Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Young Adult

Ariminensi

Di Federico D. Fellini - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 13/12/2019

Cool!

52 Visualizzazioni
18 Voti

We’re waiting for Young Turks! è scritto in calce a una gigantografia di Rod Stewart che campeggia sul portone del lounge bar Alla Fortezza Bastiani, il locale più trendy di Ariminum. 

Edificato sulla spiaggia a pochi metri dalla riva del mare, riproduce l’interno rovesciato di uno yacht Azimut S17. Il soffitto però è troppo alto, le porte finestre sono troppo grandi e la moquette firmata da Aldo Cibic è di un rosso troppo acceso, come in un mattatoio dove il pavimento abbia preso il colore del sangue: da qui sembra ancora levarsi il grido disperato di bovini e ovini brutalmente sacrificati. In realtà sono solo campionamenti hip-hop in filodiffusione, generati da un’Intelligenza Artificiale sulla base di un algoritmo scritto dal Piccolo Ed. Specchi a parete ideati da Alice Liddell e Carlo Ratti, Direttore del MIT Senseable City Lab di Boston, vengono interrotti da mobili rivestiti di avorio, gli Snapshot di Faoma con i vani a rotazione negli armadi automatizzati per conservare vini, bevande e sigari. Se il rosso della moquette ricorda il liquido ematico, gli arredi eburnei fanno pensare a cataste d’ossa spolpate, carcasse di animali morti al cui interno si intravedono i resti di cibi non digeriti. Le mastodontiche superfici riflettenti amplificano l’effetto grandguignolesco dell’insieme. Sembra che l’architetto della Fortezza abbia cercato di esprimere le passioni dell’anima con il bianco e il rosso, dando corpo all’idea di un luogo dove ci si può rovinare, diventare pazzi, commettere crimini, postare selfie su Instagram. 

Forse per questo il logo del locale è un elefante cremisi che si nasconde sotto un lenzuolo, lasciando scoperti occhi, proboscide e zampe, in un gesto ridicolo e inquietante – quello di un animale possente che diventa vulnerabile.


Il posto – oscura miniera di anime – brulica di pallide parvenze umane. Le tombe in cui dormono di giorno hanno spalancato i coperchi, lasciando uscire quelle ombre leggere. Giovani tatuatrici emule di Chiara Ferragni in mini abiti cuciti con ali di cavallette e allacciati da bottoni in ossa di grillo; progettisti di capi micro comandati con il cappuccio della tuta disindividuante Reebok calcato in testa; manager imbolsiti stretti in giacche Armani slim fit; segretarie attempate che sfoggiano burkini di Simona Chiaravalle: tutti si mischiano a carabinieri in pigiama di pelle trattati nei colori più chic (dai coloniali ai rosa pastello), punkabbestia in impeccabili vestiti grigi, donne glam, con abiti da sera stretch, bluse in pelo di wub dai colori fluo con reggiseni a vista in tinta, anfibi-sneaker tempestati di frammenti di meteorite, maglioncini di canapa marziana impreziositi dal ritratto anamorfico di Bertrand Russell. 

Spiriti dell’aria, nell’aria, sul punto di dissolversi, camminano in fretta, per rifornirsi di vodka o di assenzio – come fantasmi ansiosi di tornare a infestare i castelli in cui, da vivi, hanno commesso terribili delitti. Fantasmi, ma fantasmi cool, direbbero gli ariminensi. Perché dal food porn ai tatuaggi, viviamo nella cultura del cool. Ma cos’è questo concetto che mescola Chiara Ferragni e Bertrand Russell, Aldo Cibic e il wub, Rod Stewart e il MIT?

«Nel significato di “alla moda, figo” la parola cool emerge nel 1927 nel vernacolo afro-ariminense. Prima» dice il Maestro ai discepoli rientrati con lui nel locale, dopo aver ordinato un giro di vodka al mirtillo, «to be cool voleva dire “rimanere calmo”. Da un atteggiamento di distacco emotivo degli schiavi neri. Che ritorna nel cool jazz di Chet Baker e nella cultura Beat. L’estetica del cool unisce quindi atteggiamenti quali aplomb, rilassatezza, levigatezza, understatement e self-control».

«Io credo» ipotizza il Capitano «che la chiave della coolness sia l’Eterno Ritorno di Nietzsche. Connota le cose per cui un tempo inorridivi e che prima o poi non solo tornano, ma appaiono addirittura belle, fascinose. Quelle che ti fanno intravedere i fili dell’ordito che intessono la realtà, soggetti a un’unica, immutabile vibrazione. Chi è incanutito navigando la sfera dell’Oceano…».

«La sfera fissa e mobile dell’Oceano» puntualizza il Pescivendolo.

«… o cercando di decifrare la trama di film come Cloud Atlas – se non, peggio ancora, della serie Netflix Dark – sa che quest’ordito è la Necessità, compagna inseparabile del Caso: sì, il Caso e la Necessità, che, intrecciandosi, lavorano insieme. Prendi gli occhiali con la montatura spessa. Nella mia gioventù chi li portava era oggetto di derisione: il mozzo più derelitto non li avrebbe voluti in sorte. Oggi si chiamano “strutturati” e li indossano le star».

«Fuck off the mònd, this is the cool essence» azzarda il Custode. «Cool is always out of every rule. Cool l’è un insort, a rebél, mica un patacca».

«Dunque» chiosa il Pescivendolo, elegantissimo nell’abito Synapse che interpreta le connessioni funzionali fra le cellule del cervello cambiando di continuo forma, luminosità e aspetto «l’unico vero modo per essere cool è essere uncool». 

Logo
4977 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
14
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

mi sto davvero perdendo ed arrendendo. Su ogni frase scritta sono costretto a fermarmi, un po' per l'abitudine a riconoscere una consecutio tra i periodi che si succedono, un po' perchè non conosco tutti i nomi delle cose e delle persone ed un po' perchè ritengo che quanto scritto non è frutto di un software impazzito ma proviene da una persona che comunque ha scelto di scrivere proprio queste cose. Non riesco ad abbandonare la logica, se quasta esiste, con la quale credo di interpretare il mondo. Non mi stupirei però se in qualche futuro capitolo dovessi imbattermi nella perdita dell'uso della punteggiatura.Segnala il commento

Large c415c39c 6403 4ee4 a16d 6887c4bd0cd9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Gef Coco ha votato il racconto

Esordiente

Mi ricordo quel pezzo di Rod StewartSegnala il commento

Large default

Grissinotunatuna ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Molto interessante. Piaciuta molto anche la parte descrittivaSegnala il commento

Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Aedftp5amgw0ll765fuf8izntkb zctu zs6h5frz34zba=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20201104 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Howl ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large default

Agatina ha votato il racconto

Esordiente
Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Un nuovo slancio filosofico, il prossimo personaggio potrebbe essere l'Übermensch Segnala il commento

Large dscn0571.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Otorongo ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Bel ritratto di borghesia in beige.Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Cool!Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Ottimo. Uno stratificato armamentario culturale e lessicale si affresco, narrazione, tour in una cattedrale spaziotemporale.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Lucidità grandangolare! Grazie!!!!Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work