Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

CASALINGA MARATONETA

Pubblicato il 28/07/2019

Sono sola finalmente Rumore di foglie secche sotto i piedi aria fresca nei polmoni un passo un altro passo un altro ancora mi gira la testa Inciampo perdo una scarpa poi l’altra resto a piedi nudi un coniglio mi taglia la strada è tardi?

49 Visualizzazioni
14 Voti

- Il marito

Sparire così di punto in bianco senza lasciare traccia con due figli e un'attività fiorente non è stato facile

come un abracadabra

Ho dovuto preparare tutto nei minimi particolari

coinvolgere i parenti i vicini i clienti

Non esistiamo più

per lei

la dea della corsa

- La dea della corsa

Stavamo correndo il decimo chilometro quando all'improvviso si gira verso di me e mi dice

Ti aspetto all'arrivo

Sento che stavolta posso fare un buon risultato

Ciao amore

Ciao amore?

Abbiamo sempre corso insieme sin dalla prima volta

anno 2000

anno in cui ci siamo conosciuti. Eravamo a New York per la maratona. Due chiacchiere fra italiani prima della partenza, nel cuore della grande Mela, poi

la corsa insieme per scoprire le passioni comuni, tutti i chilometri fino all'arrivo e poi

non separarci più

L'anno dopo

sposarci a un'ora dalla partenza sempre a New York, sempre nel cuore della Grande Mela poi

via di corsa fianco a fianco, il mio velo che svolazza e il bouquet in mano come un tedoforo verso il braciere olimpico poi

l'anno dopo, il pancione, non potevo correre forte ma lui mi aspettava

I due anni successivi con il bambino sulle spalle, a turno, poi

ancora pancione ma sempre fianco a fianco, il bambino sulle sue spalle e l’altro nella mia pancia

E poi

Ciao amore

Ti aspetto all'arrivo

Ciao amore?

Ha accelerato. Ho provato a tenere il suo passo ma niente. Era la prima volta senza pancione o senza bambini. Si era allenato più di me. Io stavo allattando, due bambini piccoli da seguire, non potevo mica uscire tutte le sere e correre io

L'ho guardato allontanarsi

fra le altre gambe

le altre braccia

le altre canottiere

fino a sparire

Fino a non vederlo

per poi

non rivederlo mai più

Ciao amore

Quando sono giunta all'arrivo l'ho cercato invano per ore. Alla fine ho chiesto informazioni. Era arrivato fra i primi cento. Proprio un bel risultato

Sono tornata all'albergo. Sicuramente mi stava aspettando

Suo marito?

È uscito tre quattro ore fa ha pagato tutto ed è partito

No Non ha lasciato detto niente

No Non ha lasciato bagagli

No no no no no

Aveva fretta

Yes as below a spell

Ciao amore

È stato difficile rientrare in Italia senza soldi, senza documenti

Quando finalmente ho fatto ritorno a casa, dopo tre settimane, la casa era vuota

Oddio, non era vuota. C’erano ancora l'Audi A6 parcheggiata in garage e una Smart ferma nel vialetto del giardino

e i tapis roulant

e i mobili

e la biancheria

e i vestiti

i miei vestiti

ma era vuota di vita

nessun respiro

le piante morte, il gatto forse scappato. Il cane? Snoopy?

no

nemmeno il cane

e niente marito

e niente marito

e niente bambini

Ciao amore

Sul tavolo in mezzo alla sala una busta

due buste

una, la sua scrittura

l’altra, non la sua scrittura

Amore mio ti prego non cercarci non fare sciocchezze non poteva continuare così non eri più tu hai sposato la corsa hai figliato corse ormai non esistevamo più mi hai chiesto di mettere un tapis roulant nel box del bambino dopo quello sulle scale quello davanti al frigorifero davanti alla televisione nel bagno in corridoio nello studio mancava solo nel mezzo del letto matrimoniale a dividere i nostri materassi ho parlato con un dottore ti potrei portare via tutto i figli e tutto il resto ma mi accontento dei figli ti lascio le auto ti lascio la casa e gli animali la roulotte al lago la barca i tapis roulant te li lascio tutti ti lascio un conto in banca e un bonifico ogni mese

Ti lascio

Non ci cercare

non esistiamo più è meglio così

Amore mio?

Mi lascia le auto ma io non ho la patente, che me ne faccio? Io corro

Gli animali? Il gatto è scappato e il cane? Snoopy? Oddio, Snoopy?

L’altra busta è l’avvocato con le istruzioni per sopravvivere

Mi guardo intorno. È sparita la foto sopra il camino dove corro con il vestito da sposa e la foto dove corro con il pancione e quella dove corro con il bambino sulle spalle e quella dove corro e l’altro pancione

Oddio le foto

corro a cercare il computer

nessuna foto tutte cancellate non esistono più sparita ogni traccia del mio passato

Mi siedo sul divano e non mi rialzo più

ho il computer sulle ginocchia, a fianco il telecomando

Per mangiare faccio la spesa al super mercato online oppure la gastronomia d’asporto

a volte spero che la consegna sia fatta da un uomo

L’unica voglia che mi è rimasta è di scopare

ho ordinato un dildo su Amazon, si trovano, lo giuro

DILDO CALLY 8 " 20,3 cm Euro 28,37

Quando me lo hanno consegnato mi son chiesta

Chissà se sanno cosa c’è nel pacchetto?

La consegna mi è stata fatta da una donna

delusione

Sto ingrassando

la tv sempre accesa

ho tolto gli specchi, li ho rotti

sette sette sette e sette anni di disgrazia

chi è la più bella del reame?

sono sotto un incantesimo I'm below a spell

non corro più

la bella grassona addormentata

Verrà il mio principe a salvarmi?

-Il marito architetto affermato

Sono un architetto affermato

la mia fortuna, ironia della sorte, è venuta proprio da mia moglie

progettare e arredare seguendo le proprie passioni

ho cominciato con i suoi tapis roulant

abbiamo riempito la casa dalla taverna fino alla mansarda in ogni angolo

tapis roulant ovunque con gusto e un pizzico di ironia

gli amici e gli ospiti entusiasti

lo faresti anche a casa mia?

Ti piace il free climbing? Trasformo la tua casa in una palestra di roccia metto il tavolo in verticale il frigorifero sul soffitto e l’amaca per dormire

Ami la musica? Apri il frigo e parte un carillon strumenti ovunque e casse acustiche per sedersi installazioni sonore coperchio del water il piatto di un giradischi

Sei un patito di calcio? Loft pareti con i colori della squadra del cuore a terra linee in finto gesso a demarcare le singole aree della casa e larghe porte di accesso con ologrammi di una rete e luci al quarzo su piantane e casse acustiche con tifo da stadio e ai lati gradinate per gli ospiti e padroni di casa

Ho avuto clienti di tutti i tipi

chi ha soldi da buttare in una passione li ha anche per farcisi la casa

Certo non devi avere una coscienza troppo sensibile

Ho fatto appartamenti con camere di tortura e cimiteri sotterranei annessi

Alcove ricoperte di specchi e letti e bambole e mobili e sanitari gonfiabili e con dubbie protuberanze

Bunker con armi da fuoco da taglio armi bianche munizioni ed esplosivi a decorare pareti fra trappole e sensori laser a delimitarne i confini

Sono diventato ricco posso permettermi una nuova casa e due figli e un assegno mensile fisso per una moglie che non fa più parte della nostra vita

La mia casa è neutra senza passioni semplice e funzionale

non posso dirvi dov'è

non so ancora da che parte state

- La bella grassona addormentata

Sto guardando la televisione stanno trasmettendo Forrest Gump quel brutto pezzo di merda si è appena fermato ha smesso di correre fottuto traditore figlio di puttana

Se ami correre corri per sempre

Stupido è chi lo stupido fa!

Ti odio Tom Hanks ti odio Forrest Gump

Spengo il televisore e nello schermo nero vedo riflessa un'immagine chi è?

Chi sei grassona addormentata? Nessuno che viene a svegliarti?

Non la riconosco

Stupido è chi lo stupido fa!

Continuo a guardare la grossa grassa immagine riflessa nello schermo

Esco

andrò a correre sono anni che non lo faccio

Non sono più abituata all'aria alla luce le pupille si contraggono due lacrime

le prime

dopo quelle di rabbia

un passo un altro passo un altro ancora

Oddio

i seni

ballano

quanto sono grossi

provo a tenerli fermi con le mani ma non posso correre così

mi viene da ridere poi

un'immagine nella vetrina di un negozio

è la grassona che ho visto riflessa nello schermo mi sta seguendo corre con me mi fermo la guardo piegata in due

mani sulla milza fiato che esplode nei polmoni

tette su tette giù

Chi sei cosa vuoi non ti conosco perché continui a seguirmi?

scarto a sinistra quartiere residenziale

un passo un altro passo un altro ancora niente vetrine

corro finalmente sola e poi

l'ombra l'ombra della grassona che mi affianca

lasciami in pace ti ho detto lasciami in pace

vedo il bosco in lontananza

un passo un altro passo un altro ancora

corro fra gli alberi niente vetrine niente ombre

ora finalmente sono sola ancora sola

- La foresta

Sento i tuoi passi carezza che frantuma le foglie morte

passi di piedi vestiti come tanti altri che vengono a visitare le mie ombre

Ma i tuoi passi hanno qualcosa di diverso

sono incerti portano angoscia

ecco ora un piede inciampa si sveste

la scarpa abbandonata sul mio sentiero

Camminata sincopata

si libera anche l’altro

Ora a vestirli resta solo l’angoscia

Godo la carezza dei tuoi piedi nudi

il leggero rumore strascicato risveglia i miei spiriti

il coniglio bianco è il primo il più curioso

si porta dietro i fantasmi di storie passate case di crema e marzapane

Ti mando il lupo la sua fame è la mia

ti abbandoni alle sue braccia

I sette vizi capitali arrivano cantando alla miniera dei tuoi desideri più intimi

Ti lasci andare distesa sul mio tappeto di foglie

con un soffio ti alzo la canottiera

con una piccola radice mi aggrappo ai tuoi slip

con un'altra ti penetro

mi disseto con le gocce della tua rugiada

E ora che frutti daranno i miei alberi?

Passerai la notte qui con me?

Faremo l’amore?

Sarò io il tuo principe?

Non posso fare a meno di muovere le mie fronde

che passi la luce a illuminare il tuo sesso

- Donna nella foresta

Sono sola finalmente

Rumore di foglie secche sotto i piedi aria fresca nei polmoni

un passo un altro passo un altro ancora mi gira la testa

Inciampo perdo una scarpa poi l’altra resto a piedi nudi

un coniglio mi taglia la strada è tardi?

Hai l'orologio? Sai che ore sono?

Provo a seguirlo ma è troppo veloce alzo lo sguardo

schegge di sole fra gli alberi

Cerco ancora l'ombra della grassona

È a pezzi disintegrata esplosa come un kamikaze

i frammenti sul tappeto di foglie

mi fermo piegata in due mani sulla milza fiato che mi scoppia i polmoni

tette su tette giù

mi gira la testa ho fame mi guardo intorno

cerco la casa della strega devo arrivare prima di Hansel e Gretel

se corro veloce ce la faccio prima che se la mangino loro

la casa non la strega

è fatta di crema e marzapane

la casa

ci sono fragole mi piacciono le fragole mi fermo a raccoglierle

Sento male al seno è stata la corsa?

No

un lupo mi sta leccando i seni me li morde su e giù come sono diventati grossi

Che tette grosse che hai

È per allattarti meglio

provo a correre ma il tappeto di foglie gira a vuoto

cosa ci fa un tapis roulant nel mezzo del bosco

stupido marito un tapis roulant nella foresta che cosa ti passa per la testa?

Mi fai storie per metterlo nel box del bambino e poi ne installi uno nel bosco?

La casa della nonna è lontana

l’eco di una canzone

Andiam andiam…

un cucciolo fra le gambe la sua lingua fuori

gongolo, bagnata dalle sue labbra

allargo le gambe

Eolo mi soffia via la canottiera

brontolo

mi carezzo con la mano un seno l’altra che scende

mammolo

Sono stanca

mi appisolo

Dotto non c’è

mi ricorda troppo mio marito

Che faccia ha mio marito? Ha la faccia di Dotto? e i miei bambini? le foto cristo potevi lasciarmi almeno le foto mi gira la testa

mi lascio andare divento frammento di luce

- Forrest nella forresta

Stupido è chi lo stupido fa!

- Donna

Forrest nella forresta

non smettere di correre ti prego portami con te fuori da questo incubo

chiudo gli occhi mi rotolo fra le foglie mi tocco sola nel bosco

schegge di sole fra le pieghe del mio sesso riflessi di luce sulla mia intima rugiada

quando tornerò a casa giocherò un po’ con il mio CALLY 8 " 20,3 cm

ma ora sono stanca dormirò un po’

la bella grassona addormentata nel bosco

verrà il mio principe a salvarmi?

Mi risveglio esausta

Dove sono?

Sono ancora nel bosco

raccolgo piccoli frammenti di me tessere di un puzzle incompiuto

Tornerò alla mia casa vuota senza foto e

senza passato e

senza ricordi e

riaccenderò i tapis roulant e

ricomincerò a correre e

mi porterò a casa un po’ di foglie e

le attaccherò su uno dei tappeti rotanti e

mi piacerà la sensazione di foglie morte sotto ai miei piedi nudi e

- La casa

È tornata erano anni che non usciva temevo avrebbe fatto come gli altri come Dotto e le sue piccole pesti

sono scappati

spogliandomi le pareti svuotandomi gli armadi

non mi è spiaciuto ma lei lei mi sarebbe mancata lei mi ama mi rispetta mi cura

Negli ultimi tempi un po’ di sporcizia i cartoni delle pizze la polvere, ma sempre ho sentito che aveva bisogno di me della protezione delle mie pareti

Quando è uscita ho temuto di restare sola per sempre ma poi

è tornata

Ha acceso subito le sue macchine deve essere successo qualcosa era da tanto che non sentivo quel ronzio e il suo sguardo

qualcosa di diverso

sale al mio piano superiore non ci veniva da tempo apre le finestre che entri l’aria la luce

bentornata

- Donna… a casa

eccomi davanti all’immagine nello schermo nero

ci guardiamo ci studiamo chi cederà per prima?

Hai i giorni contati ti strapperò il grasso con le mie stesse unghie

Attacco la spina il ronzio

terreno che si mette in movimento da consumare fra immobili pareti

Metterò degli schermi

immagini in movimento e

ventilatori per il vento fra i capelli e

lampade abbronzanti per la pelle bianca

ho bisogno di aria di paesaggi di luce

correrò nuda sul mio tappeto di foglie secche.

Logo
12828 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (14 voti)
Esordiente
13
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large c415c39c 6403 4ee4 a16d 6887c4bd0cd9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Gef Coco ha votato il racconto

Esordiente

Mi ha ricordato i racconti di Donald Barthelme. Complimenti per il passaggio a scrittore Segnala il commento

Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

seduti su un divano sporco, j. joyce e bukowski se la raccontano così. molto bello. bravo.Segnala il commento

Large 20220917 234924.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large t  2  31 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

SteCo15 ha votato il racconto

Scrittore
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

D'accordo con Lorenzo. L'avrei chiusa appena dopo la foresta. Comunque sempre bravissimo. Congratulazioni per il passaggio di stato!Segnala il commento

Afdzucrfic hvttxbbi5bd2dxmsn8nqbsbyutj9nruu2lw=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

....eri scomparso....e sei riapparso, come scrittore. Com' é questa storia....!?Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Mi piace la parte nella foresta. Ha lo stile dei tuoi primi racconti :)Segnala il commento

Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Dalcapa

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work