Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Chi non risica, non rosica, caro Fabiano.

Pubblicato il 12/09/2021

Vedi un po' tu; cuccuruccù...

149 Visualizzazioni
23 Voti



Dalla radio arriva l'ultima dei Måneskin. Preferisco Diodato, perché fa meno sceneggiate, quando canta. Così vado in cucina e mi faccio una centrifuga di sambuco e corbezzoli. Ci sta bene, con i canederli. E poi i testi. Vuoi mettere i testi di Diodato?

Torno in soggiorno. Valeria continua a titillarsi la frangia, con l'indice destro. La passa e ripassa, come se non ci fosse un domani. Poi si mette a posto le tette, che assentono, con un movimento calibrato. È il suo modo per esprimere disgusto. I Måneskin urlano ancora più forte, come se fossero d'accordo. Ma con chi?

Io posso, perché sono crucco. Ma non è per tutti. Poi me la bevo direttamente dal suo contenitore in plastica, la centrifuga. Sempre perché sono crucco.

Valeria va allo specchio per controllare la frangia. Mi da le spalle. Forse è solo un po' nervosa, però, quando è tesa, ha il culo ancora più sodo. Magari il prossimo week-end lasciamo Marco da mio fratello, e la porto in Riviera. Si è riseduta.

Taglio in due l'ultimo canederlo. Lo mangio con due cucchiaiate, e poi sorbisco il brodo dal piatto, alzandolo un po'. Come Battisti. Finisco anche la centrifuga; un rivolo mi scivola giù, lentamente, lungo la barbetta. Il sambuco è troppo dominante, e non permette al corbezzolo di esprimersi. È venuta disarmonica, la centrifuga. Asciugo il rivolo col tovagliolo di lino selvatico. Mi sono costati una fortuna, la tovaglia di lino selvatico e i dodici tovaglioli abbinati.

"Giochiamo, babbo?" marco spinge verso di me la scatola dei lego, sul pavimento, sorridendo.

"Il babbo mette a posto la cucina, e poi arriva. Va bene?"

Raccolgo tutte le stoviglie sul carrello,

e faccio per andare in cucina. Ma Valeria mi blocca con una gamba: due rette perpendicolari ma sinuose, che fanno quadrato, insieme al pavimento e alla gamba del tavolo. Un quadrato surreale.

In sottofondo sento Diodato. Alzo il volume: "Sai, questa vita mi confonde, coi suoi baci e le sue onde, sbatte forte su di me, vita che ogni giorno mi divori, mi seduci e mi abbandoni, nelle stanze di un hotel...

"Tesoro, hai una caviglia magnifica, anche in ciabatte" però dovrei passare!"

Ma anche lei è presa dalla canzone. Rimango in piedi, con le mani sul carrello. La sua gamba non si sposta.

"Tutte le cose non fatte per non doversi poi pentire, le promesse lasciate a sfuggire soltanto a metà, mentre pensi che questo non vivere sia già morire, chiudi gli occhi lasciando alla notte un sospiro che va."

"Sembra che parli di noi, questa canzone, non ti pare?" mi dice Valeria, battendo la ciabatta. Poi alza lo sguardo verso di me.

Sospiro appena e le sorrido.

"Ti piace vivere ai Parioli, ti piacciono le crociere, i ristoranti stellati, la scuola privata per Marco."

"Ma non ci sei mai, a casa. L'azienda ti manda dappertutto, col fatto che parli sette lingue. Il mese scorso due settimane in Brasile, poi quattro giorni in Canada, e settimana prossima vai a Hong Kong."

"Otto, tesoro, se contiamo anche il Coreano."

"Già, ci mancava pure Seul. Quand'e? Il mese prossimo, vero!?" E quanto devi stare? Venti giorni? Un mese?"

"Non si sa ancora tesoro!"

Valeria sposta la gamba, e riesco a passare.

"E poi vieni a casa, e fai la lavastoviglie. Che poi fa tutto lei." sento, dietro di me, arrivato in cucina.

"Però ti piace, questa lavastoviglie, vero? Con i suoi 84 programmi bio DOCG, che puoi modificare anche in corsa, o no!?"

"Babbo, babbo, Giochiamo?

"Arrivo, tesoro, riempio la lavastoviglie e sono da te."

I lego sono sparpagliati per terra. Marco mi passa una piccola torre, rossa e bianca. È riuscito a costruire anche le feritoie, lasciando degli spazi liberi.

"Ehi, ometto, ma sei bravissimo!"

"E questa è la Principessa" continua, passandomi Biancaneve.

"Anche lei, sta sempre in casa, aspettando suo marito, che deve lavorare, nei posti più lontani del regno." continua.

"Ma è contenta, no, la Principessa?" Che poi, quando il principe torna a casa, porta tanti bei regali, per tutti."

"Non lo so, babbo. Tu sei contenta, mamma, quando il babbo torna, e ci porta tanti bei regali, da lontano?"

Valeria scoppia a piangere, e si alza da tavola. Poi va da Marco, e lo bacia: due, tre, quattro volte; lo carezza,  lo abbraccia forte.

"La mamma è solo un po' stanca, tesoro. Ora mi passa."

Il Lego. Che gioco inutile. Il futuro del gioco è digitale, anche per i bambini. Prima imparano a usarlo, prima imparano a vivere. Entertainment, studio, lavoro, svago, sarà tutto in rete: a cosa può servire, imparare a costruire una torre con i Lego? In Corea del sud lo fanno già, da anni: il gioco del Lego in digitale, centinaia di costruzioni on line. Ma sono ancora troppo cari, è questo, il vero problema.

Valeria mi guarda: deve aver intuito cosa sto pensando, e si è messa a giocare con Marco.

Anche Marco mi guarda, e poi continua a giocare. Ha già costruito un'altra torre. Loro sono felici così. Io mi faccio un'altra centrifuga, con meno sambuco. Alla radio canta Mahamood, un altro sbiellato. 



Logo
4922 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (23 voti)
Esordiente
13
Scrittore
10
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo strepitosa idea complimenti Segnala il commento

Large 371bbdad71ee13ba5ed924368aaef8cb.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore

Più conosco gli esseri umani più amo gli animali, specialmente le mosche.Segnala il commento

Large immagine 2021 04 24 184139.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Germinal68 (Sandro) ha votato il racconto

Esordiente
Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Scene e ambientazioni realistiche e probabili in uno stile forse nuovo e diverso, da quello cui ci avevi abituato, quasi inedito, ma che sa farsi apprezzare da questo modesto lettore e ancor più modesto recensore. Mi imbarazza non poco intervenire dopo tanti e tante voci assai più autorevoli e preparate di me in campo narrativo. Un saluto e buona continuazione Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Ho un po’ di nostalgia per certi tuoi racconti ( tempo analogico, e altri di cui adesso non ricordo il titolo, per esempio quello del gatto in lavatrice, o quello della barchetta che naviga il cielo). Qui invece non ti trovo, anche se tu sembri divertirti assai. Scimmiottare un racconto che già aveva poco di originale non mi sembra il massimo. Non hai bisogno di dimostrare niente a nessuno, sei unico quando tiri fuori quella verve di cui parlavo, anziché imbastire ripicche.Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

giammai votato nessuno per cercare di essere votata a mia volta. oggi voto Franco, domani chissà… (sig. Fabiani è uno di noi “travestito” da Fabiani) ps: bella l’idea di proporre variazioni di altri sul tema… cosa che io non saprei fare cosí bene peraltro :-)Segnala il commento

Aoh14ghceea2z45svv0aajsvolhdwqjqwz3sonkkjk2swa=s96 c?sz=200

Alessandro Massa ha votato il racconto

Esordiente

A me sono piaciuti entrambi i testiSegnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 13 34 51 v2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

la prima parte mi fa ridere, tu crucco e Diodato e la centrifuga. mi sembra che tu gli abbia dato un taglio strano, ma molto tuo e molto godibile. bell'esperimento. Segnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Ero perplessa quando Fabiani aveva editato il testo di Adriana come sono perplessa adesso (per quanto il tuo scrivere sia più umano, brillante, ecc), lo trovo uno "scimmiottare" quello di Fabiani. Un po' infantili entrambi, secondo me. Scusa la franchezza. Con affetto :)))Segnala il commento

Large img1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Avrei voluto commentare il racconto, ma non lo farò, ché sta roba dello scontro mi pare non avere un senso. Un plauso invece al commento di Christina che è esso stesso un brano che merita. Oltre al fatto che quel che propone è davvero interessante: lungi dal voler innescare una gara a chi scrive meglio, lanciare un tema da sviluppare ognuno a modo suo; lo trovo una bellissima idea. Ciao, PaoloSegnala il commento

Large bc78d514 11fa 48c1 8961 06cdb2ae5474.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Christina Carol ha votato il racconto

Esordiente

AGGIUNGO : Franco mi sta simpatico e i commenti nonli faccio mai a do ut des. Però ritengo che la reciprocità sia il collante dei rapporti umani che esistono anche qui. Ciao! Allora. Non mi piace il soggetto. Trovo che ste storie di ricchi infelici che vengono propinate dai tempi d Solomone e della Regina di Saba abbiano un po’annoiato come tema sic et simplicity. I ricchi piangono? Si. Lo schema è quello anche di dallas e dinasty. Il ricco maschio spietato e brizzolato e la - bella - moglie infelice ma palestrata (e franco si sofferma sulla cura dei promontori muliebri e dell’acconciatura frangiata che contraddistingue i bocconcini attempati infatti lo sogan è either botox or bangs (frangia per nascondere le rughe). Vero è che il pubblico non ne ha mai abbastanza di famiglie di ricconi infelici. Però boh. Metteteli in rami meno modaioli dell’alta finanza. Comunque non sono nessuno per dare consigli su fiction e musica pop contemporaneo italica. A parte la frangia della signora (ed i tovaglioli di lino selvaggio) non mi sono appassionata. Né a meneskin ne a diodato. So chi sono e mi basta. Ciò premesso, il gioco è bello. Dovrebbero partecipare anche altri. Ad majora semper. Segnala il commento

Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s50?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Esperimento fallito, mi spiace. 1) Manca totalmente il flusso narrativo: pensieri, azioni, percezioni e dialoghi sono del tutto sconnessi, incongruenti (ti capita spesso, diciamo pure sempre, in effetti); 2) i verbi di percezione sono proibiti; 3) i verbi di movimento andrebbero minimizzati; 4) non hai costruito l’empatia; 5) non c’è conflitto; 6) la punteggiatura – as usual – è poco curata. Ora è ufficiale: non sai scrivere come scrivo io. Fa niente, non preoccuparti. Continua pure a fare complimenti agli scritti degli altri, l’unico modo per assicurarti i complimenti di ricambio ai tuoi. Come osservazione generale, fare fan-fiction non serve, se vuoi imparare a scrivere, perché ti trovi imbrigliato in personaggi ed eventi costruiti da altri. Però fa tanto bene al mio ego, sapere di essere stato oggetto di una fan-fiction (per quanto malamente realizzata).Segnala il commento

Large gecko 1373165 1920.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Geco Dorato ha votato il racconto

Esordiente

"Pólemos è padre di tutte le cose, di tutte re; e gli uni disvela come dei e gli altri come uomini, gli uni fa schiavi gli altri liberi" (Eraclito, frammento 53). Ben vengano le polemiche tra gli utenti se da esse nascono racconti acuti e ben scritti come questo! In merito alla (presunta) polemica tra utenti no vax e utenti pro vax o, per usare le parole di Il Verte: "provocazioni pro/no vax e ruggini antiletterarie del genere", credo che Il Verte e altri utenti di Typee abbiano preso una cantonata: io ho postato commenti polemici al solo scopo di smentire alcune fake news no vax che erano apparse in alcuni commenti in calce a due poesie di Bowil e in un testo pubblicato da Il Puma del Siambù, "Una realtà distorta" (poi rimosso). Le fake news devono essere smascherate, da qualsiasi parte provengano: pro vax o no vax, perché sono pericolose. Ergo, la polemica tra pro vax e no vax non mi appartiene. Post Scriptum. Franco, perdonami per questa parentesi fuori tema ma dovevo togliermi un sassolino dalla scarpaSegnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Bello! Se posso permettermi una delle tue cose migliori. Ci trascini dentro un attimo della vita di questa famiglia e ci fai precipitare dentro i loro sentimenti più basici e più alti, e non ci lasci andar via: il protagonista, la compagna e il figlio. Scritto bene, con la giusta lentezza.Segnala il commento

Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore

Bravo Franco. Personaggi vivi e imperfetti. Come noi del resto. Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Dietro la descrizione di un attimo di vita, c'è il pensiero che scorre, il sentire umano, con le sue illusioni, fallimenti, ostinazioni, interruzioni, contraddizioni. In ogni tuo brano, il lettore riscontra i piaceri e i compromessi che segnano la nostra vita. Ciò che ti contraddistingue è sì, (come sostiene Silvia), uno stile ben riconoscibile, ma soprattutto una caratteristica: racconti la vita attraverso i sensi, o meglio, il gusto e l'olfatto, come se l'esistenza umana non fosse altro che un sapore, più che un sapere. C'è l'essere umano in tutto ciò che scrivi, poca tecnica, se per tecnica intendiamo i conti a tavolino, i preventivi di spesa, i tatticismi. Ma tanta umanità, la stessa che ritroviamo nei capolavori della Letteratura. Perché siamo sinceri: con la tecnica si scrivono libri, ma è con l'anima che si scrive un romanzo o una poesia. Ti stimo troppo per resistere a dirti una cosa: non mi piace il titolo, offre di te il ritratto di un uomo livoroso, e tu non lo sei. Scrivi Frank: sia per porre fine alle polemiche sia per dimostrare agli "arrembaggiatori" che Typee è ancora il sito letterario che offre spazio agli aspiranti scrittori.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

piaciuto un sacco. sai che Djokovic ha perso la finale, peccato, avesse avuto di fronte Federer avrebbe vinto, e sai perché ? perché esiste una funzione ben precisa degli opposti, del + e del -, del bianco e del nero, degli USA e dell'URSS. banalmente tutte le parti rilevanti del corpo umano sono doppie, pure il cuore lo è, entrambe determinanti e necessarie nello svolgere la loro funzione stabilizzante per progredire. dirai che è una questione di "modi", certamente, ma nulla è per caso. basta cogliere. complimenti.Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Sono d'accordo con Davide Segnala il commento

Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Concordo con Silvia e anche con Davide. E poi: ‘Come se non ci fosse un domani’ è una frase chiave in questo contesto che ci rende un quadro che se da una parte è più ironico e caldo di quello del Signor Fabiani, dall’altra è più umano e amaro. Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Caro Frank, non hai bisogno di dimostrare niente. Tu scrivi bene, i tuoi racconti sono vivaci e coinvolgenti, trasudano sensibilità senza mai cedere al sentimentalismo, sono spesso ironici e divertenti, ma in modo elegante. Non ti confondere con altri, non accettare sfide, vai avanti dritto con il tuo stile inconfondibile. Un tuo testo, anche se fosse pubblicato come anonimo, si riconoscerebbe subito. Altri testi restano anonimi anche se il nome dell'autore c'è - sono senz'anima.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Franco, avevo scritto un commentone lungo una quaresima di cui non è rimasto nulla!!! Pazienza il sunto è: mi piace questo tuo racconto, è evidentemente lo speculare di quello del Signor Fabiani, Tu lo hai reso più caldo e sbrigliato... Se lo avessi intitolato diversamente e avessi omesso la nota beffarda - forse - mi sarebbe piaciuto ancora di più... Ciao e complimenti al "netto" del risultato d'insieme! :-)Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee