura classica

25 Visualizzazioni
9 Voti

Ogni benedetto giorno una litania riecheggia contro le pareti del mio cranio: dovrei leggere più narrativa contemporanea, dovrei leggere più narrativa contemporanea… Più diventa insistente, e più le mie mani sfogliano libri di epoche distanti, con ben altre speranze e idealismi, gravide di un ottimismo romantico verso l’umano e il suo futuro, non più immaginabile dal disincantato XXI secolo. Erano tempi granitici, gli autori si arrogavano il dovere di raccontare le cose come stavano, l’onniscienza narrativa faceva da padrona e con lei un punto di vista ben preciso sul mondo.

Lo ammetto: sono un parruccone della letteratura, troppe mie letture si fermano ai primi del Novecento, e i miei autori preferiti nemmeno ci arrivano. Il romanzo situato fra la fine del Settecento e l’intero Ottocento trasmette un forte senso di maestosa sicurezza, tanto da suscitare in me un sentimento vicino alla venerazione, estasiato da cotanta grandezza. Le ambientazioni, i personaggi e le vicende trasudano di una ricchezza sentimentale che colmano la mia sete di ascoltare storie, così profondamente da ignorare, inconsapevolmente, la mole tsunamica di libri che vengono pubblicati ogni anno. Grave errore, anzi gravissimo. O forse no. Non ne ho idea. Ho solo constatato che, ad un certo punto della storia, la letteratura si trasforma in un monstrum che infrange ogni fondamentale parametro romanzesco precedente: la trama, le coordinate spaziotemporali, la rigidità morale dei personaggi. Comincia un caos devastatore verso ogni ordine costitutivo: entra in scena l’antieroe, implode la linearità cronologica e scompare qualsivoglia messaggio o, per così dire, morale da trasmettere al lettore. Dio muore, e con lui l’Uomo ideale. È un processo naturale, una delle numerose crisi che emergono dal non riconoscere più delle opere artistiche come totem sociali in grado di dare voce al sentimento comune. I vari Hugo, Austen, Dickens e Manzoni subiscono un urto spietato da scrittori che, come arieti d’assedio, polverizzano le mura di cartapesta da loro erette. Tra le macerie emergono i Kafka, Joyce, Musil e Pessoa, individui spinti da un impulso devastatore verso ogni impalcatura fantoccia che incarni delle assodate modalità percettive, riguardanti il tempo, la morale e qualunque tipo di Provvidenza. Il mondo di questi romanzi viene assoggettato da un disordine che atterrisce il protagonista, il quale, spinto dall’insensatezza degli eventi, si abbandona ad azioni incomprensibili, oppure all’immobilità più totale. Nessun deus ex machina verrà a soccorrerlo, la loro solitudine cozza contro l’impenetrabile indifferenza di un demiurgo sordo ai lamenti degli uomini.

Forse, saturo di filosofie nichiliste, mi concedo brevi momenti d’evasione (ahia, che brutta parola) in una realtà più semplice, linearmente diretta verso un fine tangibile, ma evidentemente illusorio.

Logo
2869 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (9 voti)
Esordiente
8
Scrittore
1
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Saverio Scalise ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Stelliria ha votato il racconto

Esordiente
Large 893729627.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Carla ha votato il racconto

Esordiente
Large icotypee.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large 16473415 10211800492989923 9076187808915744205 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Kadermaria Aly ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170602 wa0005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large snoopy scrittore.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Maria Cristina Vezzosi ha votato il racconto

Esordiente
Large 1510761479916.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Emanuele SZ

Esordiente