Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

All'amo

Pubblicato il 14/12/2020

Un pescatore pronto ad iniziare la sua giornata di lavoro prepara il suo gozzo prima che albeggi.

58 Visualizzazioni
18 Voti

È ancora buio quando salgo in barca. Mario non è ancora arrivato e ne approfitto per riporre le vivande sotto il timone, sistemare l'attrezzatura in modo che sia pronta all'utilizzo e ripulire grossolanamente la barca, che risente ancora della pesca di ieri.

Sollevo il foderone di gomma e controllo una a una tutte le barbe del palangaro. I braccioli sono puliti, il cavo è ripiegato bene, alcune barbe sono storte ma ben funzionanti.

Sarà una bordata lenta e faticosa oggi, come tutte le giornate dove il libeccio ti arrossisce il coppino.

Il mio gozzo, bianco e azzurro, nonostante una settimana di calafataggio in rimessa porta irremediabilmente con sé odori salmastri e appiccicosi, l'aspro connubio tra il sale del mare e il viscido dei pesci, mischiati ad anni di sudore e bestemmie.

Passo la mano sullo scafo a lato, per sentire le alghe oramai tutt'uno con l'imbarcazione, mio solito rito di inizio lavoro, piccola preghiera laica, dolce carezza al mio destriero acquatico e timido bacio alle entità marine, qui rappresentate da alghe e muschi incancrenitesi sulla vernice.

Immergo la mano sinistra in acqua, per sondarne la temperatura e poi ne getto qualche goccia sul timone, mio personale battesimo a questa giornata di pesca.

In mare fede e superstizione sono una cosa sola, penso, mentre tocco il crocifisso di legno appeso a babordo.

Vado a prua e con un piede fermo sul bordo mi spingo a controllare la gomena, per verificare che sia ben salda. La gassa è ben ferma e ripenso a tutte le ore in barca spese ad insegnare a mio figlio Mario i principali nodi marinari, durante i nostri ritorni in porto col pescato del giorno.

Mentre mi dirigo a poppa, inciampo nell'ancoretta, maledetto arnese che da anni resta inutilizzato sulla barca. Di totani e gamberi neanche l'ombra da parecchio tempo.

Poco più in là sento il vociare di altri pescatori, accompagnato dallo sciabordio delle leggere onde portuali che quasi con vergogna si infrangono sulle imbarcazioni presenti.

Dopo decenni in mare, sento la salsedine persistente nelle narici, le mie ossa sono perennemente umide, come immerse a bagnomaria nell'acqua salata. Lo scricchiolio delle nasse qui attorno a me e il dondolio delle imbarcazioni, che sbattono nelle primissime ore del mattino sono suoni costanti della mia vita.

"La tua barba puzza di alghe" mi disse una volta mia figlia. Ma la mia barba è fatta di alghe, muschio marino e spugne acquatiche, nient'altro che questo.

Dopo quarant'anni in barca passati a pescare ho i calli delle mani che portano con sé il profumo delle tempeste affrontate e la durezza della vita in barca. Noi pescatori ci riconosciamo da lontano, pelle bruciata dal sole, mani forti e nodose, occhi stanchi sempre in movimento, in cerca di qualcosa, gambe saldamente ancorate a terra. Parliamo poco, noi pescatori, pur avendo un vocabolario tutto nostro ed estremamente ricco non siamo gente ciarliera. Frequentarsi tutti i giorni per venti ore al giorno in uno spazio di dimensioni ridotte non aiuta.

Mio figlio Mario fa il pescatore da qualche mese, ci mette impegno e voglia di imparare, ma per lui è un lavoro stancante, dato il suo fisico ancora gracile, ma ancora qualche mese e il mare lo avrà formato come si deve.

Finalmente lo vedo arrivare, è tardi ma me ne farò una ragione.

Il suo fisico magro, la camminata ciondolante, i piedi strascicati e lo sguardo assonnato, non si direbbe una forza della natura. Ma il mare lo sta cambiando e un giorno questo gozzo sarà suo.


Si avvicina alla barca con il thermos del caffè, si ferma sulla banchina e me lo passa in mano. Lo guardo con fare interrogativo.

In quel momento i primi freschi raggi di sole illuminano le pupille di mio figlio, mentre mi guarda dritto negli occhi: "Papà, nun voglio cchiu' fa' o' pescatore".


Logo
3762 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
9
Scrittore
8
Autore
0
Scuola
1
Belleville
0

Voti della scuola

Large default

Redazione ha votato il racconto

Scuola

Caro Shamisen, il tuo racconto è stato commentato da Cristina Marconi per la rubrica "La scrittrice che legge". Guarda il video su BellevilleNews. Segnala il commento

Commenti degli utenti

Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Scrittore

Quella barba che sa di alghe vale tutto il racconto. Bravo!Segnala il commento

Large 20200804 140153.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Valentinacomesai ha votato il racconto

Scrittore
Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 1011901 511860375572760 560112964 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Luigi Celardo ha votato il racconto

Esordiente
Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 13 34 51 v2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

(che bella la barba di alghe)Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large americancockroach 1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Gianluca Ranieri ha votato il racconto

Esordiente

Termini marinareschi e immagini pittoresche rendono vividi un mondo e un modo di essere. Segnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

BelloSegnala il commento

Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia M. ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Molto bello, penna, tecnica e passione, per il mare e la scrittura. Si percepisce. La chiusa mi lascia con l'amaro in boccaSegnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Piaciuto. Il linguaggio tecnico aiuta a costruire la figura del pescatore che è tutt'uno con il suo gozzo - e che bello il coppino arrostito dal sole e la barba di alghe - e il termos di caffè definisce il limite, la barriera che lo separa dal mondo del figlio. Segnala il commento

Large dsc 0896 02.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Shamisen

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee