Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Autobiografia

Bon Voyage!

Pubblicato il 09/08/2020

Una notte al porto di Algeciras

37 Visualizzazioni
16 Voti

Dopo due notti trascorse accampato in quella che mi sembrava una cava abbandonata a nord di Algeciras, arrivò il momento di attraversare i pochi metri d'acqua che separano il continente europeo da quello africano. Le Colonne d'Ercole, punto di incontro e di scontro tra due culture, due religioni, due mondi così lontani e così vicini.

Il traghetto sarebbe partito poco dopo le 5 e la sveglia quella notte si attivò ad un orario così osceno che il buon gusto mi impedisce di svelare. Dopo aver impacchettato tenda e sacco a pelo e lasciato scaldare il motore scorbutico ma inesorabile della Renault 4L, orientai le ruote sulla strada del porto, all'imbarco Baleària. Volgendo di tanto in tanto uno sguardo carico di sonno alle carte, arrivai alla sconfinata infrastruttura portuale, una città nella città, un dedalo di strade e di ordinatissimi agglomerati di container illuminati da lampioni dalla luce ostinatamente arancio. Alle 3:15 c'era già una fila di auto in attesa di fronte alle navi ormeggiate. Motori spenti sia sulla terra ferma che sul mare: stabilii che ci sarebbe voluto ancora parecchio tempo prima di imbarcarci. Essendo impossibile poter dormire su un sedile così scomodo, rassegnato scesi dall'auto, gettai lo zaino sulle spalle e mi incamminai verso delle luci che sembravano suggerire la presenza di un bar.

Effettivamente si trattava di un qualcosa adibito alla funzione di mescita di bevande. I neon sfarfallanti colpirono con forza i miei occhi abituati al tenue bagliore al sodio dell'esterno e l'ambiente in cui entrai mi accolse con una malsana tinta verdognola. I soffitti altissimi e le pareti omogeneamente dipinte di bianco mi catapultarono in un vertiginoso limbo a cavallo tra questo mondo e una dimensione altra. Cercai di fissare lo sguardo su una presenza terrena prima di smarrirmi per sempre e fortunatamente individuai il bancone, dietro al quale una ragazza in canotta nera stava ascoltando senza troppa attenzione un uomo, certamente un marinaio, che parlava un idioma che non avrei mai saputo identificare. Lei annuiva per incalzare la narrazione, ma per lo più sorseggiava una lattina da mezzo litro di RedBull.

Mi avvicinai e, infilandomi in una pausa del racconto, mi rivolsi a lei per ordinare un caffè. L'alzata di sopracciglia mi suggerii che probabilmente non era la scelta più gettonata di quel locale così, per rincarare la dose, aggiunsi: "sin leche, por favor."

Lei ancora più perplessa tentò un "azucar?" al quale risposi con un veemente cenno di assenso.

Bevvi in fretta l'intruglio scottandomi la lingua. Feci per chiedere del bagno, ma ci ripensai perché il monologo era ripreso più serrato di prima. Raccolsi il pesantissimo zaino contenente i documenti e l'immancabile fotocamera e, valicando una porta, mi trovai nuovamente in un luogo asettico e alieno. In fondo, una porta caratterizzata dall'universale segno "WC". Pagai, salutai e uscii sapendo di avere lo sguardo della barista e del marinaio sulla schiena.

Tornato alla frizzante aria notturna del febbraio spagnolo, ne rubai una boccata avida.

"Bon voyage!"

Mi voltai di scatto e mi accorsi che l'augurio era partito da un vecchietto seduto nell'ombra. La scena sarebbe stata inquietante se non avessi intravisto un sorrisone e un pollice in sù, tuttavia valutai che una nota stonata ci fosse, accorgendomi che con la mano non impegnata a salutarmi pescava da un secchio qualcosa di viscido e lucido per portarselo alla bocca. Ricambiai col pollice il gesto di intesa prima di lasciarmi alle spalle quel posto abitato da un'umanità così curiosamente lontana da me. Camminando verso l'auto, osservai una gru impilare container provenienti da ogni angolo del mondo e seppi che su quella banchina stavo per lasciare anche io un piccolo carico di preoccupazioni, insicurezze e vecchie abitudini che non sarebbe stato imbarcato sul traghetto per Tangeri.

Il viaggio cominciava. Mi sentii perso e mi sentii bene.

Logo
3915 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (16 voti)
Esordiente
13
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello, anche questo... certe volte, basta cercare, per trovare, quello che non sai di cercare...Segnala il commento

Large dscn0571.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Otorongo ha votato il racconto

Esordiente
Editor

A me le narrazioni di viaggi sono sempre piaciute. Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Mi piace moltissimo il tuo narrare. Regalaci ancora di questi pezzi, per favore. Ti seguo.Segnala il commento

Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 337966 2381029728663 775384 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

terrybu ha votato il racconto

Esordiente

Bello, soprattutto la seconda parte che scorre chiamando, alla fine, una prosieguo.Segnala il commento

Large foto fabio schizzo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Fantofab ha votato il racconto

Esordiente

Bello.... ne vorrei almeno altre 500 pagine con questo ritmo e queste sensazioni che lasci perchè, così, è proprio come viaggiare...Segnala il commento

Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large 20200804 140153.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Valentinacomesai ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Hai uno stile sobrio, veloce e lineare nel tuo dire, che si fa apprezzare per quel retrogusto che lascia, ma che è uno stimolo a continuare a sentirti dire. Sei bravissimo!Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Piaciuto. Io continuerei a raccontareSegnala il commento

Large default

Roberta ha votato il racconto

Scrittore
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Viene voglia che continui ;)Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di eyepizzapie

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work