Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Appuntamento a Nassau

Di palu
Pubblicato il 08/10/2021

43 Visualizzazioni
16 Voti

Sono sbarcato due giorni or sono a Charles Town. Dovrei dire a Nassau, perché si chiama così dal 1695; sono trascorsi ventun anni ormai e dovrei abbandonare certe vecchie affezioni, del resto questa Nassau della città ha ben poco, e da allora nemmeno più quella parola nel nome.

Sono arrivato con due giorni di anticipo sul mio appuntamento, il che non è poca cosa considerati i due mesi di traversata e i vezzi degli Alisei, ora compiacenti, ora capricciosi e avversi.

Ho trovato alloggio in una locanda, l’unica nelle vicinanze del porto, secondo le indicazioni. E qui spero di riabbracciare mia figlia.

Poche case basse, una piccola fortificazione e alcune baracche. La chiamano città, ma non è certo questa a rendere interessante questo luogo, la sua posizione semmai. Nell’oceano Atlantico, sulle rotte che hanno spalancato nuove grandi opportunità. La Royal African Company, per cui lavoro, conosce bene il valore delle colonie che sono nate come funghi in questa parte del mondo, con i suoi ricchi prodotti esotici e, ancor più nuovo e ricco, l’affare che ne deriva, quello della mano d'opera necessaria a farle fruttare. Il mercantile che mi ha portato fin qui, infatti, farà vela per le coste africane a caricare ciò che noi, alla Compagnia, chiamiamo manovalanza a basso costo.

Ora però, è tutto più difficile. Ora che persino Dio sembra aver scordato i suoi figli, di quest’isola abbiamo perso il controllo, dopo le baruffe con spagnoli e francesi. È diventata un covo di pirati, sono mesi, forse un anno. Questi dicono di governarla, ma come un’orda di ladri e assassini può fare, altro che Repubblica indipendente.

Ancora prima di attraccare, mentre il comandante impartiva gli ordini per l’avvicinamento, sono stato colpito dall’esuberante bellezza della natura, mi sono immedesimato in quegli uomini che per primi giunsero qui dal vecchio continente, dev’essere stato esaltante. Hanno chiamato quest’isola New Providence, ma io l’avrei chiamata Paradiso, perché la sua vista incanta. Anche l’Inghilterra è un’isola, e sappiamo bene cos’è il mare, ma questo è diverso. Sulla rena bianca, con una dozzina di braccia di fondale, si riescono a vedere miriadi di pesci variopinti, per quanto l’acqua è cristallina e la sua superficie è di smeraldo. Il mare che si vede da noi non ha questi colori, questi odori, che approssimando la costa si mescolano con il profumo melato della frutta e dei fiori.

Se solo non avessi questo dannato peso sul cuore, un tale spettacolo mi avrebbe fatto sentire davvero in paradiso.


Entro nella taverna che sta sotto la locanda e provo subito un sollievo agli occhi, ché fuori il sole dell’equatore ancora alto non da requie. Meno piacevole è il fetore rilasciato dalle reti da pesca che improvvisano il tendame alle finestre, portandosi ancora residui di anni trascorsi in mare. Sembrano, invece, non esserne disturbati i sorci che scorrazzano per il locale, ben lungi dall’ora di chiusura; impunemente uno mi scavalca lo stivale mentre cammino e raggiungo un tavolo d’angolo, dove ho libera la vista sull’ingresso.

Sono stanco, per il viaggio ancora, ma più d’ogni cosa per il pensiero che mi attanaglia: la mia Maggie che hanno rapita.

Non sono mai stato un uomo d’arme, a dispetto dei galloni che porto. Sono solo un burocrate, a suo agio ben lontano dal campo, dove gli affari della Compagnia si compiono. Maledico il giorno in cui il Governatore Trott invitò la mia unica figlia a venire in questo luogo, promettendola in sposa a suo figlio. Ma i miei superiori vedevano di buon’occhio questa unione e, maledetto anch'io che acconsentii. Trott adesso è morto e sepolto, suo figlio chissà che fine ha fatto e al suo posto c’è un manigoldo, se avessi vent’anni di meno…

Ma no, chi voglio ingannare, me stesso? Non sono mai stato un uomo d’arme, l'ho detto. Ora voglio solo che quest’incubo finisca: pagherò in oro il prezzo che hanno chiesto che, fatto curioso, corrisponde alle mie sostanze liquide. Come si può stabilire il valore di una figlia, della mia creatura? Luridi criminali, si arricchiscono riscattando esseri umani!

Mi rende ancora più stanco l’idea che, nonostante le mie suppliche, Dio mi abbia voltato le spalle, proprio a me che non ho mai fatto nulla per offendere il suo nome, che ogni domenica do testimonianza della mia fede. Se questa è la moneta con cui mi ripaga, come posso affidarmi a lui?

Ora non mi resta che attendere. Che quei vigliacchi si presentino, di pagare, e sperare che Maggie sia sana e salva. Ma se non mi fido di Dio, posso fidarmi di un pirata?

Mi hanno detto che il loro capo si fa chiamare Capitano, che possiede un brigantino, e ho calcolato che col riscatto potrebbe armare un’altra nave. Però, mi hanno anche riferito che è un uomo con una sola parola e in questo momento non ho altro a cui aggrapparmi per riavere mia figlia.

L’attesa e la curiosità insieme mi stanno consumando, chi verrà all’appuntamento, manderà un suo tirapiedi oppure vedrò il Capitano Charles Vane, varcare quella porta?

Logo
4974 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (16 voti)
Esordiente
9
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Bello, molto. Buona introduzione anche per un racconto più lungo.Segnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Charles Vane, gran personaggio, sia storico che nella serie "black sails" in cui era il mio preferito. Ottima contestualizzazione.Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Sì, immagino che, se non sulla carta, nella tua testa ci sia già un finale. Non che manchi, perché la storia è già un racconto così. Questo padre che manca di rabbia vendicativa, o forse non l'ha ancora sviluppata, preso com'è nell'ansia di riaver salva la figlia, forse per questo dice più volte di non essere un uomo d'arme, è già un personaggio. La descrizione dei luoghi implica un affetto per quelle coste che non conosco e fa venir voglia di visitarle.Segnala il commento

Large 6cfb3a8f 5475 43fe 81fa c84b569118cd.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Paolo, così non vale! Mi hai lasciato un desiderio di continuare a leggere di cui sento ancora la frenesia... Spero sia l'incipit di un romanzo!!! Complimenti e grazie per avermi fatto sentire lontano!Segnala il commento

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello e ben scritto. Fa tornare nostalgicamente ai tempi della gioventù e di Salgari. Con un'introspezione che è altrettanto forte dell'avventura in una battaglia.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Ben scritto. Letto con piacere.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Su Charles Vane e il suo Ranger si potrebbero scrivere parecchi romanzi. Tu hai scelto un racconto con meno di 5000 battute: rischio alto, ma credo che la prova sia riuscita. Segnala il commento

Large img 20220807 095401.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

I'an Well ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large chapter01.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Francesco Manciola ha votato il racconto

Esordiente

c'è ciccia per un romanzo. Bello.Segnala il commento

Large default

Rebecca91 ha votato il racconto

Esordiente
Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bello, Palu. Ottima davvero la scrittura, come sempre la tua, e molto adeguata alla storia, se posso permettermi. Soggetto curioso, devo dire. Fa parte di una storia più lunga? Segnala il commento

Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di palu

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work