Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Congetture

Pubblicato il 09/01/2020

35 Visualizzazioni
15 Voti

– Aspetta! – urlò il Guercio afferrando la porta dell’ascensore.

Riuscì a infilarsi dentro.

C’era una ragazza. L’ascensore cominciò a salire.

– Scusa – borbottò lui ansimando.

Lasciò cadere la valigetta, si asciugò il sudore dalla fronte e la guardò meglio. Era la pupa del nono piano, venticinque anni di bruna bontà. Lo fissava preoccupata.

– Perdi sangue – gli fece lei indicando la sua gamba.

Un proiettile lo aveva ferito di striscio al polpaccio. – Ho avuto un incidente.

Appena passato l’ottavo l’ascensore si arrestò. Le luci si spensero.

– No, no, no – mormorò lei.

– Porca puttana l’hanno bloccato! – sbottò il Guercio.

– Che? Chi? Chi è che l’ha bloccato?

Il Guercio sapeva di avere pochissimo tempo. – Ascolta...

– Ma si può sapere che succede?

– Stammi a sentire!

La ragazza si zittì.

– Ascoltami senza interrompere. Ci sono degli uomini che vogliono ammazzarmi, sono stati loro a bloccare l’ascensore, tra poco saranno qui e non gliene fregherà un cazzo che ci sei pure tu, spareranno lo stesso.

– Ma...

– L’unico modo che hai per salvarti è raggiungere il tuo piano, così ti chiudi in casa.

Il Guercio cercò la botola di soccorso posizionata sul soffitto; era pratico perché l’aveva già usata per nascondere le armi, in passato. Riuscì ad aprirla, calò la scala pieghevole dal tetto della cabina e salì in perlustrazione. Il piano era facile da raggiungere.

– Dai – le intimò il Guercio. – Passami la valigetta.

– Che c’è dentro?

– Trecentomila euro.

– Quanto? Questa cosa è assurda. Io non mi muovo.

Tra le rampe proveniva un trambusto di passi e uomini che urlavano.

– Sono loro! – insistette il Guercio. – Vuoi uscire o no?

Lei afferrò la valigetta e gliela passò. La aiutò a salire, poi la fece aggrappare al bordo e la spinse per le gambe su al piano. Prese la valigetta e la lanciò, ma urtò contro una fune d’acciaio invisibile nella penombra, rimbalzò e cascò nel vuoto.

– Cazzo no! – imprecò a denti stretti. – Maledizione!

Si aggrappò e si tirò su anche lui. I passi erano sempre più vicini e le voci sempre più minacciose.

La ragazza aveva aperto il suo appartamento. Il Guercio le precipitò addosso, la spinse dentro e chiuse la porta.

Le fece segno di stare in silenzio e ascoltò le voci che giungevano dal corridoio:

– Ma dov’è finito?

– Siete sicuri di averlo visto entrare nell’ascensore?

– Assicuratevi che agli ingressi non l’hanno visto!

– Idioti, ve lo siete lasciato scappare!


Da quel giorno il Guercio scomparve dalla circolazione, così come la ragazza. Svanirono nel nulla. Le ipotesi ritenute più attendibili furono tre: erano scappati insieme; li avevano stanati, ammazzati e fatti sparire; lui aveva fatto fuori lei per non lasciare testimoni e si era dato alla clandestinità.

A un certo punto cominciò a circolare la voce che nel vano ascensore ci fossero nascosti i trecentomila euro che il Guercio aveva fregato a quegli uomini. Ci fu addirittura un periodo in cui fu necessario un picchetto fisso dei vigili per evitare l’ossessione collettiva generata dalla notizia. Poi diventò una sorta di pellegrinaggio pacifico, mosso più dal mito intorno alla faccenda che dalla bramosia.

Una storia che col tempo sarebbe sbiadita, se non fosse per il fatto che ancora oggi c’è gente che viene a chiedere a me, che sono il portiere dello stabile da trent’anni, informazioni e curiosità sulla leggenda dei trecentomila euro spariti in questo palazzo e mai ritrovati.

E allora gli racconto la mia versione. A volte la faccio più lunga, altre più corta, o cambio qualche particolare.

Dipende da come mi sento.

Logo
3504 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (15 voti)
Esordiente
10
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 20210114 141221.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

la seconda parte non può che essere piana: il portiere non vuole certo si capisca che i 300 mila li ha recuperati lui. congetture, eh.Segnala il commento

Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Il finale mi sembra più ambiguo e "rallentato" rispetto alla tensione e al ritmo accelerato che hai creato all'inizio, comunque bel raccontoSegnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Bella questa focalizzazione progressiva della voce narrante, da onnisciente a soggettiva, a soggettiva arbitraria e inaffidabile.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 20121231 114226.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

LoSteNo ha votato il racconto

Scrittore

Da Mission Impossible a Bed Time , il passo è breve. Segnala il commento

Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore

questo racconto è spaccato a metà da due stili; secondo me il custode doveva raccontare la scena, magari cambiando versione, confondendola..Segnala il commento

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore

La parte iniziale con i dialoghi funziona bene. Il finale lo trovo un po' deludente rispetto alle aspettative create.Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 13 36 00 6a00e54fcf7385883401b7c7499bb0970b pi.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large marco1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di BULLET

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee