Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Avventura

Che fai dormi?

Pubblicato il 29/05/2019

Chi ti sveglia, ti ama. Chi non ti sveglia, ti ama ancor di più.

42 Visualizzazioni
11 Voti

Che fai dormi?

Lo so. Ci sono tunnel spettacolari in cui puoi entrare e colorare le pareti con la leggerezza di un dito mignolo. Canticchiando, sospirando ed ignorando. Come se fosse tutto tuo ma non per sempre, solo per un attimo.

Ci sono dirupi con la profondità del mare e le onde, se le senti, sono musica trasandata per le orecchie più stravaganti.

Ci sono materassi dove la pericolosità è scritta nell’ultimo centimetro, lì in quell'appiccicato granello di sale della pelle. Il sudore che permane potrebbe essere veleno per chi, per un attimo (quell’attimo..), ci crede.

Cosa ti manca, chiedo io, figlia mia.

Eppure sei gentile. Sei donna e - pertanto - per costruzione onomatopeica sei lottatrice senza fine. La vedi la fine? Forse vederla ti aiuterebbe a non sprofondare in te stessa, in quella voglia atavica di piacere.

Cosa ti succede? Ma non vedi che così gli stupidi penseranno che sei stupida?

Ti mangeranno viva perché hanno più fame di te.

Non la sanno gestire la precarietà dell’anima.

Non sanno fare i conti con i perché.

Oggi ti ho vista passare per strada. Mi sono nascosta dietro ad un gruppo convulso di atroci ragazzini.

Ti guardavo tra i movimenti di questa città, aprivo le sezioni dell’atmosfera come finestre da cui poter rubare le rotondità di un paesaggio.

Non ti ho spiata, ti ho cercata. Ti ho trovata dietro il dove più contorto, dietro la mano salvifica di un evento casuale e dietro le vesti sintetiche di un giovane cameriere di un bar. Poteva chiamarsi Fabio, non so. Sembrava contento: chi porta un caffè è sempre contento, credo. È la consegna di un piacere certo, definito, deciso e assuefatto di senso. 

Il grembiule verde si muoveva con il vento caldo ed io sentivo la tua incostanza. Bussava in me come un ospite atteso ma non gradito. Non ho paura di questo ritmo. Lo ascolto figlia mia.

Guardavi per terra e poi subito verso l’alto. Poi ti sei fermata, prima di una vetrina. Per specchiarti il profilo, per ricostruire i tuoi pezzi e capire, così, il punto di vista di coloro che provano a guardarti, davvero.

Mentre ti scrivo adempio ai miei doveri di donna e moglie. Aiuta a far tornare i piedi per terra a questa vita che, se permetti, sta davvero delirando a botte di ego e inettitudini.

Ho cercato per casa tutti i bianchi da lavare. Mi sento una fattucchiera moralista nei minuti prima del suo esperimento quando riesco a dividere i capi prima di consegnarli a mamma lavatrice. Dopo tutti questi anni credo ancora che fare il bucato sia la cosa più romantica del pianeta. Raccolgo straccetti di vita, ne sento l’odore, il tatto consumato e decido - con assoluta padronanza - di dare una nuova fresca chance a dei momenti che ripartiranno di nuovo. Non saranno migliori, ma diversi.

Scusami tanto, che sbadata, ho deviato il tema o forse no, forse ho appena effettuato una TAC con tanto di liquido di contrasto.

Ma a cosa serve?

Io ci sono sempre per te, come un brufolo sotto pelle. Sono brutta, scomoda, appartengo al passato ma ci sono sempre.

Ora ti saluto, starai dormendo. 

Logo
3021 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (11 voti)
Esordiente
11
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 1556961005612516394346.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

ANNA STASIA ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20200519 wa0014.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lisa M. ha votato il racconto

Esordiente
Large fe56eba9 f5e4 4560 b55d af59cbbf8b75.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondina ha votato il racconto

Esordiente
Large lord ganesh wallpaper.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Fiorenzo ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1431.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Non la sanno gestire la precarietà dell'anima - avrei voluto scriverla io e anche altre. BravissimaSegnala il commento

Large img 20181226 105305.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Candy ha votato il racconto

Esordiente

Ma che meraviglia. È stupendo nel messaggio, nelle descrizioni, nelle immagini. ComplimentiSegnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large 20190710 115436.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Che bello, il tuo amore di mamma, e come lo sai " (de)scrivere" bene. Leggerezza, forza, Intelligenza e sensibilità...soy encantado.....Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

di Camilla Salmoiraghi

Esordiente