Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

bozza_parte9

Pubblicato il 22/09/2022

72 Visualizzazioni
10 Voti
inchinato al lavello, l'altare del mio regno. vitto e alloggio da rifare, ordinare. 

un che di serafico nelle braccia, la tavola addobbata di scartoffie e un liquido che sale. non vedo la mia propria voce, che bassa dice, come fosse un segreto, di storie che altalenano la notte in ora e giù per i millenni. è quel che ci distingue, che ci congiunge. 

si sospende nel palmo un lieto fine e cascando una luce spolvera il cotone. 

il modello di uno sposo da tagliare, un futuro tratteggiato che appare e scompare.

ecco languido un sonno a seguire la coda. eppure l'intenzione non vola, non qui nel sotterraneo senza colori. 


sono stati invitati quattro ragni, a tessere la dote sotto lauto compenso, zampe sottili e divorare settimane. non osava scoraggiare le apparenze, ci sono tutte le stagioni rifinite, ricamate. 

eppure mi appare impossibile rimare senza fiori, prendere il largo di gioia in un mondo senza luci. scendere sempre più in basso senza ascensori, quali gli effetti sui nomignoli amorosi? 

stendo petali velluti sulle unghie per sapere l'estate, dice sarà una bella festa, e i vestiti nell'armadio al cappio.


ecco i conti dei nodi ai capelli di questi giorni quasi saturi di totem, e poi di lunghe frasi per vedetta, che strumento e panorama.

come entrare dentro una vasca di perline, e spalmare, lavare dallo stomaco le irraggiungibili scale, e la grande forzatura si scioglie di arancio. è una distensione, l'azione, parole senza dissapore.

e già lo sai, poeta, del colpo di velo nell'ultimo atto, del punto fermo, via via gentile. da non classificare per valore, per tensione, è semplice la sua direzione, una sussurro nudo al sole. 

si tiene un filo dorato in un brusco vento, un aquilone ebbro di sciocchezze, che dolce geografia senza mappe.


e c'è un profumo impercettibile ai profumieri, di burro sciolto il tuo ombelico è la misura ideale.

lo lascio alle sue trasformazioni. e ballo in tondo, gli ballo intorno, giravolte fino a perdere il senso, mi lascio perdere ma non il movimento. apriamo le finestre a un nuovo canto?

mi faccio conca per raccogliere l'aria, dentro sequenze di paesaggi e sviste. liberare le immagini protocollate dal potere, nell'intreccio collettivo di un sogno liberare, liberare dai bagagli l'animale.

e già lo sai, poeta, del permesso dell'ascolto del discorso del folto, delle sette coincidenze illuminate sui rami. 

innaffiata di cielo la casa di sabbia, non c'è antro in cui nascondere disunioni, né aggettivi accettabili per addolcire un ritorno.

verseggia nella mia direzione, la rondinella? voce straniera e sorella, che brividi di curve e corpi, siamo in pieni preparativi, che sorprendente baciarsi di partenze e arrivi ( mi bacia infatti di becco a sud, e io sì ).


Logo
2706 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (10 voti)
Esordiente
7
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20210428 111521.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonio Tammaro ha votato il racconto

Scrittore

Certo, ragazzi, resistere su questo sito è dura! Comunque narrativa o non narrativa... ma a chi interessa? Dopo secoli di letteratura destrutturata, dopo che le regole di impostazione delle trame, personaggi, intrecci, sono stati rivisitate e superate tantissime volte. Sono d'accordo con Adriana che sottolinea la frase stupenda "mi faccio conca per raccogliere l'aria, dentro sequenze di paesaggi e sviste. liberare le immagini protocollate dal potere, nell'intreccio collettivo di un sogno liberare, liberare dai bagagli l'animale"... è questa una sintesi di cui forse pochi sentono il bisogno, ma io mi associo con forza... Roberta hai uno stile davvero tuo, segui una strada personale, accattivante, stilosa e questo credo susciti più di un prurito... di supponenza in giro ce n'è fin troppa e sinceramente non sarà qualche commento sgradevole a far desistere persone che fanno della scrittura una parte importante della loro vita e che ormai hanno le spalle forgiate a ben altro.Segnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Sono puzzle i tuoi testi. Ogni tessera è un'immagine precisa, compiuta, definita. Ma se provi a incastrarle ti accorgi che disegnano altro, che conducono altrove. Il tuo stile è così personale e autentico che si può amare o odiare. Non ci sono vie di mezzo quando il talento letterario supera la semplice capacità di scrittura. Credo che una frase sia rivelatoria del fine verso cui tendi: "liberare le immagini protocollate dal potere, nell'intreccio collettivo di un sogno liberare" i sensi dal comune sentire e la parola dall'illusione e dal "permesso dell'ascolto". Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Mi consenti una battuta alla Cetto Laqualunque? Il primo, meraviglioso. Il terzo, bello. Il settimo come il terzo. Il nono… anche basta! §:-). Vabbè, dai, è una battuta. Mi sfugge totalmente il senso di questo tipo di scrittura (che comunque, qualunque cosa sia, ti assicuro che non è narrativa) e mi sa che gli utenti votano te, Roberta, e non quel che scrivi (gli stessi identici testi, proposti da utenti anonimi, non avrebbero simili riscontri), ma va bene così, se a te diverte. Segnala il commento

Large 20220917 234924.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

ottimoSegnala il commento

Large 91b276d1 de22 47a2 9298 d6b9eb43edc5.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Un fiore ha votato il racconto

Esordiente

Bella la rondinella. E anche altri punti come il profumo del burro sciolto simile per me a quello della mollica di pane. Segnala il commento

Large 20220806 144353.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helenas ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large amelie 1024x593.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Roberta

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work