Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Non-fiction

Ama o combatti la solitudine

Di Adriana Giotti - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 05/05/2021

Se credi che esista una sola solitudine, non hai ancora imparato ad apprezzarla né a combatterla.

114 Visualizzazioni
39 Voti


Ama o combatti la solitudine. Ma, prima di scegliere l’armata in tua difesa, devi essere certo di quale, tra le tante solitudini, sia la vera nemica.

C’è la solitudine essenziale, che precede la prece e la pace, i repulisti spirituali e i riscatti morali. Sorge e declina per un semplice atto di volontà, con la gravità delle colpe ma senza l’attesa dell’assoluzione. È il lavacro, pioggia nel deserto, acqua viva.

C’è la solitudine contingente, di chi medita, crea o sogna. È la più ambita dalle menti feconde, la più temuta dai talenti inariditi.

C’è la solitudine incidentale, che colpisce a caso e senza preavviso. Talvolta pone dinanzi alla propria coscienza ma, il più delle volte, è scevra da ogni logica. Squarcia i veli della memoria, come un refolo selvaggio, lascia disordine e qualche danno, ma nulla di irreparabile.

C’è la solitudine incongrua di chi fugge dai debiti e dalle paure. Una camera di (s)compensazione che rende inestinguibili gli uni e le altre.

C’è la solitudine frenetica della folla, che si riflette su occhi, volti e mani senza nome. Chiede un atto di generosità e accettazione del clangore umano o la fuga verso gli ombrosi e ubertosi lidi dell’“io”.

C’è la solitudine inerte dell’isolamento, che flette la volizione, la cognizione, la consapevolezza e la percezione di sé e della realtà. Chiede un atto di coraggio e risoluzione.

C’è la solitudine derogabile, di chi può scegliere, appellarsi o emendarsi; e quella inderogabile, di chi vaneggia o annoda il proprio destino alla presenza o all’assenza di un altro.

C’è la solitudine imposta da chi ignora, la solitudine occulta dei dimenticati, e quella ottusa, di chi non riesce a dimenticare.

C’è la solitudine taumaturgica, che conforta e risana, e quella spietata, che esaspera e dilania.

C’è la solitudine greve di rimpianti e nostalgia, quella lieve di silenzi e melodia, quella pudica di chi non è amato, e quella impudica di chi non sa amare; quella spensierata di chi cerca qualcosa e quella disperata di chi ha perso qualcuno.

C’è la solitudine arrogante dei vincitori e quella umiliante dei vinti.

Se non riesci ad amare la solitudine, impara a riconoscere qual è la tua nemica. Forse un giorno anche tu penserai - come Bukowski - "Ogni giorno senza solitudine mi indeboliva”.




Logo
2277 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (39 voti)
Esordiente
30
Scrittore
9
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Silvio Esposito ha votato il racconto

Esordiente
Large ea21f666 ad06 4f66 9dc1 8399176a7da4.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

doktor ha votato il racconto

Esordiente

una breve enciclopedia su una parola grande quanto se stessa, e dunque infinita, come tutti i sentimenti autentici. La trama narrativa, naturalmente, non c'è ma ho votato quella intrinseca alla composizione. Segnala il commento

Large cubo.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MeAlCubo ha votato il racconto

Esordiente

Un ottimo spunto di riflessione per chi legge e pensa- almeno nel mio caso - per questa solitudine avrei scelto un altro termine,così scoprendo di essersi appropriato dell'opera dell'autore. E cosa c'è di più riuscito di qualcosa che, appena condiviso, cessa di essere tuo e diventa ( un po') anche di qualcun altro? Grazie Segnala il commento

Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente

Brava! La solitudine è la mia compagnia preferitaSegnala il commento

Large 70628358 189111868760977 7202426436156653568 n  2 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Luciano Rossi ha votato il racconto

Esordiente
Large screenshot 20210409 005919 chrome.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Arthur Yorg ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

grazie 🌟 da tenere e trattenere Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Hai dimostrato che la solitudine è plurale e polifonica, dannazione o grazia.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large cuore mano.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore

Le tante solitudini dell'essere umano, dell'io lontano dal vero se stesso.Segnala il commento

Large 35538742 34d5 4f84 9bf3 dd28e9f9b709.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Claudia Bucci ha votato il racconto

Esordiente

Chissà quante ne ho provate fino ad ora. Ci penserò. GrazieSegnala il commento

Large img 20200507 110711.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Elkele ha votato il racconto

Esordiente

Ho contato 21 solitudini. Riuscire a sviluppare tutte queste vedute sfumate e oggettive (vere) é degna creazione Filosofica e potente. Al tempo stesso sento la delicatezza che hai usato per accompagnare un tema che al contrario poteva risultare buono utile ma travolgente. Questo l' ho sentito all' inizio, poi da apprezzare il cambio di ritmo nel momento piú "pronto" per il lettore. Complimenti per tecnica, cura, contenuti e per come hai accompagnato chi ti stava ad imparare. Coppola levata, pardon, sciappó Adri Ps: mi manca la non solitudine con la Cami, la mia cagnolina che ora é Kami! Segnala il commento

Large default

caio bongiorno ha votato il racconto

Esordiente

C'è una solitudine (quale che sia) che si fa percepire. Un'altra che non avverti, non catalogabile. Perchè fa parte del tuo essere. Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Credo che la solitudine sia un'ottima insegnante, qualunque sia il vestito che decida di indossare. Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Un piccolo prezioso saggio. Non lo dico per piaggeria, sai: ci ripenserò davvero a questa tua dissertazione, ogni volta che mi sentirò sola. Sarà interessante e utile per le conseguenze.Segnala il commento

Large img 20180626 wa0139.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

FilippoDiLella ha votato il racconto

Esordiente

"Diffida da chi segue sempre la folla, da soli non sono niente". Talvolta si fa necessario chiarire che la solitudine non è un difetto quando ci permette di recuperare il nostro equilibrio. Ecco: necessario.Segnala il commento

Large 20210317 140852.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Enrico R. ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Ha fatto un’esposizione dettagliata e molto approfondita, analizzato e sezionato il concetto di solitudine con il tuo stile sempre forbito ed elegante. Ricchezza di terminologia e di pensiero fanno di questo breve saggio un ennesimo spunto di riflessione. Ho sempre inteso la solitudine in soli due modi: quella volontaria, quando si è soli per scelta, e quella imposta dagli eventi, in cui ti trovi immersa tuo malgrado. Tu mi hai regalato una visione molto più ampia, un variegato manuale della solitudine, da tenere a portata di mano e rileggere ogni tanto. Segnala il commento

Large img 20200126 162413.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mauro Scremin ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210307 143015.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Emil M. ha votato il racconto

Esordiente
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente

Meglio solo che... belloSegnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Maestra nell'arte della catalogazione. Per me sono essenziali sia la solitudine sia la compagnia :)Segnala il commento

Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

È un tema complesso e infinito c’è sempre un momento: breve, lungo spezzato o continuativo, da soli o in compagnia in cui ci sente soli. Le situazioni sono tante, forse però sentirsi soli in famiglia o in mezzo agli altri è anche peggio. Hai comunque toccato molti punti su cui riflettere e ritrovarsi e lo hai fatto con attenzione e accuratezza.Segnala il commento

Large ritratto.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

occhineri ha votato il racconto

Esordiente

Hai scelto un tema molto attuale. Ben scritto.Segnala il commento

Aatxajzt7nsl rzh7o6rq5jptmxfuictattxrdrhbzfn=s50 mo?sz=200

Andreasololettore ha votato il racconto

Esordiente
Large 13 36 00 6a00e54fcf7385883401b7c7499bb0970b pi.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Esordiente

la tavola delle solitudini di Adriana. possono anche sommarsi o concatenarsi con legami strani o temporanei, no?! ti vedo con la lente d'ingrandimento che spulci nelle solitudini altrui. certo è che è difficile combatterla. forse... accettarla? bah. però c'è chi dice che i libri facciano molta compagnia. Segnala il commento

Large images  1 .jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large typee.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

carlomariavadim ha votato il racconto

Esordiente

Splendente questo piccolo saggio! Da da pensare... in solitudine, però.Segnala il commento

Large cfe13a30 7433 44d1 a6d7 e99bef6700de 1 201 a.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Esordiente

Bella riflessione, in alcuni punti molto poetica.Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Interessante, ma troppo didascalico, a mio avviso. Parrebbe scritto per fare un po' di chiarezza dentro te stessa, e dentro chi legge, di conseguenza. Ed è necessario, concordo con te. Segnala il commento

Large 20210422 141533.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

slim ha votato il racconto

Esordiente

una riflessione amara, sebbene realistica...chapeau...Segnala il commento

Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo❣️Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Credo tu abbia tratteggiato un pezzo mancante in ognuno di noi... in qualche maniera, individuandolo, ci metti nelle condizioni di completarci. Quindi grazie Adriana. E grazie per il resto che non si vede... un caro saluto!Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Bello Segnala il commento

Large eb6d3d34 7f2c 4393 99ce 3478fb85253e.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Christina Carol ha votato il racconto

Esordiente

È scritto davvero bene. Di gusto ciceroniano. Il contenuto è giusto perche davvero descrive con accuratezza i vari tipi di solitudine. Per me la vera solitudine è quando uno vive solo. Senza persone note con cui interagire. Quella è la vera solotudine. Tutto il resto non è solitudine. Comunque lo rileggerò ogni tanto. Segnala il commento

Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente

Bella e profonda riflessione Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Verità e prospettive ineludibili che ci precipitano all'essenza del puro e nudo noi. Un elegante mini trattato psicologicoSegnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Si, la solitudine può essere un avversario implacabile, specie quando subita e sofferta ai margini dell'esistenza. E tuttavia sa essere anche alleato prezioso, quando diventa spia della bellezza, che necessita di solitudine per essere percepita e, subito dopo, desiderio di condivisione.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Adriana Giotti

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee