Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Erotico

«Chi è quella ragazza?»

Di Federico D. Fellini - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 01/01/2020

La Tabaccaia.

83 Visualizzazioni
20 Voti

«Ava, la nuova Tabaccaia». Il Pescivendolo sorprese tutti alla Fortezza Bastiani con una risposta puntuale a chi si interrogava sull’identità della figura che spiccava fra la folla addensata nella pista da ballo. C'erano spose, beghine, serve, sante, escort, streghe, lolite, fate turchine – quasi a sintetizzare l’ossessione dell'uomo ariminense per una femminilità bipolare: quella di una donna con la gonna che in casa stira le camicie e non medita su Nietzsche, mentre sul pagliericcio di un retrobottega, o in un letto a baldacchino del Grand Hotel, lo attende il corpo lussureggiante e sottomesso di una bella troiona. 

Ava era la  gloria e la degenerazione di tutte loro: una Gradisca, una Gigantessa, una Rosina, una Paciocca, un'Anitona - due compatte masse nevose al posto del seno, natiche come montagne, tronchi di quercia invece che gambe, occhi da lupa. Danzava sulla vetta di un cubo la suite Ocean, matematicamente strutturata dal Piccolo Ed in centoventisette frasi, utilizzando un algoritmo che traduceva in azioni coreografiche i dati climatici dello scioglimento del ghiaccio polare. 


Poi Earnest tornò agli abituali standard di comprensibilità: «Persino il lodato pavone non è tanto superbo».

Il Maestro cercò di fare un po’ di luce: «In che senso? Ti riferisci al fatto che il pavone è lodato sempre da tutti o al momento particolare in cui un pavone è appena stato lodato?».

«E con “superbo” intendi “bellissimo” o “altezzoso”?» volle sapere il Capitano.

Il Custode non era interessato alle discussioni di natura filologica: «All right, boys, enough chitchat».

Ed non capì: «Eh?».

«Ragazzi, lasciamo perdere le pugnette» tradusse il Pescivendolo. «Dopo le ventitré la Tabaccaia è libera. Qualcuno vuole fissare un appuntamento per un massaggio? Tim?». Il Custode accennò un sì. Gli altri tornarono con lo sguardo a quella donna dal petto enorme, messo in evidenza dalla camicetta bianca creata da John Galliano usando il materiale fetish per eccellenza, il lattice (pezzo di punta della collezione Hard Core Romancesu), su cui svettava una cravatta nera come la gonna bondage in pelle firmata Jean-Paul Gaultier che ne stringeva le cosce erculee e il minuscolo berretto di Moschino con un teschio ricamato sulla visiera in bilico sulla testa giunonica.

«Tim, Snaporaz che non sei altro, hai visto quell’uniforme nazista? A me fa paura, potrebbe essere un Vampiro travestito» si lamentò il Piccolo Edvard.

«Perché non il cadavere di un impiccato in incognito?» interloquì il Roc. Dopo aver rinunciato alla meditazione, cercava conforto nella compagnia degli amici e nella vitamina C di una vodka all’arancia. In notti come quella, amava atteggiarsi imitando il Marlowe raccontato da Fellini in una celebre serie tv. Ispirandosi allo stile di Chandler, il regista voleva, così disse, «riferire fatti criminosi, di sangue, di indagini, attraverso i quali non era però possibile capire niente, risalire a un disegno, a un piano, a un consolante scioglimento dell’enigma». Il protagonista, un ex poliziotto romagnolo interpretato da Martin Potter (l'Encolpio del Satyricon già spalla di Robert Mitchum ne Il grande sonno), costretto dai vincoli rigidi del sistema, finiva per essere «il comprimario di una realtà sfuggente, ingovernabile dalla logica». Il Roc trovava che questa fosse una perfetta descrizione di sé. Perché la realtà, per il Roc come per Fellini, restava un oggetto inafferrabile, dai contorni indefinibili. E «Chandler proprio questo aveva fatto, calarsi con infinito talento di narratore dentro l'inafferrabilità di quello che ci proponeva». Per tentare di catturare, ovviamente senza riuscirci, «il gioco misterioso, irrazionale e inconoscibile della vita».


«Nazist o cadévar… How can you not touch yourself when you look at her, con tutta quella roba… a me mi fa ssss… venire» sbavò il Custode. Ma le parole gli morirono in gola. La Tabaccaia svaniva. Sparivano la testa, le braccia e il petto, come l'incubo di qualcuno che si stesse risvegliando a fatica.

Il Capitano era esterrefatto: «Per mille balenottere azzurre!».

«Non è niente». Earnest si affrettò a rassicurare gli altri. «La ragazza ha un problema ormonale». Ma sarebbe stato più facile nascondere il classico rinoceronte in salotto.

«Problema ormonale? A me sembra una forma conclamata di morbo di Planck. È una malattia genetica rarissima negli umani (benché diffusa, bizzarramente, fra i gatti del Chesire), determinata da un’oscillazione degli elettroni a livello subatomico nelle molecole del sangue, che avviene a intervalli irregolari. Determina la temporanea sparizione di alcune o tutte le parti del corpo e talvolta anche fenomeni di levitazione». Il Maestro aveva una spiegazione per ogni cosa.

Il Custode, per un attimo, sembrò scosso: «Boia d’un mondo...». Quando si riprese, però, rinnovò il suo ordine: «Sign me up for a double massage, please».


NOTA. Snaporaz era il nomignolo fumettistico inventato da Federico Fellini con cui il regista chiamava affettuosamente Marcello Mastroianni.

Logo
4994 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (20 voti)
Esordiente
15
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large dscf2817.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Martina Gerelli ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large img 20200403 200548.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Matilde di Folco Portinari ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Mi è piaciuto moltissimo, nonostante io l'abbia trovato un po' ostico da comprendere in alcuni passaggi ( es: "Danzava sulla vetta (...) ghiaccio polare."), ma forse per una mia mancanza. Bravo!Segnala il commento

Large 153342377 197830348512629 4826612411029001494 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Monfrere ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Mai banale...è questa la tua forza di pensiero.Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 20211021 234002.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Alla fortezza Bastiani tutto può succedereSegnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Wow Prosit 🥂al tuo lavoroSegnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Molto bella. Un gioco di apparire e scomparire di ombre del cinema e della letteratura. Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 6e508332 9f32 4969 8a51 ea7be91f3fba.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Strano e bello come sempre: )Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

T'impossessi di voci, parole, immagini, emozioni, nomi e "quant'altro altrui": e le usi come se Fossero tue: sono tue, in effetti...Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Se l'anno incomincia così... sarà un superbo 2020!!! :-)Segnala il commento

Large default

Grissinotunatuna ha votato il racconto

Esordiente

Forse questa volta leggermente troppo descrittivo/dispersivo - ma sono i miei gusti e sono le 5. Auguri! :-)Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee