leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Romance

Uinter is caming

Di mave
Pubblicato il 06/12/2017

20 Visualizzazioni
4 Voti

Forse quando diventi grande smetti di scrivere d’amore.

Forse bisogna essere poeti per scrivere d’amore da adulti.

È possibile che ci si possa rendere conto che si è diventati grandi quando si smette di scrivere d’amore.

E tu, che ne sai tu dell’amore?

Tu, dietro quella foresta di ciglia a nasconderti gli occhi, che ne sai?

Quegli occhi maledetti ed esplosivi che - contrariando tutte le leggi della terra - te li hanno messi lì più per farteli guardare che per guardare.

Che ne sai tu?

Che parli per ispirare, che vivi per ispirare l’universo.

Ho scoperto che il mio divano è assai più confortevole se ci sei tu sopra.

Ho scoperto che la mia casa sembra mia davvero se ci respiri tu dentro.

Io mi so’ accorto che cucino qualcosa solo se lo preparo per te, che fino ad allora mi limitavo a cuocere cibo.

Tu, invece, che ne sai?

Che canti e che ridi, che dormi e che ti leghi i capelli. Che ne sai?

L’amore. L’amore è una gigantesca illusione, è un’inganno dolce e debilitante, è un vortice di contraddizioni goffe, di impreparata preparazione.

Tu non sai niente, come Gion Snò.

Io scrivo d’amore per ingannare il tempo, per fingere che non sto diventando più vecchio di un giorno, io scrivo d’amore perché lo conosco, perché m’ha lasciato buchi nel petto grossi come palle da biliardo.

Ma tu, tu che ne sai?

L’amore passa, l’amore resta e non sempre quando lo vuoi tu.

L’amore è un ospite che ti citofona in un uggioso pomeriggio di novembre, gli apri la porta, lo trovi bagnato e stanco e in quel momento ti pare ‘na cosa ovvia dirgli che può restare.

E lui sta lì e ci resta più di quanto avrebbe dovuto, ti occupa le camere, ti sposta le cose, ti lascia la televisione accesa anche se non la sta guardando.

L’amore è guerra fredda. È contraddizione. L’amore è una larva bastarda,

L'amore è un figlio di puttana disattento e noncurante.

Tu non lo sai, con quella purezza inconcepibile e avvolgente, tu non sai un cazzo.

Tu, magari, ti pensi pure che l’amore è ‘na cosa bella, ‘na liberazione.

L’amore è ‘na prigione di merda.

Ma tu, tu spari arcobaleni dal cuore, tu hai quella voglia di vivere che smussa gli angoli dei mobili e stura i lavandini, tu non lo sai.

Tu non hai niente a che vedere con l’amore, l’amore non ha niente a che vedere con te.

Guardalo, ’st’amore, devo stare qui a parlarne perché così mi convinco che non sono diventato adulto, guardalo: pretenzioso e saccente, consapevole di quanto sia necessario, per le persone, usarlo per rimanere bambini.

Lì, con quel ridicolo cappello in testa, non vedi quanto è ridicolo quel cappello, imbecille?

E forse è meglio che non lo sai, che non sai tutto questo, così non devo sta’ lì ad annoiarti per tentare di spiegare, di farti capire.

Per dimostrarti come, tu sei la meraviglia e l’amore è ‘na chiavica.

Tu e l’amore non c’entrate un cazzo.

No, tu sei cosa altra, ma non lo sai, perché non sai niente.

Pure peggio di Gion Snò. ​

Logo
2885 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (4 voti)
Esordiente
2
Scrittore
2
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Giulia Grimaldi ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large 02ce7aee 4fae 4bdd 8b26 be33b95e6255.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Phi ha votato il racconto

Esordiente
Large icotypee.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large firma gmail.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di mave

Scrittore