leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Tartine al paté

Di Silvia
Pubblicato il 09/06/2017

46 Visualizzazioni
16 Voti

Il loro è stato un rapporto totalizzante.

Erano gli anni Settanta, l'unica cosa che poteva distrarli dal loro amore era la politica.

Poi c’erano i libri, il tennis, i viaggi sulla Renault rossa, il campeggio, le mostre, il teatro, il cinema d’autore con i sottotitoli, le serate in casa a bere vini liquorosi discutendo con gli amici e a fumare quelli che chiamano ancora spinelli.

Poi, sei arrivata tu e gli anni Ottanta.

Tu hai reclamato un posticino a tavola. Ti andava bene il lato corto, ti piaceva guardarli cinguettare di libri e politica.

A volte li interrompevi con un pianto, poi con richieste semplici, capivi che a tavola il cibo non era centrale, loro volevano parlare, mangiavi in fretta per andare in salotto a vedere la televisione, al massimo chiedevi che ti passassero il sale o l’acqua e poi li lasciavi da soli, il loro mondo non lo capivi ancora.

Qualche anno dopo hai deciso che per avere la loro attenzione forse dovevi dimostrare qualche velleità artistica.

Facevi dei disegni, poi dei dipinti, ma non venivano accolti con grande entusiasmo.

Declamavi poesie, ma le loro critiche amorevoli ti stroncavano.

Hai suonato il violino, hai fatto danza, ma ti dicevano che eri un po’ fuori tempo, un po' sovrappeso.

Sei cresciuta, ma non amavi il tennis, amavi la pastasciutta che faceva la mamma di Zucco Maria.

E tua madre che poteva saltare tranquillamente i pasti per nutrirsi solo di libri e sigarette iniziava a sospettare che fossi diversa, diversa da loro.

Nel tempo allora hai rivendicato la tua diversità impegnandoti su tutti i fronti.

“Voglio fare catechismo, forse diventerò suora” hai detto, e loro: “beh, studia e ne riparleremo” ti hanno risposto senza muovere un ciglio. Loro che non ti hanno voluto battezzare.

“Quanto mi fumerei una sigaretta” hai detto cercando di provocarli il giorno del tuo sedicesimo compleanno “certo, ci starebbe bene, tieni i soldi. Marlboro light per noi” ti ha risposto tuo padre sbadigliando. Poi eravate voi tre e un posacenere, e il fumo ha perso di fascino (ne terrai conto quando avrai un figlio adolescente).

“Mamma, papà: sono di destra” hai detto per scatenare il panico in famiglia. “ A 17 anni è giusto che tu scelga autonomamente per chi votare”ti hanno risposto all’unisono.

All’università le tue letture e i tuoi studi ti hanno permesso finalmente di intrometterti nei loro discorsi a cena e di essere trattata come un'adulta.

“Mamma, papà lui è Paco l'ho conosciuto l'ultimo giorno di vacanza a Ibiza, verrà a stare da noi mentre siete in Thailandia, è un problema?”

“Certo che no, tesoro, dai tutti gli esami però.”

La mamma di Zucco Maria a Maria questo non gliel'avrebbe mai permesso.

Amici e fidanzati entrano ed escono dalla tua stanza, prendi treni a caso, torni all'alba, porti gatti randagi a casa. I tuoi che hanno girato con una compagnia teatrale, impassibili sanno che "devi esprimerti, devi fare le tue esperienze".

Sei cresciuta forte e selvaggia, indipendente come loro, ma ti mancano dei no, ti mancano le cose che hai visto nelle altre case.

Pranzi in famiglie numerose, tavole imbandite, genitori affettuosamente severi.

A casa tua a pranzo la domenica si mangia in piedi, possibilmente finger food.

Persino alle elementari, in gita, mentre tutti sfoderavano panini al prosciutto, tu tiravi fuori una tartina al paté.

Sei cresciuta, è vero, forte e selvaggia, ma ti manca qualcosa.

Ti senti fiera e li vedi fieri, il giorno della tua laurea.

“Quando te ne vai di casa?” Ti chiedono il giorno dopo.

Ora vivi sola da qualche anno, la televisione ce l’hai in cucina e a pranzo ti fai la pasta al pomodoro come quella che faceva la mamma di Zucco Maria.

Ti sei sposata in fretta, troppo in fretta non hanno osato dirti i tuoi genitori.

Il tuo desiderio di stabilità e la voglia di avere un rapporto unico come il loro ti hanno influenzata in ogni scelta.

Quando li vai a trovare e li osservi, ti rendi conto che sei un'ospite in casa loro, e forse lo sei sempre stata.

A tavola chiedi una tartina al paté e li osservi mentre commentano un concerto di musica classica.

“Mamma, papà. Ho chiesto il divorzio.” Questa volta sei seria.

“Il divorzio? Beh, tesoro. Avrai avuto le tue sane ragioni. Il matrimonio non è per tutti.”

“Non vi ho delusa?”

“Non avevamo aspettative.”

“Come no. Le avevate eccome, ma non me lo avete detto.”

“Non devi fare le cose per noi, ma per te stessa.”

“Sarebbe carino ogni tanto essere appoggiati.”

“Lo abbiamo fatto, ma non volevamo influenzarti nelle tue scelte.”

È un vecchio discorso e sai già come andrà a finire.

Tirerai fuori la storia delle tartine al paté al posto dei panini al prosciutto, i saggi deludenti, la tua inadeguatezza, la loro distrazione.

E loro, loro ti diranno che hanno rispettato ogni tua scelta anche quando non gli sembrava giusta.

Avresti poi capito da sola. Era un attestato di stima.

E se le tue poesie non sono mai piaciute è perché in effetti non era la tua strada, loro gli articoli di giornale che scrivi li fanno leggere agli amici.

E se a danza eri fuori tempo e col violino eri una schiappa, nel nuoto eri una fuoriclasse e all'università eri brillante. Ma non c'era bisogno di dirlo.

E se con questo marito non è andata, era il destino.

Non sempre si trova un amore come il loro ti dicono accarezzandoti una mano.

Ci hai messo un po' a capire che prima di tutto i tuoi genitori sono solo due persone un po' strambe che ti hanno messa al mondo.

Possono essere un po’ stronzi, pensi mentre azzanni una tartina, ma chi può dire come sarai tu con tuo figlio. E una mano ti scivola distrattamente sulla pancia, proprio lì dove si sta formando una nuova vita.
"Mamma, papà..."

Logo
5587 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (16 voti)
Esordiente
16
Scrittore
0
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large snoopy scrittore.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Maria Cristina Vezzosi ha votato il racconto

Esordiente
Large 11041905 10155850235400355 4699280696310569245 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Emanuela Frassinetti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Antonella ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1664.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

davidez ha votato il racconto

Esordiente
9a1da9fd6863de024db9d0b73434e8bd 400x400

GG_AUSO ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Lisè mariu ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large bee.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Bee ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 18950996 10212923992997275 7295244578491416646 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Tommaso ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1218.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente
Large icotypee.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large image.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paola Martinatto Maritano ha votato il racconto

Esordiente
Large 10952889 10206088355718902 8823789925312877026 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Francesco Spiedo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170602 wa0005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large martaself.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Marta Balestreri ha votato il racconto

Esordiente
Large  dsc8920 bn.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Silvia

Esordiente