Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Romance

A Paolo

Di GiaP
Pubblicato il 12/06/2021

Pensieri in libertà, rievocati come cavalli a briglie sciolte nel cuore della notte, ritornano a un amore passato ma sempre presente. Come ogni amore che ci ha segnato la vita.

32 Visualizzazioni
15 Voti

Perché affido sempre all’alcool il compito di riportarmi a me stessa, al centro del mio desiderio?

Ho acceso la luce nella camera troppo calda, dopo che avevo spento l’aria condizionata. Troppo intensa. Così, dopo aver esitato un attimo, l’ho spenta di nuovo, rinunciando a foglio arancione e penna, a favore di una tastiera e uno schermo retroilluminato.

Non amo il carattere calibri con cui cominciano automaticamente i documenti word, così lo sostituisco con un altro che si intona al mio umore. Stasera mi sento “avenir”, e chissà se tra qualche anno, o decennio, rileggendolo, capirò di cosa sto parlando.

Fatto sta che torni tu, tra i pensieri che si rincorrono prima che crollino le palpebre e io sprofondi, come ogni sera, in un lunghissimo sonno. Oggi è il nostro anniversario. Conto due anni esatti da quando ci siamo conosciuti, un po’ per colpa di mia madre a dire il vero, a bordo della piscina dell’hotel dove soggiornavo. Era la prima vacanza che mia madre ed io facevamo da sole, e quasi a testimoniare l’irripetibilità dell’evento, improvvisamente era scomparsa l’elettricità in tutto il quartiere, mi sembra a causa della rottura di una centralina. Così avevamo trascorso tre giorni a lume di candela, private anche del nostro rituale cappuccino, per ragioni che ora non ricordo. Era stata sicuramente una vacanza memorabile e l’ultimo giorno, poco prima della nostra partenza, di fronte al primo cappuccino che aveva seguito di qualche minuto il ritorno della corrente elettrica, eri comparso tu, avvolto in un accappatoio troppo stretto in vita e corredato dal tuo immancabile anello al mignolo.

Te lo ricordi? Ti ho pensato a lungo, sai? E sono tornata in quella vasca, proprio oggi alle ore 12 del 12 giugno, per celebrare il nostro incontro e tutto il bello che ha portato nella mia vita. Mi chiedo cos’abbia significato con te, e non potertelo chiedere è un peso con cui devo convivere. In molti affermano che ho avuto una vita troppo facile. Sono nata da una famiglia agiata e amorevole, sono stata molto viziata, sia economicamente che nelle attenzioni. Ma questo comporta una particolare leggerezza nel mio animo? Io direi proprio il contrario. Vivono infatti in me gli archi di cerchio non chiusi, le emozioni non dette, il silenzio tra le parole, e riecheggiano in un cuore vasto, che talvolta mi sembra possa contenere tutto, talaltra mi sembra doversi fare piccolo piccolo per non disturbare.

In questo cuore oggi ti ho ritrovato. È tuo non solo il corridoio del più acuto dolore, quello dell’abbandono, ma anche la camera del più profondo amore. Fare paragoni al passato è un’operazione sempre ingiusta ed il presente, nel suo durare, ribadisce la forza della sua ragione. Non dico che il nostro amore sia stato meglio degli altri, più vero o più sincero. Anzi. È stato pieno di bugie, le tue, e omissioni, sempre le tue. Anche di cattiveria, la tua. E di rabbia e rancore, questi tutti miei. Non è stato un amore migliore. La sua luce era forse una fiamma infernale che ci ha portati a consumarci, anche fisicamente, traghettando entrambi fuori da noi stessi, in una dimensione impossibile da attualizzare. E sebbene io ancor oggi faccia fatica a dare una definizione a tutto questo, e ancor più un giudizio, so di doverlo chiamare amore.

Amore mio. Ti penso, con un affetto che non muore. Anche se ora non ti sposerei, e non piangerei la tua partenza. Non piangerei il figlio non nato, il segreto non rivelato, il viaggio a Piscinas non fatto. Oggi ti tirerei solo uno schiaffo, quello non dato quando ho scoperto il tuo tradimento. Ma nel mio rancore c’è immenso spazio per l’amore, che è tuo tanto quanto, e che spero ti porterà fortuna. Non ti serve guadagnartelo, te lo regalo con la gioia che nobilita il dono, dandogli così valore. Il valore che il tuo incontrarci ha portato nella mia vita.

Buonanotte Paolo. Ti amo.

Logo
3851 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (15 voti)
Esordiente
12
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large giuseppe.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

giumer1972 ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Andreas ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Ce ne fossero di lettere così. Ci sono molti modi di scrivere sul tradimento, e il soggetto è frequentatissimo. Ma il tuo stile lo affronta in modo davvero peculiare.Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente

Non è facile continuare ad amare dopo un tradimento Segnala il commento

Large ritratto.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

occhineri ha votato il racconto

Esordiente
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Sì, da lontano è sempre più facile. Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large depositphotos 61883317 stock photo cougar mountain lion puma panther.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il puma del Sîambù ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210317 140852.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Enrico R. ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di GiaP

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work