Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

1969

Pubblicato il 16/07/2020

Un rumore, un gemito acuto, e il sospiro che accompagna un sussulto improvviso.

93 Visualizzazioni
20 Voti

Era estate. Il sole di luglio sbiadiva i colori. Nell’implacabile e vibrante aria bollente l’erba si faceva giallognola, e la terra secca si crepava in vere e proprie autostrade per formiche, ormai uniche padrone del giardino: era la tirannia del sole, e non si poteva uscire.

Io stavo disteso sulle piastrelle fresche del corridoio (tra i muri della mia stanza, chissà perché, m’annoiavo). Dopo qualche minuto a contatto con la mia pelle, però, le piastrelle diventavano tiepide e umidicce del mio stesso sudore. Cambiavo posizione, strisciando un po’ più in là, e intanto scavavo con le dita nelle fessure del pavimento.

Fu in un giorno simile, immerso in una simile occupazione, mentre fuori vigeva l’egida di un simile caldo, che a furia di spostarmi un metro più in là arrivai fin davanti alla stanza di Francesca, la mia feroce sorella maggiore.

Sdraiato prono con le dita intrecciate sotto al mento squadrai la pesante porta di legno, chiusa. Vista dal basso sembrava più alta, più imponente, ma quel suo troneggiare non mi incusse timore, anzi aprì gli argini della mia fantasia. Sembrava la porta d’accesso ad un altro universo. Iniziai a vagheggiare, socchiudendo gli occhi e affidandomi agli zoccoli alati della mia immaginazione: folletti, fate? Cavalieri? O c'era lo spazio, dietro quella porta, e Armstrong che mi portava con sé sulla Luna? Che fico, Armstrong. Sorrisi pensando all’eroe scoperto qualche giorno prima, e stavo per cambiare posizione rotolando verso la frescura di nuove piastrelle quando qualcosa mi fermò. Un rumore, un gemito acuto, e il sospiro che accompagna un sussulto improvviso. Veniva da là, da dietro quella porta che ora mi incuteva un po’ più di timore: un non so che mi suggeriva che non sarei dovuto essere lì, che se la spietata Francesca, di sette anni più grande di me, fosse uscita in quel momento… Si sa come sono le sorelle maggiori: non avrebbe apprezzato quella mia posta, che poi posta non era, ma solo ricerca di un po’ di fresco. Andare? Rimanere? Curiosare? Ormai le fantasie dei folletti, delle fate o della luna erano state spazzate via, ora potevo vaneggiare solo di solide realtà. Cos’era stato quel gemito così insolito, ma anche così reale? La noia dell’estate, i divertimenti negati per via del troppo caldo, il piacevole brivido della paura di essere scoperti, tutto questo fece sì che le mie dita intrecciate sotto il mento si slegassero e strisciassero silenziose sul pavimento fin sotto le spalle. Piantai il peso sulle braccia e mi tirai su: mi ritrovai subito rannicchiato davanti alla porta con l’orecchio destro attaccato al legno. Trattenevo il fiato, mentre ascoltavo qualcosa dentro la stanza di mia sorella muoversi in un dondolio costante. Qualcuno dal piano di sotto tossì e i rumori si annullarono. Qualche secondo di vuoto e di silenzio assoluto: tutto sembrò essersi fermato. Per un momento si sentì solo il mio cuore battere fortissimo. Poi ogni cosa riprese uguale a prima: il cigolio ad intermittenza, e quel sospiro, e il gemito, e il sussulto. Aumentavano di volume, d’intensità e di frequenza, fino a che la mia curiosità non poté più trattenersi. Senza pensarci troppo, girai la testa staccando l’orecchio dalla porta e appiccicando l’occhio destro al buco della serratura. Le gambe mi dolevano per la strana posizione in cui m’ero messo, e cercavo di contenere il fiatone causato dalla lunga apnea di poco prima. Né il dolore alle gambe né la sensazione che i miei polmoni potessero scoppiare, e nemmeno la paura che qualcuno salisse le scale e sbucando dal fondo del corridoio mi sorprendesse in pieno spionaggio, furono motivi abbastanza forti da farmi rinunciare a quella nuova visione. La stanza di mia sorella era invasa dal sole, che in questo caso non sbiadiva, ma anzi accendeva il colore roseo di due corpi nudi intrecciati, avvolti uno dentro l’altro, sopra l’alto letto dove io pensavo che mia sorella dormisse soltanto. E scorsi le ciocche bionde di lui, e per un secondo la fronte corrucciata di lei, e poi l’onda del bacino di lui che premeva e ripremeva contro il ventre di lei. Non so dire quanto andò avanti quello spettacolo, so solo che loro sembravano sempre più affannati e la mia bocca era sempre più spalancata per l’eccitazione della scoperta di qualcosa che non conoscevo e che finalmente andava a interrompere quel ciclo smorto di giornate troppo calde e senza fine.

Poi un urlo di donna, da fuori, spezzò l’incantesimo.

-Raimondo!- e poi, più acuto -Raimondo!-

Il biondino fino ad allora fuso nel corpo con mia sorella reagì prestissimo al richiamo materno. Si staccò, baciò Francesca sulla fronte, si rivestì e come un lampo sparì fuori dalla finestra (aggrappandosi ai rami dell'olmo lì vicino era facile salire e scendere senza rischiare troppo). Francesca rimase beata sul letto, completamente nuda, a guardare nella direzione in cui il suo Raimondo era sparito.

Fu così che scoprii la magia dell’amore, e che mia sorella se la faceva con il figlio dei vicini. 

Logo
4978 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (20 voti)
Esordiente
13
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
1
Belleville
0

Voti della scuola

Large 06 18 2020 lascrittricechelegge post social.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marina Mander ha votato il racconto

Scuola

Una specie di freudiana scena madre che mette in scena la sorella maggiore. Tutto bene, è un bel tema universale che, però, nello specifico si perde in troppi dettagli: la scelta di descrivere quasi in slow motion i gesti del protagonista non è funzionale a condurre all’agnizione, visto che il finale è telefonato, e finisce col rallentare il ritmo, amplificando inutilmente il racconto. Anche lo stile risente di pari enfasi: l’egida del caldo, il troneggiare della porta, gli argini della fantasia, gli zoccoli alati dell’immaginazione, vaneggiare di solide realtà… Ecco, io, abbandonerei i voli pindarici di un linguaggio poco coerente e tornerei con i piedi per terra, alla solida realtà dei fatti: la scoperta dell’amore adulto vista con gli occhi e con le parole di un bambino. Segnala il commento

Commenti degli utenti

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Maurizio Ferriteno ha votato il racconto

Scrittore
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Simonetta Gallucci ha votato il racconto

Esordiente
Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Scrittore
Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large e9c4f203 dabe 4088 be73 459912612d33.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Catemilia ha votato il racconto

Esordiente

BellissimoSegnala il commento

Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Cosa stesse succedendo era chiaro da subito ("gemiti" è inequivocabile"), ma narrato dal punto di vista di un bambino, con il suo stupore, fa sì che la lettura del racconto sia divertente e piacevole. Segnala il commento

Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large d504120d 8261 4d9c 8a4b 929afee27259.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ilyn Peyn ha votato il racconto

Esordiente

Buon ritmo e le immagini sono fresche, evocative e originali.Segnala il commento

Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large 6ee24cff 185b 4a46 bc30 00c7958f3805.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondina ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Esordiente

Buona la tua prova d'ingresso. Segnala il commento

Large images.jpeg.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large dsc 7781 graf.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laure h ha votato il racconto

Esordiente

A me piace perché non stupisce con effetti speciali o giochi di equivoci. Accompagna il lettore verso un finale noto da subito e forse proprio per questo ci si gusta ogni parola. Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Mentre il piccolo era incuriosito dai gemiti etc, la mia speranza cresceva, ho creduto in un colpo di scena che ribaltasse, invece no, era proprio quello. Segnala il commento

Large 44723295 1854943194583921 2969193831838253056 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Prevedibile cosa stesse succedendo, ma la narrazione è così accurata e gentile che rende piacevole la lettura di una storia del genere. Bello anche il punto di vista del bambino, il modo di vedere la maggiore con così tanto timore.Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large default

di Aida Dupont

Esordiente