Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Avventura

6000 battute

Pubblicato il 19/08/2021

tentando di turlupinare il sito

81 Visualizzazioni
12 Voti

Seimila battute decisero di farsi pubblicare nella comunità di Typee.

Si poteva entrare solo in cinquemila. Anche gli analfabeti lo sapevano, ma loro avevano deciso di sfidare il sistema, limitare al minimo gli spazi, snellire la punteggiatura, raggirare i controlli. Si riunirono ogni giorno, dedicandosi pause infinitesimali, studiando nel dettaglio, cercando di limarsi, fortificando ancor più l’amicizia, le complicità. In gioioso e spassionato sodalizio.

Il gruppo doveva essere più coeso ed unanime che mai; c’era da fare reparto senza offrire la minima breccia, c’era da incunearsi con tatto e furbizia, come una valigia da venti kg tra il bagaglio a mano della Ryanair.

In seimila da una vita. Una pattuglia armonica ed omogenea. Avevano partecipato ad una infinità di concorsi, e ne vincevano a bizzeffe, perché sapevano decisamente come farsi piacere, e tutti erano d'accordo nel definirle un'armata invincibile, compatta, esaustiva. Nessuna battuta che volesse mai ostentarsi a voce solista, e nessuna battuta pleonastica. Ognuna, ad ogni interpretazione, con un compito preciso. Specializzate ormai nel raccontare sempre di storie collettive, come un immenso affresco narrativo che non lasciasse mai, al lettore
- dall’inizio alla fine - nessun interrogativo, dubbio o perplessità.
La loro forza era nello sviscerare, ogni volta, il tema affrontato, rendersi un tutt’uno con le emozioni trasmesse: che illustrassero l’amore, o si spiegassero in thriller, o volgessero al noir, al fantastico, al rosa, all’irreale, comunque, ogni volta, le seimila battute si autodefinivano come mai, senza lasciare ulteriore margine di sviluppo, o una propaggine a rendere inutilmente ridondante l’epilogo.
Il lettore giungeva a fine racconto sempre completamente appagato.

Le seimila battute si conoscevano a menadito, si stemperavano in un caleidoscopio di sfumature, si camaleontizzavano sul display con estro e precisione assoluta, e riuscivano a tirare fuori storie fantastiche da ogni genere affrontato, anche se, bisogna ammetterlo, questa loro celebrata accuratezza favoriva più l’impianto poliziesco ad orologeria piuttosto che il melodramma a sfondo malinconico. Tuttavia, in virtù della loro fenomenale coesione, partorivano ogni volta micidiali gesta, e sempre ad elevato impatto emotivo. Il lettore partiva curioso e arrivava verso la cinquemilaottocentesima battuta già con l’esatta predisposizione verso un finale che - intuiva - lo avrebbe lasciato pienamente soddisfatto.

Alla Redazione di Typee era giunto l’accenno di sfida, e volentieri si apprestavano a raccogliere il guanto; in qualche modo li incuriosiva l'attacco scompostamente eroico lanciato da  questo manipolo di scrittura perfetta che, ad ogni prova, sembrava partorire con nonchalance, il Racconto Ideale:  seimila battute micidiali, alla faccia di quei narratori da 600 e passa pagine, o di quei minimalisti che partorivano haiku insignificanti come scoreggine viziate.
La carica stava dunque tentando l’assalto alla Roccaforte, anche se non si sapeva quale scrittore fosse il prescelto, certo un Esordiente fuori anche dagli altri circuiti, qualcuno da manipolare a loro piacimento. Perché erano esclusivamente loro, a dettare le regole, loro avevano trovato il bandolo della matassa: seimila, non una di più, non una di meno, e la sfida con questa Comunità di pseudoscrittori da max cinquemila battute, era il ring ideale per dimostrare che il numero perfetto andava ampliato, quindi stavano componendosi appositamente, facendo appello a tutte le loro qualità, ogni battuta col suo pedigree, con la sua tendenza alla sorpresa, allo sberleffo o all’emozione. Era capitato, a dir la verità, che qualche scrittore con velleità di protagonismo, cercasse di impostarle a suo modo e maniera, a proprio gusto, per cavarne sensazioni nuove, riflessi appartenenti ad una individuale sensibilità; in quel caso facevano squadra più che mai, confondendolo, l’autore, e creando scompiglio nei periodi che tentava di comporre: gli accartocciavano sinapsi e metafore, si introducevano nelle sue fantasie, in dogmi creduti classici, asservendolo al proprio volere, ricreandolo mezzo per assurgere a dive incontrastate (serviva tuttavia uno scrittore per i loro fini, non potevano presentarsi in autonomia, le convenzioni e l'etichetta andavano rispettate); ma stavolta, le certezze andavano incrinandosi, e per quanto sfidassero a testa alta gli archetipi, si rendevano conto che, man mano che il recinto andava restringendosi, l’ossigeno iniziava pericolosamente a rarefarsi, i corridoi verso il traguardo resistevano senza scalfire il Precetto, e anche lo scrittore scritturato per la bisogna, subiva il fascino delle dinamiche Typee e si stava facendo trascinare verso la Scuola Madre, incrinando gli azzardi del Confronto.

Le seimila battute si ritrovarono per l'ultimo, disperato, tentativo di disarcionare il tastierista indisciplinato, ma ogni stratagemma escogitato sembrava inconcludente, anche stavolta Typee stava vincen 

Logo
5000 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
4
Scrittore
8
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente

A me è piaciuta la tua arringa se voleva esserlo...a mio parere di può dire tanto in poche battute e dire nulla in tante battute. Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 20220917 234924.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Sono favorevole come Tacito alla brevitas. L’interruzione mi ha ricordatp un’arringa di Plinio (il giovane) in cui diceva all’avversario che era un bene che il tempo fosse finito perche probabilmente gli argomenti che non aveva esposto sino ad allora erano tutti nel discorso non detto per via del tempo scaduto. Prima o poi tutti qui hanno detto qualcosa sul sito. È legittimo. Del resto sempre citando Plinio the young nelle pubbliche assemblee (alle quali approssimando puo ricondursi il consesso di Typee) ; i”nihil est tam ineguale quam aequalitas ipsa”. a me sei simpatico e amo il discorso di satira o anche il flame che per essere saporito deve avere un pizzichino di amaro che ad un occhio un po’ sensibile puo parere mancanza di rispetto. Approfitto per dire che Sulla moda del Giappone in italiano sono freddissima. CiaoooSegnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Non mi lascia un granché, al limite solo fastidio per la mancanza di rispetto, che anche nel caso fosse ironica, trovo fuori luogo. Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

:-) Segnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Non vorrei ripetermi, tuttavia riporto un mio commento lasciato a Ti Maddog: uno dei migliori scrittori di Typee, che non raggiunge la vetta dei "più votati" (come del resto altri ottimi autori del sito) solo perché disdegna il criterio dei voti prestati e del lancio dissennato dei pallini. "Negli ultimi mesi, Typee è stato preso d'assalto da critici pseudo-sgarbiani, da blateratori inconcludenti e farneticanti, da zotici che invadono lo spazio della scrittura con lancio d'insulti e commenti imbarazzanti". Sono sempre meno gli utenti che s'impegnano a preservare Typee dall'avanzata dei devastatori. Più che una polemica, la tua è una visione realistica di ciò che sta accadendo a una piattaforma che rischia di trasformarsi nell'ennesimo cortile a cielo aperto per parolai sgradevoli, tanto privi di talento quanto di un minimo di decoro e buon senso. Apprezzo moltissimo il tuo brano.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

Insomma, "Cinquemilauno: Odissea su Typee". Bella polemica condotta in punta di fioretto, ma efficace.Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Interessante e divertente. Spiace un po' per i compositori di haiku, qui ingiustamente vilipesi - ma so che sono quelle monelle delle seimila, non tu a parlare.Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Bravo. Mentre leggevo mi immaginavo un altro finale ma va bene anche questo. E mi dispiace per quelle vanesie delle 6000, ma gli haiku belli e ben fatti sono tutt'altro che insignificanti ;-)Segnala il commento

Large 9788894548259 0 536 0 75.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente

Una grande prova di metaletteratura. BravissimoSegnala il commento

Large img 20200410 070021.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco Battaglia

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work