Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Caina Attende

Pubblicato il 23/04/2021

In onore alle celebrazioni per Dante, ripropongo con poche variazioni questo racconto costruito tutto sugli ultimi canti dell'Inferno. Come far capire il dolore di un anima immersa nel ghiaccio? "Amor condusse noi ad una morte. Caina attende chi a vita ci spense"

98 Visualizzazioni
34 Voti

"Livide, insin là dove appar vergogna

eran l’ombre dolenti ne la ghiaccia,

mettendo i denti in nota di cicogna"

Denti.  Che battono. Dal freddo. Dalla rabbia.


La Moglie, fuori dal portone di casa


Le chiavi! Dove cazzo ho messo le chiavi! In tasca no, in casa no, in ingresso no. Fanculo, e adesso? Magari mi sono cadute nel tombino, nella fogna, come tutto poi! Mi tocca chiedere la copia a quella merda? No, porca puttana! A fare ancora la figura della cretina? Lo spasso del circondario? Già mi prendono per il culo abbastanza. Che poi 'sti stronzi sapevano tutto, magari, e l'unica a non capire, io, la cornuta. Tutto mi sarei immaginato, ma così.. eh no, ma questa me la paga, inutile faccia tanto il damerino "Un accordo lo facciamo, dobbiamo pensare ai figli... " col cazzo! I figli non li rivede più. Vabbè, Giorgia ha diciotto anni, fa quello che le pare, ma Francesco non lo vede più, quel bastardo. Ci manca che niente niente me lo rovina anche lui. No, l'avvocato c'ha ragione: a pezzi lo facciamo, come lui ha fatto a pezzi la nostra vita! E questa puttana d'auto sai che ti dico? La faccio portare via dal carroattrezzi. Che se potessi rottamare anche lui... E di tutto? Di questa casa cosa rimane? A me lui non c'ha pensato? Doveva farsi una vita, lui! "Ormai tutto era finito..." Finito sarai dopo e come lo avrò detto io. Meriti tutto quello che ti farò penare. Io a lavorare, e tu? a fare un cazzo e scopare! e con chi poi! Ah? Ma questa vergogna diventa la tua, lo vedi come. E poi verrai in ginocchio, in ginocchio ti voglio! Come ha detto mia madre, devi morire sui tuoi escrementi. Devi morire gridando dal dolore. Che vergogna! Che vergogna... maledetto!


"Lo pianto stesso lì pianger non lascia,

e ’l duol che truova in su li occhi rintoppo, 

si volge in entro a far crescer l’ambascia"

Lacrime. Che sollevano. Che aggiungono dolore a dolore.


Il Marito, tra le braccia dell'amante


Maledetto! Sono solo un maledetto! Ah, se lei... ma alla fine non potevo. Non si poteva diversamente. E adesso... ché non posso neanche dirlo. Non posso. Lui, lui se ne andrebbe. Già non sopporta tutto questo casino, i figli. E io... poi? Ma chi se lo aspettava! Sei anni, sei anni m'ha relegato su un angolo del letto o su un divano. E io? Io, scomparso. Il lavoro perso, mica potevo con tutti quei rientri improvvisi. "Non ce la faccio, aiuto". E lei, il suo lavoro, da conservare. E poi io, cerca tu a quasi cinquant'anni! Niente. Finito. Trovo questo, quasi volontariato... mi è sembrato di rivivere. E però, stai attento, stai lontano da loro, cercano... ragazze madri... hanno bisogno. E mai avrei pensato, che lui. Sì, lui. Ci incontriamo, parliamo di loro, e poi... cos'è stato? la sua mano, i suoi occhi. Mi viene a trovare. Un amico. Scherza, coi figli sì. Giorgia lo adora, Francesco... Giorgia va a danza. Francesco, a letto. Lei alla gita... Beviamo un amaro?... le sue mani. Di nuovo vivo, mi sentivo. Di nuovo. Dopo sei anni! Il suo corpo. Io dentro di lui. E adesso? La vergogna, lei e la sua vergogna. Io di nuovo a pezzi, da lui, a casa. Per quanto? Vent'anni in meno, solo sei più di Giorgia... e ora? Ora qui, lui dorme, dentro. Sì, mi dorme dentro. E fa male. Le viscere. L'anima. Ma non posso, non deve vedere. Non può sapere che lei... mi manca, mancano. Non deve vederle, le asciugo, col lenzuolo. Le nascondo. I miei figli! Sono solo. Ho freddo.


"Già era, e con paura il metto in metro,

là dove l’ombre tutte eran coperte,

e trasparien come festuca in vetro."

Il dolore. Muto. Imprigionato nell'intimo.


La Figlia, sul letto dell'ospedale


Ho freddo. E sono sola. Certo, potevo mica dirglielo. Adesso che sorride, dopo anni! Ma come potevo immaginare che lui... Mi piaceva. Era dolce. Buono con mio padre. Con noi. E ora... ora, dove, dove sono finita. "Hai preso la pillola?" "Sì certo". Sì, quella sbagliata. Che ne sapevo io. L'antidepressivo! Ecco perché girava un po'. Che ne sapevo che mia madre... per sembrare che ancora faceva, che non era depressa... allora, scambiava. Pazza! E ora, qui, questo. Mica potevo. Mica posso... Adesso che è felice, e mamma... mamma lo uccide. È colpa mia? Sì, colpa mia. Se fossi più bella, oggi... Ma papà sorride. Da tanto tempo... Ho dovuto. Era troppo. Un bambino. Il nostro bambino. Troppo. Non potevo, no. Potevo? Eppure... Ho freddo. Sento, sento male. Male lì, sì. Vuota. Hanno tolto tutto. Male. Come un urlo, ho sentito come un urlo. Un urlo silenzioso, un urlo che sale, mi assale. Un urlo muto, un pianto muto. Posso anche gridare. Nessuno mi sente. Nessuno può sentirmi. Tranne forse il mio bambino, morto.


Il nipote


Morire. Neanche ora di nascere ed esco a veder le stelle.

Logo
4636 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (34 voti)
Esordiente
26
Scrittore
8
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 20210627 152325.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Aylin ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210428 111521.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Rosnikant ha votato il racconto

Scrittore

Le parole come mezzo per incollare il lettore al senso del dolore indicibile! Esemplare! Segnala il commento

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Grande penna, grande performance Segnala il commento

Large 20190214 152239.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

isa ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente

Molto duro. La gente ha bisogno di leggerezza, comunque. Almeno un lieto fine ;)Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Concordo con Laura. Scrittura tagliente come lama di rasoio. Ottimo racconto. Ho le viscere a spasso per il corpo.Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Credo che Dante in qualche occasione sia stato utilizzato impropriamente, ma non è il tuo caso e anche se lo hai tirato dentro gli ingranaggi di un racconto contemporaneo, ben supporta questa trama dai meccanismi oscuri, agghiaccianti. Bravo.Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200611 011659.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Amid Solo ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

c’è forza Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Splendida. Grande senso del male che attanaglia i singoli e pervade la famiglia. "Bocche sollevate sul fiero pasto". Come una Pastorale.Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore
Aatxajxbmwx0t vape40mgr7hl yzley y2gc2xcsl2a=s96 c?sz=200

Isabella☆ ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente
Large 70628358 189111868760977 7202426436156653568 n  2 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Luciano Rossi ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Una storia terribile. Una girandola di rancore, di rimpianto, di dolore. Se la leggo ancora ho paura di finire anch'io con i piedi nel ghiaccio.Segnala il commento

Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210317 140852.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Enrico R. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Una dolente polifonica, in cui Dante, in fondo, non è che pretesto, pur di superba nobiltà, per una meditazione sull'incomunicabilità e sull'inferno dell'inappartenenza.Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Confesso che all'inizio mi ha fatto pensare a Dalcapa ;)Segnala il commento

Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 13 34 51 v2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

delicato sistema a incastri.Segnala il commento

Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia M. ha votato il racconto

Esordiente
Large spirit 2304469 1920.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Fant'asma ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s96 c?sz=200

di Graograman

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee