Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Young Adult

Da un granata mancato, ora fiero gobbo, sempre onore al Grande Torino.

Pubblicato il 04/05/2020

Fino all'età di cinque anni circa, ero tifoso del Toro. Poi, nel giorno dell'ultimo scudetto granata, decisi di varcare le acque del Po e di passare dalla parte bianconera. Da gobbo fiero, onoro e onorerò sempre il Grande Torino.

17 Visualizzazioni
9 Voti

Era il 16 maggio del 1976, giorno in cui il Torino vinse il suo ultimo scudetto. Non avevo ancora 5 anni all'epoca e, per svariati motivi, avevo una certa simpatia per la squadra granata. Ad eccezione di mio padre, juventino, la maggior parte dei miei cugini tifava Toro. I miei zii tifavano Toro, nel palazzo dove abitavo più di una famiglia aveva vessilli granata. Diciamo che le mie scelte rischiavano di essere leggermente condizionate dal contesto che mi circondava. Ricordo che, di quella formazione, mi piaceva in particolar modo Paolino Pulici che, allora, chiamavo “Puici”. Già, il bomber, ruolo che avrei ricoperto se avessi potuto giocare a pallone. Ovviamente quella squadra non era solo Pulici, ma “Puliciclone”, come era soprannominato, era in grado di far volare la fantasia di un bambino a livelli altissimi.

Quel giorno, il 16 maggio 1976, il Torino, pareggiando contro il Cesena e approfittando della contemporanea sconfitta della Juventus in quel di Perugia, conquistò il tricolore proprio a danni della Vecchia Signora.

Agli occhi di qualsiasi persona “normale”, un evento simile sarebbe stata la sublimazione della passione e la cementificazione di un amore nascente per una squadra, per quei colori.

Invece, comprendo solo ora che, sin da bambino, sono sempre stato impulsivo ed imprevedibile, nonostante quell'aria da perfettino irritante secchione con gli occhiali.

Ed infatti, un secondo dopo il fischio finale, mentre il telecronista descriveva la gioia sul campo e sugli spalti del Comunale, mentre nel palazzo si sentivano le urla dei tifosi granata, mentre le bandiere sventolavano sui balconi del vicinato, io, con le lacrime agli occhi, dissi a mio padre: “Da oggi tiferò Juve, Forza goba”.

Considerando il contesto e le “pressioni” esterne, non ci ho nemmeno messo molto a capire quale fosse la retta via, la riva "giusta" del Po, ma sempre, e per sempre, rispetterò la storia granata e il ricordo degli "Invincibili" che solo Superga sconfisse rendendoli però eterni.

Logo
1996 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (9 voti)
Esordiente
6
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large plain white background 1480544970glp.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente

Eroica emozione senza tempoSegnala il commento

Large mariomonfrecola social 2020.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

mariomonfrecola ha votato il racconto

Esordiente

pensavo che nella vita, due cose non si cambiassero mai: la mamma e la squadra del cuore. Storia singolare, scelta coraggiosa ma impopolare: dunque, complimenti per aver buttato fuori il rospo.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Non è dato capire cosa ti abbia fatto cambiare squadra: la tua impulsività? L' imprevedibilità del tuo carattere? L'amore per padre? Un bipolarismo calcistico latente... ? Le pressioni esterne... ?! Sarebbe interessante, analizzare l'origine di questa patologia, soprattutto per te stesso, e per il tuo futuro equilibrio psicosomatico... Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo Piacentino ha votato il racconto

Esordiente

Un tifoso granata che diventa gobbo. Nemmeno king poteva partorire una storia così terrificante. Dovresti spostare il racconto nel genere horror. Per il resto ben scritto, il finale mi ha commosso.Segnala il commento

Large auto074.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Enrico Danna

Esordiente
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work