Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Avventura

CIAO CIAO BABY

Pubblicato il 09/02/2019

La mente mente, qualcuno ha detto. E lo sa bene Cicabum, che accetta per anni i soprusi di Brutos, il suo uomo. Invece di scappare da quella violenza, i suoi pensieri le fanno addirittura credere di esserne attratta. Cicabum gli vive accanto per tanto tempo, fino a che...

55 Visualizzazioni
19 Voti

Mancavano cinque passi alla libertà...

Il volto doleva e Cicabum era tramortita. Il sangue le colava negli occhi. Il pugno di Brutos era stato violento e cattivo.

Quella telefonata l’aveva agitata e la notizia appena appresa le aveva fatto scattare qualcosa dentro. Adesso sapeva di dover andare. Era arrivato quel momento e niente più al mondo poteva fermarla.

Sì, Brutos era violento. Aveva alzato le mani subito, al loro primo incontro.

A quei tempi lei faceva la ballerina in un locale per soli uomini. Si erano innamorati ed erano andati subito a vivere insieme. Ma a fine serata, quando lei aveva iniziato a fumare in macchina...

- Cosa stai facendo? Ti ho detto che non lo devi fare! E invece fumi proprio davanti a me. È in auto!

Con occhio languido lei lo aveva osservato, tranquilla.

La sigaretta accesa, che penzolava dalla bocca.

⁃ Ma chi credi che io sia? Nessuno si può permettere di prendermi in giro!

Il tono non prometteva bene. Il suo viso era trasformato. Cicabum si era tirata su dal sedile, in posizione eretta, guardinga.

⁃ Adesso la spengo. Apro il finestrino e la butto.

Il manrovescio le era arrivato all'improvviso e le aveva fatto sbattere la testa.

⁃ Ma che diam...

⁃ Ti faccio vedere io chi comanda qui!

La sigaretta ancora accesa penzolava miracolosamente dalle sue labbra. Per poco ancora, perché con un secondo ceffone era volata fuori dal finestrino mezzo aperto.

⁃ E ora esci dalla mia macchina!

Cicabum era frastornata. Che succedeva? Una forza oscura le comandava di obbedire e senza parlare era uscita.

Brutos l’aveva raggiunta e l’aveva bloccata.

⁃ Dì che non lo farai mai più.

Silenzio...

⁃ Dillo per Dio!

⁃ Non lo farò più...

⁃ Più forte!

⁃ Non lo farò più!

Stranamente Cicabum si era avvicinata a lui. Invece di allontanarlo, di odiarlo! E cosa era quella eccitazione?

Brutos la percepiva e, febbricitante, sapeva di poterla sfidare ulteriormente.

La stringeva e... Palpabile, il loro desiderarsi era irrefrenabile.

⁃ Dimmi che mi ami.

Cicabum era spiazzata e immobile.

⁃ Dimmi che mi ami!

Il tono della voce era deciso e perentorio. Le mani di Brutos strette ancora di più.

⁃ Ti amo.

La voce era flebile. La pelle accapponata e i capezzoli tesi: lo desiderava come mai.

Brutos l’aveva baciata e lei aveva ricambiato con fervore. L’aveva in suo potere.

Ma non gli era bastato e a quel punto lui l’aveva spinta via.

⁃ Se te ne vuoi andare, fallo! Ora! Vattene! Cicabum stava ferma.

Brutos si era incamminato verso l’entrata della macchina.

⁃ Forza, vattene ora. Nessuno ti costringe a stare con me.

Lei aveva aperto la porta ed era entrata in auto.

Sottomessa.

Erano andati a casa senza aggiunger più nulla.

Ed erano passati dieci anni.

E oggi era arrivata quella telefonata.

Non sapeva descrivere a parole, cosa rappresentasse quella conversazione. Però capiva che qualcosa di misterioso le stava ordinando di tornare al suo paese natale e di incontrare quel gruppo di compagni di scuola di tanti anni fa. C’era un che di sinistro in tutto ciò, ma la spinta era forte.

Qualcosa dentro di lei si stava risvegliando e sapeva perfettamente che il suo andarsene sarebbe stato per sempre.

Agitata, in automatico aveva acceso la sigaretta.

E mentre buttava in valigia il necessario per sopravvivere, lui era entrato in camera.

⁃ Dove stai andando? E chi era al telefono? CHE CI FAI CON LA SIGARETTA IN BOCCA?

⁃ Scusami, ma sono nerv...

L’aveva già colpita.

Brutos aveva subito sentito quell’odore di fumo. Come poteva sfidarlo?

Doveva punirla.

Ma per Cicabum stavolta era diverso. Invece di abbassare lo sguardo, lo stava affrontando.

⁃ Non mi fai paura. Me ne vado!

⁃ Vieni qui, lurida troia! Fatti prendere e vedrai bene dove andrai!

Ma Cicabum non stava scappando. Anzi. Stava ferma, gli occhi fissi in quelli di lui, a sfidarlo, come se fosse sempre stato così.

E difatti lo aveva spiazzato.

Brutos, fermo, non capiva.

⁃ Ma che cav...

E Cicabum gli aveva tirato il portacenere di cristallo (pieno) in testa.

Sangue, dolore, nausea.

Brutos era a terra, gemeva, le mani sugli occhi.

Il tempo per lei di buttarsi sulle spalle la sacca e avvicinarsi all'uscita.

Mancavano cinque passi alla libertà...

Merda! Era chiusa e la chiave era nel cassetto. Brutos si stava alzando.

⁃ Sei morta puttana!

Un balzo, il cassetto si apre.

Cicabum prende la chiave e apre la porta, ma Brutos le salta addosso. Un metro e ottanta di uomo insanguinato.

Cicabum cade a terra sotto di lui. Le mancava il respiro. E lo vede, il vaso.

E glielo spacca sulla testa.

Brutos non si muove più. Immobile e pieno di sangue. Cicabum riesce a levarselo di dosso.

Prende la sacca.

Sarà morto?

Non importa.

Esce e richiude la porta a chiave, senza voltarsi.

Si incammina.

Come d’incanto i pensieri, il fiatone e l’ansia spariscono.

Si riassetta e si pulisce il viso.

Raccoglie i capelli e si butta la borsa sulle spalle.

Strano, si sente più leggera...

Sì, per la prima volta dopo tanto tempo si sente felice.

Cicabum si mette a correre e va.

Logo
4866 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (19 voti)
Esordiente
18
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Viola ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Esordiente
Large collare 21.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

ninoszka ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo il cambio dal passato al presente :)Segnala il commento

Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore

Tema forte, stile di scrittura buono, ma il tutto mi pare affrontato con poca profondità, un po' forzato e i personaggi un po' stereotipatiSegnala il commento

Large sole.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

greic0c0c0 ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Maurizio Ferriteno ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Luca Prava ha votato il racconto

Esordiente
Large graffitiwall.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Superfrancy ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190913 wa0003.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Alfredoluchini ha votato il racconto

Esordiente
Large immagine2.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

DONATO ROSSO ha votato il racconto

Esordiente
Large large australia.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20191015 225536.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Rosnikant ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large eb55ff3c 4009 4a26 ae88 b368f5c5fdb4.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondina ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Micl ha votato il racconto

Esordiente

Bravaaaaaa!!!!! Segnala il commento

Large default

Ba ha votato il racconto

Esordiente

Brava 🔝👍🏻Segnala il commento

Large 20190721 162445.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large 115ee2f1 5606 4f6f baf6 3c7885402cc3.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di annaccia

Esordiente