Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Noir

Anello piccolo, dito piccolo. Anello con pietra, dito grande

Di Annalisa Maitilasso - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 14/03/2021

Di chi è la borsa viola abbandonata sul nastro trasportatore? Dentro, un dettaglio macabro, per chi sa vederlo.

28 Visualizzazioni
15 Voti

Ho un taccuino. Sul taccuino scrivo. Ho un lavoro e, al lavoro, non faccio altro che lavorare. Tutto il tempo, tutti i giorni eccetto due, per turni di sei ore non stacco le retine dallo schermo. Non sopporto che gli amici mi dicano: beh, non ti lamentare, anche io lavoro al computer.

Non lo sopporto.

Primo: perché non mi lamento.

Secondo: perché non lavoro al computer.

Il computer lo seguo come un cane da caccia. Non posso mollare la presa, mai.

Sono quello che al check-in ti fa buttare via la bottiglietta; quello che ti rompe il cazzo per le creme al karité; quello che ti requisisce i fagiolini sott’olio che hai nascosto nello zaino. Addetto ai controlli di sicurezza in aeroporto, tecnicamente. Insomma, quello che non gira nemmeno il collo per guardarti, non spreca parole - deficiente, pensavi che non ti beccavo - basta un cenno del mento ai colleghi delle perquisizioni. Ecco, quello sono io.

Come dicevo, ho un taccuino. Sul taccuino annoto tutte le cose strane che vedo nei bagagli. E devo dire che ne vedo parecchie. È il mio hobby.

Tiralatte

Ukulele

Manette

Pentola

Mano porta anelli

Nano da giardino

Procione impagliato.

Mentre osservo i contorni verdi e arancio su fondo bianco, classifico i proprietari.

Madre stressata

Artistoide da due soldi

Studentessa dalla doppia vita

Suocera che si porterebbe dietro la cucina.

E così via.

Classifico le persone senza guardarle, come se passassero anche loro da uno scanner.

Di solito non sbaglio. Gente strana, esibizionista, compulsiva. Gente deviata. Che tipo di uomo ficca in valigia un nano da giardino? Alcuni di loro mi fanno pena. Altri mi attraggono, mi eccitano. Annoto i loro nomi inventati sul taccuino.

Lina

Danilo

Eva

Adele

Marcello.

E così via.


Oggi è una giornata smorta. Niente di strano in giro. Solo trousse piene di flaconi. È il turno di una borsa viola: accendino, idrogel - confezione piccola, non supera i 33 cc - un quaderno, carta appallottolata - perché la gente usa le borse come pattumiere? - un sacchetto con i resti di un panino – appunto! - una pezzolina per le lenti, un anello piccolo, un anello con pietra.

Sento lo scatto della curiosità - clic - due anelli perfettamente visibili che sembrano in vetrina dal gioielliere. Riguardo il contenuto e mi accorgo che gli anelli sono infilati dentro due salsicce grigie e minute, una un po’ più piccola dell’altra.

Scrivo mentalmente sul taccuino:

Anello piccolo, dito piccolo

Anello con pietra, dito grande.

Comincio a sudare. Sposto gli occhi dallo schermo per cercare la proprietaria. In coda c’è un anziano in attesa che ci sta mettendo tantissimo a levarsi le scarpe. Ha creato un tappo. Dietro, un uomo in giacca e cravatta, un adolescente con una chitarra.

- Di chi è la borsa viola? - chiedo. Mi esce una voce che è quella di sempre: piatta, professionale.

I miei colleghi la mettono da parte. Non arriva nessuno a reclamarla. Intanto l’anziano ce l’ha fatta. E anche il manager che è già schizzato via verso il suo volo. Chiedo ai colleghi di rimettere la borsa sul nastro. Questa volta riesco a scorgere i cerchietti perfetti delle unghie.

- Allora, chi è il proprietario di questa borsa? - Alzo la voce.

Chiedo a un collega di darmi il cambio. È arrivato il momento di perquisire la borsa viola.

- Ci penso io - mi dice il collega. Mi metto tra lui e la borsa: - no!

Poi aggiungo più calmo: - non ti preoccupare, ho bisogno di staccare un attimo dallo schermo.

Con delicatezza mi districo tra le vaschette di plastica e porto la borsa verso una delle postazioni di perquisizione, dietro a un pannello di metacrilato. Infilo guanti di plastica blu. Ho il cuore sudato, le mani sudate. I guanti non entrano. Poi entrano.

Eccomi, sono pronto. La zip si apre con un ronzio che sento correre lungo la schiena.


Il taccuino su cui ho scritto oggi è il numero 13. Ne ho altri 12 nascosti in un armadio insieme alle cose che metto da parte per la mia collezione: oggetti sottratti, requisiti, abbandonati che da regolamento, dovrebbero finire nella spazzatura.

Vado in cucina a cercare una bottiglia di vino. Canticchio. Sono su di giri: la mia collezione da oggi ha due pezzi molto speciali.

Penso al magazzino dell’aeroporto, dove stanotte (e per chissà quanto tempo) una borsa viola rimarrà nel deposito oggetti non reclamati. Una procedura normale, non è stato dichiarato niente di strano sul loro contenuto. Penso a come sono stato veloce. Nessuno s’è accorto di niente. Faccio posto sul tavolo e deposito con cura gli oggetti.

Il primo: un piccolo fagotto avvolto in una pezzolina per le lenti che srotolo; dentro, due dita rigide ma complete – falange, falangina e falangetta - con gli anelli infilati di sbieco.

Il secondo: un quaderno di pelle nera che apro sull’unica pagina scritta. Ricopio le frasi sul mio taccuino. 

Poi, invento un nome: Mirna.


Storia delle tue dita


Il pollice è andato al mercato

L’indice la droga ha comprato

Il medio non ha pagato

Perciò l’anulare s’è scusato, gli anelli ha regalato

E insieme al mignolo, per la vergogna,

mozzare s’è lasciato. 

Logo
4998 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (15 voti)
Esordiente
10
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Mariarosaria ha votato il racconto

Esordiente
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Carmen ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Interessante, la storia, e la sua "meccanica strutturale". Interessante anche il tono apparentemente distaccato e analitico. E concordo con Silvia, sulla poesia... Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

La poesia dice che prima o poi ti scoprono e ti licenziano.Segnala il commento

Aatxajxbmwx0t vape40mgr7hl yzley y2gc2xcsl2a=s96 c?sz=200

Isabella Ross ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

geniale.Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Mi è piaciuta molto l'idea e il doppio binario con cui viene portata avanti: la stile spigliato e la storia decisamente horror. Certo, un soggetto così un po' di battute in più le avrebbe meritate...Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 153342377 197830348512629 4826612411029001494 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bello, mi è piaciuto tutto, costruzione e stile. Un pochino meno la poesia del finale - anche se non è un poeta, lo so, ho capito. Però...Segnala il commento

Large img 20210705 011756.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Large tiziano.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tiziano Legati ha votato il racconto

Esordiente

Complimenti.Segnala il commento

Large img 20200406 200913.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Annalisa Maitilasso

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work