leggere e scrivere online
Mod anteprima.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

I vincitori

Primo classificato del premio letterario “Il titolo e altri racconti” è
Fuga in Fa maggiore di Giulia Lombezzi

Motivazioni della giuria:
Eugenia Dubini (NN Editore): “Fuga, l’ho trovato il più convincente e toccante, per uso della lingua e voce, incisiva, chiara. Buoni i passaggi di registro, anche in poche righe, e capaci di seguire il personaggio. Neo, il finale, un po’ tronco, a rischio di banalizzare l'emozione.”
Helena Janeczek (scrittrice): “La qualità maggiore di Fuga in fa maggiore sta nella capacità di trasmettere in modo laconico e preciso (anche grazie all'invenzione di dettagli assai pregnanti) l'acquiescenza alle altrui aspettative.”
Marco Vigevani (The Italian Literary Agency): “È un racconto intenso, preciso, fulmineo, la storia di un terrore e di una colpa, la traccia di una vita. Il più risolto anche dal punto di vista formale, bisogna solo sperare che l’autore o l’autrice non si adagino troppo sulla loro capacità formale, ma si permettano qualche imperfezione.”


Secondo classificato del premio letterario “Il titolo e altri racconti” è
Dispersioni di annasiccardi

Motivazioni della giuria:
Eugenia Dubini (NN Editore): “Dispersioni, l’ho trovato ricco di spunti, ma sono comunque troppi in così poche pagine, e si perde qualcosa nella lettura, nel ricordo. Lingua più tradizionale e composta, ma buona la costruzione dell'atmosfera.”
Marco Vigevani (The Italian Literary Agency): “Forte l’idea del parallelo tra lupi e uomini, evocativa la vita del ragazzo in paese e la lingua è concreta e ricca di immagini allo stesso tempo. La fine è un po’ troppo simbolica per il mio gusto.”


Terzo classificato del premio letterario “Il titolo e altri racconti” è
Gli immortali di Francesco Giovenco

Motivazioni della giuria:
Helena Janeczek (scrittrice): “Di Gli immortali mi è piaciuto tantissimo la capacità di riproporre una situazione narrativa incontrata mille volte nella letteratura giovanile: i ragazzi presi dagli esami e dalle partite della scalcagnata squadra di calcio. Questo "Derfel" in due paginette diventa un vero personaggio.”
Marco Vigevani (The Italian Literary Agency): “Poteva essere il migliore per la capacità di tratteggiare rapidamente persone e situazioni, per i buoni dialoghi, ma finisce senza senso, è mozzo.”


Quarto classificato del premio letterario Il titolo e altri racconti è
La Malaparata - A stare fermi, da felici, son bravi tutti di Giabi

Motivazioni della giuria:
Marco Vigevani (The Italian Literary Agency): “Anche qui un’idea buona - avvicinare i piccoli inconvenienti quotidiani al Grande Inconveniente della morte - ma una lingua priva di controllo, una fine che lascia a desiderare.”
Helena Janeczek (scrittrice): “La malaparata mi è sembrato il più perfetto dei racconti, ottimo nel conciliare anche stilisticamente un ancoramento nella tradizione letteraria italiana e spunti molto più contemporanei che non risultano mai stonati o forzati.”


Quinto classificato del premio letterario “Il titolo e altri racconti” è
Benvenuti, viandanti di Lorenzo Pedrazzi

Motivazioni della giuria:
Marco Vigevani (The Italian Literary Agency): “Il regime di limitazione verbale è un’invenzione interessante ma rimane tale non è veramente sviluppata, è un’idea kafkiana, ma ci vorrebbe appunto Kafka o almeno una sua depotenziata reincarnazione.”
Eugenia Dubini (NN Editore): “L’incipit è forte e convincente, così come la lingua. Buona la rarefatta costruzione dell’ambiente. Molto meno incisivo lo svolgimento della trama, gli snodi, il finale.”