Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Erotico

A trois...

Pubblicato il 29/06/2019

103 Visualizzazioni
13 Voti



Da molti anni possiedo un grattino per la schiena, in bambù, regalo di un' amica del passato.

Si tratta di una bastoncino elegante, con un'impugnatura schiacciata,  e una piccola mano intagliata sul lato opposto, le cui dita leggermente piegate, formano una sorta di uncino, che può arrivare a grattare le zone più impervie e inaccessibili della schiena.

Le soddisfazioni maggiori, a parer mio, si ottengono cercando di raggiungere la parte più lontana possibile, perchè la distanza tra la mano che impugna il grattino e la zona ambita, è responsabile, in maniera direttamente proporzionale, del piacere che ci potremmo regalare, poiché riesce a creare quel distacco temporale minimo, necessario a coltivare, nonché a giustificare, l'illusione tattile che a grattarci sia qualcun'altro.

A dispetto di tutto ciò,  Maria Noemi ed io, ci riuniamo spesso in casa dell'uno o delle altre, muniti ognuno del proprio grattino, e di una minuscola porzione di telo di lino, annodato a nascondere le nostre intimità più evidenti, per dedicarci a gradevoli sessioni di grattamento reciproco, comodamente sdraiti sopra un tatami triple size.

Ogni tanto ci capita perfino di abbandonare lo strumento principe delle nostre riunioni -il grattino in questione-  e a quel punto le nostre sei mani reciprocamente complici, si divertono a sciogliere i rispettivi minuscoli teli,  permettendo ai nostri desideri di esprimersi e incrociarsi con tutta l'intensità del momento: è bellissimo vedere Maria inginocchiata cavalcioni sulle cosce di Noemi, stesa sul tatami a pancia in giù, e il suo magnifico seno che ondeggia morbidamente, mentre lei si protende e si ritrae, intenta a massaggiare  le gambe della sua amica, fino ad arrampicarsi con le dita sulle doline di quel sedere così rotondo...

Noemi manifesta il suo piacere con un ansimare crescente, stringendo le mani sul cuscino, mentre io mi siedo proprio dietro Maria, con le gambe intorno a lei, appena rialzate. Di solito inizio dai suoi lunghi capelli neri, che raccolgo in una coda unica, fermandoli su un lato, con un semplice nodo, per lasciarle libero il collo, e carezzarlo con le labbra, mentre le mani alfine libere, si dedicano alla cura del suo morbido seno, seguendolo in ogni movimento.

Nel frattempo mi è venuto duro come un tronchetto della felicità , e non so più cosa farci, se non abbandonarlo eretto, e non tanto felice, appoggiato sul fondoschiena di Maria. Lei capisce la situazione, e cerca di porre rimedio, girandosi verso di me, e facendomi cenno con la testa e uno sguardo complice, di sdraiarmi sul tatami a tronchetto in su... e dopo un attimo lo sta già coccolando nel modo migliore, tra le sue labbra calde e vogliose. 

Ma Noemi non si è scoraggiata, e si dedica alle cosce di Maria, che ha preso a carezzare con entrambe le mani, aperte, dal basso verso l'alto, con dolce lentezza...finché con la coda dell'occhio la vedo indugiare tra le sue natiche, mentre abbassa la testa, scomparendo alfine  tra le cosce di Maria; ...lentamente sento il suo corpo agitarsi sempre più, scuotersi, infine, a ondate, come se un lungo brivido la percorreresse, raggiungendo e amplificando il mio stesso piacere...finché le scosse, a mano a mano, si fanno più leggere, scemando, in sussulti sempre più lievi, e vedo Maria aprire gli occhi, felice e spossata, senza aver mai lasciato il mio tronchetto;

poco dopo, su gentile richiesta di Noemi,  lo abbandona alle cure della sua amica, che ci si infilza sopra con evidente piacere, abbracciandolo col suo ventre caldo e bagnato. 

Io continuo a baciare Maria, che si è  seduta al mio fianco, e ogni tanto mi offre il  seno, come se fosse un grappolo l'uva, mentre io cerco goloso di chiappare al volo uno dei suoi magnifici capezzoli quando mi capita a tiro...

Noemi mi cavalca con voluttà,  portandosi a spasso il mio tronchetto in tutti gli anfratti più remoti e più vogliosi del suo ventre....siamo tutti e tre molto inclini a seguire i reciproci desideri di ognuno, e tra di noi non si sono mai verificate zuffe amatorie, né contrasti per il predominio dell'una o dell'altro, e

Niente ci ha mai distolto del reciproco godimento...

                                                        .................

L'amica del passato si chiamava Giovanna: io avevo diciotto anni, o poco più, lei trenta compiuti; dopo una storia durata qualche mese, mi aveva lasciato regalandomi quel grattino: "così potrai iniziare a occuparti del corpo di una donna senza dover usare sempre le mani, visto che non sempre sai come fare..."

Logo
4506 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (13 voti)
Esordiente
13
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large porto maurizio imperia 2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Luxsandro ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

riesci bene in questo genereSegnala il commento

Large img 6635.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Pennywise ha votato il racconto

Esordiente
Large cuore mano.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20181226 105305.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Candy ha votato il racconto

Esordiente

Descrivere tre situazione non deve essere stato facile, taglierei un po' di passaggi.Segnala il commento

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

E non sa che ne hai fatto un racconto !Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Un pò pensiero stupendo, un pò filosofia nel boudoir... Libertino che sei...Segnala il commento

Large 1556961005612516394346.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

ANNA STASIA ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Io faccio su e giù contro gli stipiti. Cioè, per grattarmi eh :). "Duro come il tronchetto della felicità". GrandeSegnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee