leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

My Magma

Di Binskij
Pubblicato il 14/05/2017

Ci sono pensieri che acquisiscono uno spessore tangibile, una pesantezza palpabile, una dimensione fisica. La loro vita non è destinata a rimanere entro i confini dell'encefalo, ma ad espandersi al resto del corpo, colonizzandolo. Non a caso si dice "mandare giù il rospo".

20 Visualizzazioni
7 Voti

Ci sono pensieri che ti pongono così a rischio d'ustione che... È la tua stessa testa, con un meccanismo difensivo per te inconscio, a solidificarli in una manciata di grumi più tiepidi, che vanno man mano raffreddandosi, come lapilli magmatici che tuffati nell'aria mutano in piccole rocce laviche. Nero inchiostro.

Quando ti erutta tra capo e collo - anzi, in capo punto - il pensiero vulcanico, spalanchi la mente, la scoperchi il più possibile, per farci entrare un'altra combriccola di pensieri che spengono quello lì bollente disperdendolo nella folla. Così l'atmosfera si arieggia e il tuo pensiero surriscaldato si raffredda in sassolini scuri. Ecco la questione: i sassolini sono prede indifese della gravità e rotolano giù per la faringe, laringe. All'epiglottide qualcuno vince il biglietto della lotteria per passare all'esofago e farsi il tour più lungo, più in profondo; i meno baciati dalla Fortuna imboccano la trachea e si gettano nei polmoni, perdendosi nell'intrico dedalico di bronchioli, giocano a nascondino per poi giacere, sfiancati, sul fondo di ogni alveolo. Che li accoglie con premura.

Gli esploratori dell'esofago si sentono in un parco acquatico e insieme sulle montagne russe, con tutti quei movimenti peristaltici che li fanno schiantare a singhiozzi sulle pareti e tra di loro, in una festa di urti elastici e non. Sanno che la loro meta sta nelle viscere, nessuno li ferma. Sono le parti visceronaute del pensiero vulcanico iniziale. Abbattono senza pensarci due volte tutte le porte. Cardias: sguazzano nel pH acido dello stomaco senza timore. È grazioso stare in quella sacca dove accoccolarsi, ma sanno che poi li aspetterà uno slalom labirintico molto più eccitante. Allora SBEM, abbattono anche il piloro e si fiondano nell'intestino tenue. Anche se loro sono tutto meno che tenui.

I villi gli fanno il solletico come un mare di minuscole ditina soffici. Non riescono ad assorbirli però, perché i sassolini lavici sono belli compatti e stoici. Piuttosto, si incastrano definitivamente qua e là al sicuro in quel giga pettine chilometrico e continuo fatto di villi digitiformi. Perfetto, sono al sicuro e lì l'ambiente è anche a pH neutro, nessun turbamento e fatica.

Tutto è bene quel che finisce bene. E tu?

Tu invece non stai proprio una meraviglia quando si verifica la pioggia di granelli interiore. Senti come dei sobbalzi pruriginosi, una cascata di pugnetti che scivola nel ventre spietata; senti franare delle pareti e questo smottamento si ripercuote in ogni antro, rimbalza e si amplifica, costante nella sua discontinuità. E i granelli si scalfiscono, le loro scaglie schizzano per la tangente e fendono tutto quello che trovano lungo la loro traiettoria. Disseminano microlesioni e quello che senti è una raffica disordinata di spilli, che spillano il tuo nettare avidamente.

Passeggi portandoti appresso con eleganza l'evento atmosferico scomposto che ti si sta verificando nelle interiora, rassicurata dal fatto che pian piano andrà autosminuzzandosi, smorzandosi, nulla potrà uscire fuori.

E ti accorgi in una realizzazione che squarcia in due il tuo orizzonte mentale come una cometa ghiacciata che... Gli spillini non fanno male. Ti stanno solo pungolando, in un'azione concertata che ha come unico scopo quello di svegliarti. Il metodo è lievemente spigoloso e tagliente, ok, ma così non può di certo passare inosservato alla tua coscienza.

E in quei momenti copri d'oro ogni pensiero bollente che ti è gemmato o che lo farà in futuro, perché ecco cosa sono capaci di fare. 

Logo
3550 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (7 voti)
Esordiente
7
Scrittore
0
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large snoopy scrittore.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Maria Cristina Vezzosi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Leandro Malacarne ha votato il racconto

Esordiente
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large martinopas.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Pakoloco ha votato il racconto

Esordiente
Large foto typee.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Borago ha votato il racconto

Esordiente
Large 15590653 1387436257979247 1476470206391788711 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Edema Ruh ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2017 05 14 at 20.32.43.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Binskij

Esordiente