Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Colazione di una bambina pigra

Pubblicato il 19/10/2019

Talvolta ciò che vedono gli adulti non ha niente ha che fare con ciò che sta vivendo il bambino che hanno davanti.

32 Visualizzazioni
17 Voti

Va bene, è vero: mi sono alzata tardi.

Comunque sia, ero sveglia da un pezzo. Con il chiasso che fanno i miei fratelli si sveglierebbe chiunque. Alla fine, tutti fuggiti fuori. Silenzio e pace.

Io ho un letto comodissimo. Il materasso è morbido e il cuscino è talmente ripieno di piume d'oca che sembra un panino imbottito: basta appoggiarci la testa che subito viene come risucchiata.

La camera la mattina viene inondata dalla luce che entra dalle tapparelle; un chiarore verde che la trasforma in una foresta incantata. Io rimango lì, a occhi socchiusi, e parto per viaggi fantastici in compagnia o delle mie bambole o dei personaggi di un libro che sto leggendo. L'altra mattina, con Alice (quella del paese delle meraviglie) siamo state in Australia in mongolfiera, per andare a trovare un'amica che si era trasferita lì dopo aver sposato un bellissimo principe maori. La mongolfiera era stata sistemata al centro della mia verde foresta e aspettava solo noi. Siamo salite e subito è partita. Non avevo nessuna paura.

E' stato un viaggio magnifico, uno dei migliori. La storia d'amore era avvincente, anche perché lui all'inizio sembrava molto serio e sostenuto ma alla fine si è innamorato di lei ed è diventato buonissimo. Un po' come la Bestia che si innamora di Belle, se vogliamo.

Quando siamo arrivate aveva appena avuto un bambino, bellissimo. Mamma dice che i bimbi mulatti sono sempre belli, e infatti anche il suo lo era; ma d'altra parte sono belli sia lei che il principe, e quindi era naturale. Siamo rimaste con lei il tempo di un tè e di una passeggiata in giardino, poi Bianconiglio ci ha richiamate e siamo tornate a casa.

La verità è che non mi va di dormire fuori la notte.

Nella mia foresta ci sono tantissime cose interessanti: animali, fiori e piante ma soprattutto colori e odori. I colori sono quelli della foresta stessa: un'enorme distesa di verde. I letti sfatti dei miei fratelli, toccati dalla luce, assumono forme stranissime. Per me sono licheni enormi, muschio fresco. Montagnole in cui è fantastico avventurarsi. Non ve l'ho detto ma nella mia foresta si cammina scalzi perché la terra è morbidissima.

Gli odori, invece, non sono proprio quelli del bosco: sono più profumo di crostata, di torta di mele, di cioccolata, di pane caldo con il burro e la marmellata. Non so come facciano ad entrare nella foresta, ma è così. C'è sempre un vago profumino di colazione appena servita.

Capirete che non è facile lasciare un posto del genere.

Il fatto è che ci sono mille cose da fare e personaggi da conoscere. Non puoi chiudere gli occhi che, riaprendoli, ti trovi davanti qualcuno che ha proprio voglia di giocare con te. Vi ho detto di Alice, e infatti con lei viaggio spesso. La questione da risolvere è quella di Bianconiglio che mette fretta ma, si sa: più forte di lui.

Viene anche Pippi Calzelunghe, da sola o con Zietto, il cavallo. Queste sono le occasioni che preferisco perché lei mi fa salire e Zietto ne sembra contento. Partiamo per viaggi avventurosi e di solito andiamo a trovare suo padre, il pirata, che ci fa un sacco di feste. Ci regala anche oro, monete e gioielli, che credo abbia rubato da qualche nave.

Poi, viene il nonno. Lui se ne è andato ma a volte torna da me. Siede sul letto, nella penombra della foresta, e fuma la pipa. Mi guarda e mi accarezza i capelli, come faceva prima. Mandavano lui a svegliarmi perché non facessi storie. Erano risvegli coi fiocchi.

Mi chiede come va e io gli dico che senza di lui è tutto più difficile e meno divertente. Lui sospira e mi racconta una delle sue storielle. Me le avrà raccontate mille volte; non potrei mai dimenticarle. Io spero sempre che non se ne vada di nuovo e mi sposto verso il muro per fargli posto ma alla fine va via. Mi chiama “piccolina” e mi guarda senza parlare, poi scompare. Eesta solo il profumo del suo tabacco. Non mi muovo finché riesco a sentirlo.

Alla fine arriva mamma. Carina, per carità, però apre la porta all'improvviso e la foresta sparisce, come risucchiata. Non è bello.

L'altra mattina si è fermata un attimo prima di entrare; mi è sembrato che annusasse. Sfido io; ancora c'era il profumo della pipa del nonno. Se solo avesse aperto con più calma, non l'avrebbe disperso così.

Ecco, vi ho raccontato tutto questo per farvi capire che non è affatto vero che sono una dormigliona, come dicono a casa mia.

Loro poltriranno, forse; io no di sicuro. Vorrei vedere chi, avendo una foresta, farebbe le corse per vestirsi, pettinarsi e scendere in cucina. Il cibo può aspettare; non ho mai sentito di nessuno che sia morto per aver ritardato la colazione.

Comunque, la domenica finisce sempre che mangio da sola. I miei fratelli scappano a giocare, come conigli liberati dalla gabbia; papà se esce, la mamma e la nonna rassettano... e io resto sola.

A colazione mi siedo buona buona a mangiare, al mio posto di fronte alla finestra. Guardo davanti a me e non vedo il giardino ma il nonno, che mi si siede davanti e aspetta che mangi. Mi guarda, fumando la pipa, e sorride.

Logo
4995 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (17 voti)
Esordiente
12
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore

Stile molto piacevole, fluido. Immagini bellissimi. Si tocca, si vede, si annusa, la tua foresta. Bello!Segnala il commento

Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore
Alm5wu1epf94oughffqysqoksmpagbuagu6qgg5xdlws9q=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore
Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Bello davvero, concordo con Paolo Sbolgi...Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Brava, la tua scrittura, con le favole che ci si insinuano, ha il fascino della leggerezza Segnala il commento

Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Letto davvero con piacere, grazie.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large screenshot 20200224 215102.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Silvia Fuochi

Esordiente
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work