Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Borneo

Pubblicato il 28/08/2022

36 Visualizzazioni
7 Voti

La pioggia tra la luce diffusa dominata dal verde, suonava le foglie sopra di loro.

Il suo compagno le teneva sulla testa una grande foglia di felce e lei sorrideva.

Guardava il suo volto rugoso, le sue grandi narici e gli occhi marrone.

Lei lo guardava, lui non la riconobbe mai.

Fino alla sua morte lei avrebbe aspettato un suo sorriso, che la liberasse da quella strana sensazione di solitudine.

Un giorno lui, mentre si arrampicava su un albero, perse la presa e cadde malamente su una radice.

Il branco lo raggiunse subito ma si accorsero presto che non si sarebbe più mosso.

Lo lasciarono solo con lei che ostinata scuoteva il suo corpo, cercando le sue carezze.

Solo qualche mese più tardi lei divenne madre.

Il suo piccolo batuffolo di peli divenne l’unica ragione della sua vita.

Non lo perdeva mai di vista e quando doveva muoversi, si assicurava che restasse avvinghiato a lei.

Il suo piccolo cresceva e tutto il branco si scopriva coinvolto nelle sue avventure.

Dopo circa due anni, la foresta sembrava non avere più segreti per lui.

Si muoveva agile e sicuro tra i bassi rami come al suolo.

Una mattina al risveglio del branco, la madre notò subito la sua assenza.

L’alba piovosa del Borneo, la nebbia persistente, i suoni della foresta, ora tutto sembrava un pericolo.

Poi lo vide, era di spalle, eretto sulle zampe posteriori, ancora parzialmente coperto alla sua vista dalla folta vegetazione.

A pochi metri da lui la sua presenza era ormai tradita dal rumore dei suoi passi che spezzavano il suono della pioggia.

Solo in quel momento lui si voltò a guardarla.

Ora ne era certa.

Non sarebbe stata più la sola.



Logo
1606 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (7 voti)
Esordiente
7
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large category calamai.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Rubrus ha votato il racconto

Esordiente

Anche se vien fatto di pensare all'orang - utan, la faccenda della postura eretta mi ha fatto venire in mente il fantomatico "uomo di Flores" Pignoleria: come ombrello, le foglie di felce non vanno bene per niente. Di solito gli oranghi usano quelle di banano, molto più coprenti. Segnala il commento

Large kozonosekai.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Shide ha votato il racconto

Esordiente
Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Editor

“Un giorno lui, mentre si arrampicava su un albero, cadde malamente”. Wow! In un solo rigo un avverbio di tempo e uno di modo. Strike! Complimenti! Nove palle gialle+++ per te!Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Raffaele 57 ha votato il racconto

Esordiente
Large 8c482727 9eba 41f7 9707 08e5dabf902b.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paola Zaldera ha votato il racconto

Esordiente
Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Coscienza fantasma

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work