Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Non-fiction

Ariminum Circus. Stagione 1. Recensione della Martin Eden Review.

Di Federico D. Fellini - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 20/01/2020

Una stroncatura senza appello.

84 Visualizzazioni
22 Voti

Uno show caleidoscopico con la velleità di inglobare tutto, dalla robotica alla cosmologia presocratica, sin dall'Episodio pilota, L'Incipit. E proprio il pilot, lo scoglio apparentemente più grande per una serie tv, diventa subito occasione di speculazione filosofica: ne viene fuori un campionario di citazioni e rimandi a ogni area dello scibile umano che lascia lo spettatore sgomento fin da principio. 

Parliamo tuttavia di scoglio apparente perché l’ostacolo maggiore per chi voglia creare narrativa, qualsiasi sia il mezzo utilizzato, è la sua tenuta, ossia la capacità di tendersi fino allo spasimo senza spezzarsi mai. Certo inizio deve esserci, ma concentrarsi eccessivamente su questo finisce per far bruciare l’erculea energia di cui un Autore ha bisogno per portare a termine il proprio lavoro. E qui sta uno dei tanti limiti dell’opera, che appare troppo pensata: c’è in essa una spinta centripeta volta ad abbracciare il tutto (“Perché il Roc era fra loro ma, al tempo stesso, era ognuno di loro”, Episodio 2) tanto forte che che il nucleo finisce per involversi fino a sparire. 

Certo ragguardevole è la capacità che l’Autore ha di collegare tra loro elementi dissimili, ma nella sostanza la serie non riesce a fare quella presa immediata, indispensabile, sugli organi di senso di chi pur desidera fruirne, a causa sia delle innumerevoli divagazioni sottotestuali, sia della dispersività che connota anche gli aspetti più fisici della narrazione: fotografia degli ambienti, descrizioni di oggetti, dialoghi. Non sprigiona, questo stupefacente (meglio, lisergico) affresco, quel calore vitale in cui ci si riconosce come esseri umani, l'empatia che assicura la ricezione emotiva dello spettatore e quindi la sua immedesimazione. Anzi, l'arroganza odiosa con cui l'Autore ci sbatte in faccia la sterminata (ma, sospettiamo, alquanto superficiale) cultura, produce un effetto respingente. Tanto più che, priva di eventi scatenanti, la trama è impalpabile: gli Episodi spesso si riducono alla descrizione di un fatto (per quanto surreale). L’assurdità della non-trama, la narrativa sghemba e slegata, la volgarità dei fatti rappresentati si sommano in un’opera totalmente mancata. E che si colloca tra le più sgradevoli e infelici di tutta la storia della televisione.

Dell’universo in cui Fellini s'immerge dovrebbe almeno operare una scrematura e offrire una porzione di quell'universo riconoscibile da un pubblico che, abituato ai Checco Zalone o ai Fabio Volo, ha scarsa dimestichezza con le Szymborska o i Shakespeare (sarebbe in difficoltà anche a sillabarne i nomi). Ariminum Circus prosegue invece per infinite gemmazioni a riprodurre il già detto all’ennesima potenza, senza peraltro chiarirlo, ma divenendo incomprensibile come le storie del JubJub per il Capitano. Non arriva, in una ricerca prometeica quanto quella del Cercatore d'Oro, dove forse vorrebbe, alla dimostrazione del teorema di Grothendieck – con cui nell'Episodio 16 si cimenta il Piccolo Ed per affermare la necessità di una molteplicità tendente all’infinito di punti di vista sul mondo, la cui ricchezza di senso è inesauribile, ballando contemporaneamente il tip tap – bensì finisce per offuscare il reale, se non a eliminarlo; ma anche un Omero, un Dante, un Joyce o il Wodehouse citato nell'Episodio 9, Il Custode dell'Asilo d'Infanzia Kandiskij, soccomberebbe in questo scontro impari - una lotta a mani nude con l’intero universo. 

In questo quadro desolante, la promessa della serie, indicare "Who is Who", è del tutto disattesa: siamo di fronte a caricature di personaggi, parodie di emozioni, simulazioni di poesia. L'Autore sembra non rendersi conto di avere così condotto un attacco a quel realismo per cui l'Italia è famosa, nella tradizione che da Ladri di biciclette arriva a Gomorra. Un realismo che significa umanità, solidarietà, interesse per la vita, senso di responsabilità nel contribuire, con l’arte, alla comprensione dei nostri simili.

Ma i problemi principali risiedono in ciò che l'Autore, nel trailer interattivo di lancio, l'abominevole Test di ammissione, individua come pregio, ossia la non volontà (incapacità?) di attuare un’opzione strutturale netta, conditio sine qua non per un’appropriata ricezione da parte del pubblico. Perché, insistiamo, è nel dialogo con il fruitore che si gioca il destino di un'opera. Quella di Fellini è priva della scintilla divina che salda insieme Autore e spettatore. Assistendo alle pur funamboliche acrobazie di Ariminum Circus, quest'ultimo finisce per abbandonare il cimento, mentre l’Autore prosegue in solitudine a sfidare i suoi colossi. 

Per questi motivi riteniamo che Ariminum Circus sia un fallimento, se non un insulto: dubitiamo che quanto visionato in anteprima sul canale streaming Typee possa ottenere una diffusione più vasta. Invitiamo dunque l'Autore a vergognarsi e a rinunciare alle altre Quattro Stagioni programmate, per coltivare campi in cui l'albero contorto del suo (pseudo) talento possa produrre frutti più commestibili.

Logo
4999 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (22 voti)
Esordiente
16
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Qui l'autocritica è quasi scontata ma non aiuta a trovare un appiglio utile a fornire un senso tradizionale all'iter dell'opera. Credo che la nostra mente funzioni tramite il riconoscimento di forme conosciute, il che dovrebbe valere anche per la logica delle storie. Un po' come nella vita c'è la nascita, la crescita, il successo, il fallimento, la mediocrità o qualsiasi altro risultato ed infine il declino e la morte. Un percorso insomma. E pure mi stimola alla ricerca del senso, come se volessi per forza trovare quel panorama che è la mente di chi scrive, tuffarmici dentro e navigarci, quasi come un vincitore: "Ho capito!, Si trattava di questo!". Io non mi arrendo e, dato che sono le 02,38 di notte e sto scrivendo, questo ormai dovrebbe essere palese.Segnala il commento

Large default

Grissinotunatuna ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large default

mifrari ha votato il racconto

Esordiente

Autoironico (sebbene autoreferenziale). Comunque piaciuto.Segnala il commento

Large img 1364.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

gdrogo92 ha votato il racconto

Esordiente
Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

Fellini era un soave bugiardo. Spero che anche questa recensione sia una grande bugia bianca (un po' anche lo sospetto). Comunque starei... Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Autocritica intelligente, ironica e anche un poco furbetta. In ogni caso, questa serie ha lasciato un segno. Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Saga personale, divisa in episodi a "genere", con citazioni autoglorificate, critica compresa, e E la supposta ironia non decolla, per me.Segnala il commento

Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Degna di Roger Ebert... Ps: non mi trova d'accordo.Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Suprema ironia.Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

"Le stroncature sono le prime che si dimenticano" più o meno disse Lawrence Olivier ad un giornalista...ma questa è proprio bella!!!:-DSegnala il commento

Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Sei un po' troppo severo con te stesso, a mio modesto parere :) Segnala il commento

Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Ben detto, anzi, ben scritto. Ho trovato questa pagina (di critica o di auto-critica?) se di autocritica geniale, comunque esemplareSegnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Grazie per le bonus scene.un ottimo direttore di fotografia e un capace responsabile degli effetti speciali. Ora serve sceneggiare bene :)Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work