Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Credo nell'umanità: una, terrena, laica e senza apostoli

Pubblicato il 19/02/2022

Riscrittura di un brano. Riflessioni brevi su pensieri sparsi. Non sapevo in che sezione pubblicare, ma poichè è la realtà, ho scelto narrativa.

155 Visualizzazioni
30 Voti

“Io appartengo all’unica razza che conosco”.

(Frase formulata nel 1933 da Albert Einstein, in risposta a un questionario predisposto dall’ufficio immigrazione).


Guarda quegli illusi, salgono su gommoni e bagnarole rugginose, attraversano il mare, lo infestano di corpi e speranze, approdano sulle nostre coste per consumare una vendetta tardiva: riprendersi ciò che è stato loro sottratto e privarci delle nostre conquiste.

Predati? E che significa? La storia umana è una sequela di predazioni: gloria e bottino ai vincitori, onta e sopraffazione ai vinti.

Sono remissivi a casa loro, non hanno il coraggio di lottare per la libertà, ma pretendono di comandare a casa nostra, di cambiare le nostre leggi, imporci veti e decreti contrari ai valori e ai principi democratici.

Sono nemici dell’Occidente: sede e presidio della ragione, delle Rivoluzioni, delle Costituzioni, delle Dichiarazioni Universali.

Anelano ai miti del passato, alla triade libertà-uguaglianza-fratellanza, speculare ai poteri terreni e ultraterreni che avrebbero dovuto difenderli e hanno fallito: stato-chiesa-famiglia.

Non hanno capito che la Democrazia è un’utopia, che in Occidente comanda chi è più bravo a mentire e a corrompere, che l’unico dio che non abbiamo tradito e deposto è il denaro, e l’unica uguaglianza possibile è rendere tutti schiavi dello stesso padrone.

L'umanità è questione di longitudine e distanze, di proclamazioni solenni e di plateali smentite.

La razza è un pretesto per inebetire le masse e sottrarre la sovranità al popolo. È il nemico cui attribuire colpe e responsabilità, il punching bag su cui sfogare la frustrazione dei governati e i fallimenti dei governanti.

Ma è davvero possibile non capire che non ci sarà giustizia sino a che l’umanità sarà scissa in razze?

I pregiudizi sono l'antidoto alla libertà e sino a quando non capiremo che l'umanità è Una, i dittatori in Oriente continueranno a riempire le fosse comuni di dissidenti, e i governi in Occidente faranno lo stesso con la dignità e i diritti umani. 

La Democrazia è una conquista che va difesa tanto da chi anela ad annientare millenni di evoluzione e progresso, quanto dai mestieranti incapaci di discernere l’emigrazione dall’"invasione condotta all’insegna della clandestinità”.*(1)

Non saranno la democrazia di facciata e i principi astratti a rendere giustizia terrena: sarà l’applicazione del credo nell’umana dignità.


“Non c’è chiusura più formidabile dell’infinito che si apre”

( Frase tratta da “L’uomo che ride”,  di Victor Hugo, pag 70, Oscar Mondadori).


Guarda quei martiri del fanatismo religioso, predoni del deserto che al suono del piffero di un visionario dissacrano la verità.

Sono i discendenti esodati dalla terra degli uomini-dei, di coloro che hanno posto Jahvè a capo degli eserciti, di chi ha flagellato e crocifisso il Figlio dell’Uomo. La follia li ha condotti nel deserto e, lì, si sono persi sino a trasformare il Creatore nell’ennesimo Crono, e la fede in schiavitù.

Insaccano i figli di odio e tritolo, li mandano nel mondo come untori a spargere i semi della menzogna e creare un regno terreno in cui non c'è spazio per la misericordia e la luce.

Si spartiscono vergini mentre dilaniano la libertà di pensare, credere, amare e sognare.

Non si cibano più della carne e del sangue di un dio.

Ma la mattanza continua e la preda più ambita è ancora l'essere umano.

Com’è possibile credere che la mente e gli occhi di un uomo possano comprendere l’infinito?

Com’è possibile osservare il cielo e pretendere che una religione possa contenere tutta la verità?

Com’è possibile scegliere la fede in un'entità sovrumana che soppianta la ragione e rende inumani?


“Dimenticare lo sterminio, fa parte dello sterminio”.

(La frase è di Jean-Luc Godard).


Guarda quei fantocci artigliati dall’odio, sfilano con le svastiche e il palmo teso a schiacciare tutto ciò che sta sotto e fermare tutto ciò che sta sopra.

Negano la storia per emendarsi dalle colpe. Ma la verità non brucia, e dai forni crematori escono le ceneri di milioni di innocenti e il grido d’orrore contro i folli mietitori.

Chissà se mai gli uomini si sazieranno del dolore altrui e se un giorno capiranno che “olocausto” non è una parola: è la prova che - dopo Dio - anche l'essere umano è morto.

Chissà se un giorno negli occhi dei loro figli scopriranno l'orrore d'esser nati dalle “riserve di ferocia e di pazzia”  in cui non attecchisce il pensiero.* (2)


“...inchinatevi ogni volta

che vi guarda l’anima

perché Lei la sa vedere

perché Lei sa farla cantare...”

(Tratta da “In piedi Signori, davanti a una donna”, poesia attribuita a Shakespeare).


Guarda le donne, oggi come ieri sono esposte al linciaggio di padri, mariti e figli.

Dove i fiumi sono sacri e si adorano le scimmie, le bambine le soffocano o le seppelliscono vive, le gettano nei cassonetti o all'angolo delle strade, le cedono per una manciata di riso, le smerciano al mercato per orchi affamati di carne fresca, le vendono come pezzi di ricambi umani.* (3)

Le giovani indocili le placano con l’acido e le vedove alimentano i roghi.

Nelle terre battute dai venti del deserto le barattano con i cammelli e le capre, le infibulano e le mutilano, affinché la vita per loro sia solo dolore. Condannate all'ergastolo alla nascita, passano di proprietà dal padre al marito mentre sono ancora bambine, prima che si consumi l'infanzia e la bellezza della creatura fatta a immagine e somiglianza di un altro cielo.

Lo senti? È sempre più forte il coro delle loro voci. Hanno strappato i veli e non temono più di mostrare il sorriso. Sciolgono i capelli al sole e rompono silenzi inviolati da millenni di menzogne. Accerchiate dai guardiani scompaiono a decine ogni giorno, e nessuno le reclama. Sono flagellate e lapidate sotto lo sguardo indifferente di quell’Occidente che per le loro sorelle ha coniato il termine “femminicidio”.

Lo senti? Nella parola "femmina" non avverti anche tu l'eco del delitto d’onore?

Perché l'uomo non amato uccide per "amore". L'uomo provocato violenta per punire le donne della loro sfrontatezza. L'uomo offeso le percuote per farle tacere. L'uomo abbandonato o ignorato le stalkera per terrorizzarle.

E se la preda gli sfugge dalle mani, poco male, può sempre calunniare e diffamare.

Tutto pur di privarle della loro libertà e della dignità.

Sì, essere donna è affascinante, ma è faticoso e doloroso perché sono pochi gli uomini col coraggio di ammettere che:

"Il mondo sarebbe un posto di merda senza le donne. La donna è poesia. La donna è amore. La donna è vita. Ringraziale, coglione!” (Charles Bukowski).


“Se non credessi in voi giovani dovrei disperare dell’avvenire della Patria”. (Sandro Pertini)


Guarda quei giovani: ingenui e illusi. Credono che basti sfilare nelle piazze, invadere i palazzi delle connivenze e dei patti illeciti, scardinare le porte per far fuggire i traditori dello Stato. Credono che un “no” su una scheda sia sufficiente ad abrogare privilegi e corruzione.

Non hanno stelle e bandiere, non sono branchi, non emettono bolle come le sardine, non si nutrono del pastone di valori e principi sparsi nelle campagne elettorali. Non implorano, non si spargono il capo di cenere per colpe che non hanno commesso, né si piegano ai ricatti. Rivendicano le conquiste dei padri e le promesse della Costituzione. Sono delusi dalla generazione che ha fatto implodere la Democrazia, indignati per la sprovvedutezza con cui l’hanno consegnata a indegni faccendieri. Hanno capito che sono loro le uniche catapulte in grado di condurre l’umanità altrove. Hanno capito qualcosa che alle generazioni del dopo guerra è sfuggito:

Non è da noi che hanno appreso che “I pensieri muoiono nel momento in cui prendono forma le parole” (Arthur Schopenhauer).

Se i pensieri muoiono al suono rovente delle parole, le parole muoiono quando inflitte da chi ne ignora il potere. E se poi dietro le parole non c’è pensiero, niente restituirà loro la dignità.



* (1) La frase è tratta da "La rabbia e l'orgoglio" di Oriana Fallaci, pag. 129, Rizzoli.

* (2) La frase integrale rivolta da Primo Levi ai nazisti e ai fascisti è: ”Hanno dimostrato per tutti i secoli a venire quali insospettate riserve di ferocia e di pazzia giacciano latenti nell'uomo dopo millenni di vita civile, e questa è opera demoniaca. Tratta da “Deportati. Anniversario, Torino, anno XXXI, n. 4, aprile 1955; ora in L'asimmetria e la vita.

* (3) Si calcola che solo in Cina, nonostante siano stati sottoscritti la Convenzione Contro la Tortura e la Convenzione Internazionale sui Diritti del Fanciullo, oltre due milioni di bambine siano uccise ogni anno.

Logo
8523 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (30 voti)
Esordiente
19
Scrittore
11
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Grande e civile riflessione.Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Bellissimo testo.Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente

" ingenui e illusi. Credono che basti sfilare nelle piazze, invadere i palazzi delle connivenze e dei patti illeciti, scardinare le porte per far fuggire i traditori dello Stato. Credono che un “no” su una scheda sia sufficiente ad abrogare privilegi e corruzione. Non hanno stelle e bandiere, non sono branchi, non emettono bolle come le sardine, non si nutrono del pastone di valori e principi sparsi nelle campagne elettorali. Non implorano, non si spargono il capo di cenere per colpe che non hanno commesso, né si piegano ai ricatti. Rivendicano le conquiste dei padri e le promesse della Costituzione. Sono delusi dalla generazione che ha fatto implodere la Democrazia, indignati per la sprovvedutezza con cui l’hanno consegnata a indegni faccendieri. Hanno capito che sono loro le uniche catapulte in grado di condurre l’umanità altrove."Segnala il commento

Large default

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Quanto coraggio e quanta forza. E quanta attenzione da queste parole, per quanto di nefasto, incancrenito ci circonda. Per ogni volta che abbiamo abbassato gli occhi hai costruito una tua omelia. Grazie. Scritto molto bene, ho avuto il magone a ogni immagine.Segnala il commento

Large capture%2b 2021 07 31 21 27 16 4.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Calamaio ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo testo su cui riflettere. Grazie AdrianaSegnala il commento

Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Il titolo è particolarmente bello. Lo abbraccio con passione. Per il resto, al di là di cosa é stato scritto, si scrive, si scriverà, anche se l'umanità avesse una seconda chance, probabilmente la brucerebbe. Scritto molto bene, incisivo, ti elevi in questo cadere comune Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Chiunque sollevi questi temi merita un plauso, che si tratti di un sito letterario, di una testata editoriale, persino di un social. E leggerne non è mai tempo perso. Dopo averci fatto sorridere con qualche testo sagace e ironico in cui ti sei scatenata, ci offri un importante momento riflessione e spunti per un dibattito. Bella alternanza, AdrianaSegnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Grazie, Adriana.Segnala il commento

Large 20220222 155255.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Alessandro D. Massa Larsen ha votato il racconto

Esordiente

Diapositive: presentazione di una mente che scorre: intervallata dai dispiaceri: scopre l'incogruenza di Hume, tra l'essere e il dovrebbe essere: e i nostri pensieri espressi che la colmano... Segnala il commento

Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente

Grazie!Segnala il commento

Large amelie 1024x593.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

forbito elenco di alcuni grandi mali. non so se è narrativa, o forse sì se consideriamo che la storia è andata in questa direzione; oppure, per renderla più propriamente narrativa, si potrebbe scegliere un caso per ciascun male e farne una Cecilia. comunque. c'è chi dice che non solo l'umanità è una, ma che siamo un Uno anche con piante e animali, ché tutti insieme abitiamo la stessa terra, e anche la terra stessa poi, l'acqua e la terra, non siamo fatti della stessa materia, la materia delle stelle? sto andando fuori tema. ultima considerazione: Olocausto è parola più antica di come la intendiamo noi e alcuni non sono neanche d'accordo sull'uso che ne facciamo da dopo lo sterminio, per indicare appunto persecuzione e sterminio. le parole, mai semplici. Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Bukowsky for ever... and for President of Typee. E Adriana a moderare e dirimere...lSegnala il commento

Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente

La verità tutta Adriana e nel magistero della Chiesa, nel Vangelo, nei libri di Luisa Piccarreta sulla Divina Volontà, fuori di questo ci sono trappole dappertutto Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente
Large 98f662d3 1d06 41c8 a9a2 b3d398111485.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Come scrive Silvia;- testo argomentato, maturo, dove il dolore si mischia all’indignazione e solleva piccole onde- in cui però anche i pensieri di uomini illuminati e la tua intelligenza e umanità narrativa portano una grande ondata poetica. E la poesia, l’amore, sono già una grande rivoluzione. Grazie Adriana di questa letturaSegnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Amber Rose ha votato il racconto

Esordiente

Non hanno capito che la Democrazia è un’utopia, che in Occidente comanda chi è più bravo a mentire e a corrompere, che l’unico dio che non abbiamo tradito e deposto è il denaro, e l’unica uguaglianza possibile è rendere tutti schiavi dello stesso padrone. L'umanità è questione di longitudine e distanze, di proclamazioni solenni e di plateali smentite. La razza è un pretesto per inebetire le masse e sottrarre la sovranità al popolo. È il nemico cui attribuire colpe e responsabilità, il punching bag su cui sfogare la frustrazione dei governati e i fallimenti dei governanti.Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Un testo argomentato, maturo, dove il dolore si mischia all’indignazione e solleva piccole onde - cominciare così, da qui, da queste piccole onde e allargarsi a cerchio contro l’ingiustizia, la sopraffazione, la discriminazione!, se anche servisse per un giorno soltanto, Adriana, ne sarebbe valsa la pena. Brava.Segnala il commento

Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Il tuo apporto su questa piattaforma va oltre il contributo artistico. In questo caso sei un faro la cui umanità si fa luce universale. Grazie infinite Adriana e complimenti!Segnala il commento

Large thumbnail.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Frato ha votato il racconto

Esordiente

Bene Adriana. Bisogna urlare, indignarsi, non arrendersi mai. Chissà: forse si riuscirà a superare il frastuono degli zombi che pensano di essere vivi. Ciao, Roberto. Segnala il commento

Large bacio.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore

Gli esseri umani, angeli e demoni che si sono impossessati di madre Terra. Gli animali gli unici innocenti, gli unici degni di abitarla. Ormai siamo qui, cerchiamo di migliorarci e migliorare anche gli altri, col nostro esempio. Ciao Adriana, sempre profonda e d'impegno.Segnala il commento

Large img 20220509 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Anacleto ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

« La storia è forse la più crudele di tutte le divinità, e conduce il suo carro trionfale su cumuli di cadaveri; e ciò non solo in guerra, ma anche durante il “ pacifico ” sviluppo economico. E noi, uomini e donne, siamo purtroppo così sciocchi da non aver mai il coraggio di introdurre un progresso reale se non vi siamo spinti da sofferenze che ci sembrano quasi insopportabili." F. Engels (lettera del 24 febbraio 1893 a Danielson, in Karl Marx e Friedrich Engels: Lettere 1846-1895). Segnala il commento

Large foto carol.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Carolina Innella ha votato il racconto

Esordiente
Large pp.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Bruno Gais ha votato il racconto

Esordiente

Riflessioni che fanno stare a tuo agio, come quei posti in cui ti senti a casaSegnala il commento

Large paolo basso foto.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Basso ha votato il racconto

Scrittore

Riflessioni importanti e condivisibili Adriana. Come sempre nella vita, ci si deve affidare all'ottimismo della volontà. Perché l'esperienza di millenni non lascia scampo.Segnala il commento

Large images easyblog shared c cappellicomesceglierli1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonella Avolio ha votato il racconto

Esordiente

Il vivere è denudato dei valori e nutrito dell'abisso del non essere! Il ricordo di malsani episodi distoglie l'apparente calma del presente. Per non dimenticare, ti ringrazio della polvere che aveva appesantito la memoria. Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Adriana Giotti

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work