leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Noir

Senzazioni e visioni

Di Alexpt
Pubblicato il 15/11/2017

Un dono forse, forse fardello, sempre pesante

7 Visualizzazioni
3 Voti

Non capita anche a voi quella sensazione? Io qua ci sono già stato, non saprei come definirlo se impressione o che, ma la netta percezione d’essere già stato in questo luogo!

Ecco a me capita di continuo, uniamolo alle visioni et voilà il gioco è fatto! Fortunato? No! destinatario di un dono? No, nemmeno! Croce, la definirei tale, questa spada di Damocle.

Ogni qualvolta entro in qualche posto nuovo, ogni qualvolta strigo la mano a qualcuno, a volte mi basta sfiorare le persone, vengo catapultato non so dove; passato, passato remoto, futuro, futuro prossimo, boh! Almeno lo capissi, potrei trarne un qualche vantaggio diciamo “finanziario”, invece nulla che indichi in quale spazio temporale; se non l’arredamento, lo stile nel vestire, il linguaggio; a volte riesco a capire in che epoca mi trovo; altre no, soprattutto nel futuro come ben possibile intuire. Del passato abbiamo coscienza, del futuro no.

Bel cavolo di dono comunque, stringo la mano a qualcuno ed hop! Catapultato nello spazio temporale per vedere qualche cavolo di episodio nella sua vita che manco mi frega, a volte si!

Come quando ho stretto la mano al mio nuovo superiore ed ho visto nel suo passato come aveva fatto a far carriera così rapidamente; le malelingue dicevano grazie al matrimonio con la figlia del presidente, io aggiungo spassandosela col diretto interessato, la figlia è stata portata in dote per allontanare dubbi e malelingue; ovviamente lei ha accettata di buona lena; pena la conseguente eliminazione diretta dal plesso ereditario! Ma poi, cosa gliene frega! Lei è molto più interessata alla brunetta del terzo piano! Questo lo scoprii sfiorandola in ascensore! Papà bisex, figlia diretta ereditaria, in ogni senso

Chi mi vuol stringere la mano per primo? Chi mi vuol dare confidenza temporale per primo? Piano, piano, senza spingere suvvia. Vi posso dire del vostro passato, ma tanto che vi frega voi lo conoscete, vostra moglie e/o vostro marito no però! Sono a conoscenza degli altarini altrui senza volerlo, tresche in ufficio, incontri furtivi in auto, alberghi, cantine! Che tristezza ma tant’è contenti loro.

Quello che maggiormente mi mette a disagio è quando vedo il passato ma non vedo futuro, il messaggio purtroppo è chiaro! Non ci sarà un futuro, c’è un passato ma ci si ferma al presente, questo è veramente triste; incontrare persone senza futuro, che non sanno di non averlo; a volte ho l’impeto di dirlo “Stringa forte suo figlio e sua moglie stasera, potrebbe essere l’ultimo abbraccio! Il suo capitolo è chiuso, epilogo, end, fine, stop!” Ma non la prenderebbero bene, per cui lo tengo per me.

Ogni giorno, quando prendo la metro è un continuo susseguirsi di immagini, protagonisti i miei compagni di viaggio, a volte vedo il fulgido proseguimento delle loro vite, altre vedo la tristezza chiusa nei loro cuori per dimenticare, scordare un passato scomodo o indesiderato. Sovente entrambe, passato da cancellare, futuro … anche!

Tradimenti, bugie, storie, racconti; ogni giorno capitoli di vita mi passano davanti, ecco la solita signora con gli occhi tristi, succube di un marito insoddisfatto che la maltratta; dietro di lei la ragazzina che ruba i soldi alla madre per comprare i vestiti griffati. Il bambino che inventerà un nuovo sistema operativo per sistemi di comunicazione integrati di fascia mid-level; ognuno con la sua storia da condividere, che sovente vorrei non condividessero con me! Coi loro cari, ma non con me!

Cosa potrebbe succedere se avvertissi del pericolo, potrei cambiare il decorso storico, generare smottamenti temporali. No! Devo tenermene al di fuori, non posso dire al signore alla mia destra che il tumore lo stroncherà tra meno di un anno, non posso sapere chi il destino termini o faccia continuare. Se lo avvertissi e costui fosse il furher del nuovo millennio? No, ho ripromesso a me stesso di starne al di fuori e così farò!

"Permesso, permesso!"

Eh, dove va con tutta sta fretta, siamo in metro mica può uscirne!

Elegante, ben vestito, sbarbato, carino ma … violentatore! Maledetto, attrai ragazzine su fBook, l’ho visto chiaramente quando mi hai sfiorato! Tu si che meriteresti che qualcuno mi desse retta e potessi fermarti! Ma chi? A chi ti denuncio? Alla polizia? Con quale accusa? Un pazzo visionario dice che nelle sue futurama mentale lo ha visto violentare una ragazzina? Tempo 5 minuti e l’Avv. AzzeccaGarbugli lo fa uscire!

Fatti sfiorare, meglio toccare per qualche istante, immagini nitide! Eccoti, perseveri maledetto, quante volte lo hai fatto!? Parecchie! Un susseguirsi di immagini, non chiare, una, due, tre, quattro? No, ancora! Hai cominciato giovane, maledetto!

Avrei voglia di …NO, devo starne fuori ho detto! Non posso modificare il corso degli eventi, forse a qualcosa servi pure tu parassita della società!

Riuscissi a toccarti bene, a stringerti la mano, forse riuscirei a rallentarti, avvertire le future poverine, che possano scappare. NO! Devi strane al di fuori! Maledetto, quanto nascondi nella tua mise così elegante, bello fuori ma marcio dentro, marcio proprio.

Eccoti, vediamo se riesco a toccarti ben benino! Vicino alla fermata ci si accalca, forse riesco ad avvicinarmi e darti una “toccatina premonitrice”. Mentre la metro rallenta, ci stringiamo ancora di più, ecco porte aperte, tutti belli vicini vicini...eccoti…eccoti…preso! oh cristo! Maledetto, maledetto, non te lo permetterò!

“Mi lasci il braccio, mi fa male, non stringa, come si permette! Mi lasci! Aiuto, aiuto!”

NON TE LO PERMETTERO’! non lascio scorrere via stavolta! Maledetto, giù, giù, giù! Sotto la metro maledetto! Ti devo fermare

Non ti permetterò di violentare mia figlia! Questo no! Mai! Ti devo fermare! A Qualunque costo! Giù, giù! Sui binari!

VRRRROOOMMM!

“Ommioddio! L’ha buttato sotto la metro! Ma lei è pazzo! Mi stia lontano! Aiutoooo!"

Si, pazzo ma d’amore, per la mia bimba, non potevo permetterlo! Nessuno mi crederà mai! Ma sono nel giusto! Devo solo dimostrarlo ….

Logo
5922 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (3 voti)
Esordiente
2
Scrittore
1
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large konstantinos kavafis.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Kavafis ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1218.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di Alexpt

Esordiente