Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Dedali

Di Zoyd Gravity - Editato da Silvia Lenzini
Pubblicato il 21/08/2021

Vorrei ringraziare Silvia. Non solo ha avuto la pazienza e la capacità di organizzare la mia scrittura e il caos dei miei pensieri ma ha anche arginato il mio menefreghismo. Per questo mi consiglia, nel caso interessati ad approfondire i personaggi, di indirizzarvi a Bucce di Banana e Effemeride.

70 Visualizzazioni
22 Voti

“L’evento in sé è di poco conto. Ma il fatto che sia possibile lo rende fondamentale”.

Il professore siede di fronte a Bonnie, le gambe incrociate sul tavolo. I mozziconi di sigaretta spenti nella tazza hanno assorbito quasi tutto il caffè.

È che volevo solo starmene in pace - pensa Bonnie, mentre il professore sputa alcune briciole di tabacco colpendola all’angolo delle labbra.

“Come sta Old Bill?”

“Sta bene. È con Charlie nel parcheggio. Credo gli abbia dato un fungo”.

Il professore si pulisce la bocca con la manica della giacca. Bonnie si alza, guarda dalla finestra quei due esseri immersi nella notte al confine della palude lungo la tangenziale. Ecco, sarebbe una bella foto da appendere nel locale - pensa.

“Altrimenti non si spiegherebbe tutta la faccenda”

“Quando chiamerai la polizia?”

“Non credo che lo farò. Potrebbe essere anche stato spinto dall’amore…Insomma non siamo mica sicuri che…Ha rotto da poco con la ragazza”

“Ti ricordo che hai chiamato la polizia per molto meno. Hai sporto denuncia perché ti erano spariti dieci grammi di fumo”

“Quella è tutta un altra faccenda. Si tratta di mancanza di rispetto”

“Te li eri fumati…”

Bonnie si chiede dove sia il corpo, forse al limitare della palude, dove comincia la città del professore - il suo progetto per organizzare la solitudine, il caos e la violenza dell’America. La città in cui le idee prendono la forma di corvi, volano in cielo per poi morire.

Entrambi avevano viaggiato su binari paralleli per sfuggire alle fiamme dei monaci buddisti, alle Cavalcate di Mezzanotte, ai linciaggi degli afroamericani, alle società di copertura a Portorico, alle fiamme di Waco e Oklahoma, a Cuba. Ognuno aveva costruito la propria risposta: il professore aveva reclutato giovani dalle campagne e città, inebetiti dall’utopia che spegneva gli ultimi fuochi della frontiera americana; il sogno di Bonnie si esaurisce fra i tavoli del Lucky Hole & Chili Dog.

In strada, Charlie attende l’oscurarsi della luna, l’eclissi che ogni notte prelude al rivelarsi della Loro rete. Forse anche lui ha deciso di spingersi al di là della palude, là dove è facile perdersi quando il buio si addensa. Bonnie lo vede già camminare fra i cadaveri dei corvi nel momento in cui le piume salgono al cielo.

Dalle luci negli appartamenti, come televisori accesi, Charlie è sommerso dalle coincidenze, dalle possibilità che esistono solo nell’immaginazione. È un momento in cui la ragione s’infetta: in quelle poche ore in cui le piume ricoprono il cielo, si riversano in strada briciole di pane con impresse le iniziali di confraternite, immagini dei proiettili che fracassano la mascella di Kennedy le cui trattorie incrociano Castro che getta spaventato un sigaro esplosivo. I cartoni di Hofmann nelle mani di Hoover sacrificano la gioventù americana sull’altare del grande inverno russo. Un gorilla strappato alla giungla, infettato dalla Pfizer, diffonde il virus nelle discoteche newyorkesi per omosessuali. 

Il professore ha pensato alla Rete per ordinare gli eventi, per evadere dal relativismo, inseguendo l’arabesco che punta al cuore della città: il gomitolo compatto, solido e inestricabile della verità celata fra le pieghe degli eventi. La Storia necessita di connessioni precise e indissolubili, della ricerca di un linguaggio primordiale, di ristabilire le logiche di causa-effetto. Bisogna attraversare la palude per vedere la mano dei Ted Walker dietro gli attentati ai Malcolm. Forze in contrasto che devono, si dice il professore, devono trovare una collocazione, tutto per dare un senso all’utopia.

Bonnie è convinta che la Storia non abbia senso né protagonisti. Sono le coincidenze a sceglierli. La costruzione della Rete è uno sforzo vano perché fatto a posteriori.

“È come scoprire una realtà accartocciata in un’altra…” il professore tossisce e un mozzicone rimbalza sulla tavola. A Bonnie ricorda un sasso gettato sulla superficie di un lago, aspetta il formarsi di cerchi concentrici sulla superficie della tovaglia.

“Charlie è un bravo ragazzo”

“Non finirà come lui, non ti preoccupare”

Vorrebbe rispondergli che non è importante se un altro ragazzo si ritroverà circondato di stracci imbevuti di benzina, prenderà un fiammifero e nell’incendio si trafiggerà lo stomaco con una katana, stringendo un haiku tra le dita. Invece estrae dal grembiule un pezzo di hashish avvolto nella plastilina, lo riscalda con l’accendino e comincia a sgranellarlo nella cartina. Il professore si avvicina al jukebox. La canzone ricorda a Bonnie la sua giovinezza - le villette a schiera dell’impero ordinato, la ventiquattrore di suo padre, i bunker sotto terra e l’atomica ad attendere in cielo. Gli aceri secolari che l’hanno condotta alla palude fra le braccia del professore.

Charlie seduto sull’asfalto li osserva ballare un country doloroso e onirico.

“O.B. stai buono!” dice, accarezzando il cane. “Vedrai, tra qualche ora passa. Hey, dai. La conosci la canzone che sta suonando ora?”

"Why everything’s the same as it was I can’t understand, no I can’t…"

Logo
4996 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (22 voti)
Esordiente
14
Scrittore
8
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente

Uhhh, sembra di essere dentro il raccontoSegnala il commento

Large 2cc7b805 97cb 4242 9b91 8a238b4e0113.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Vittoria Abbo ha votato il racconto

Esordiente
Large immagine 2021 04 24 184139.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Germinal68 (Sandro) ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200606 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Loretta 68 ha votato il racconto

Esordiente

La lettura mi ha piacevolmente assorbito, tu pensa che sono arrivata alla fine senza accorgere e ne avrei voluto leggerne ancora. Bravi davvero.Segnala il commento

Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Bello, molto bello. Ho riletto gli altri e ti dico che il lavoro che stai facendo è davvero un gran lavoro. Mi piace l'atmosfera intatta dei primi due che continua in questi, mi piace la lentezza con cui si svolge l'azione frammentata da pensieri e idee da seguire. Sei padrone della scena e delle parole. Ancora complimenti. Ti ho già detto che mi piace come scrivi e questo vorrei essere stato capace di scriverlo io.Segnala il commento

Large 98f662d3 1d06 41c8 a9a2 b3d398111485.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Questo è quello che ho preferito, fin da subito rapisce l'atmosfera che aleggia sui personaggi, la malinconia delle vite rotte e il dramma non esplicitato. Credo che la collaborazione di Silvia ti abbia aiutato a renderlo più narrato, forse meno frammentato. E ne avete fatto emergere un gran stile. Mi è piaciuto moltissimo Segnala il commento

Large drouk12176 rectangle.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

[K] ha votato il racconto

Esordiente

L'ho letto con piacere (anche i precedenti racconti Effemeride e Bucce di banana), mi ha colpito specialmente l' atmosfera, ha materializzato in me una sorta di clima interiore. Una nota finale: i personaggi sembrano essere, risucchiati da ciò che li circonda, dal loro ambiente o quantomeno sono in un equilibrio indifferente, "contano" quanto le bucce di banana impigliate nella barba. Non se sia stato voluto o meno, ma dà una buona sensazione nella lettura.Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Maria Sila ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Questo racconto è la prova che la frequentazione e la collaborazione su questo sito rendono migliori. Davvero una grande lettura. Complimenti!Segnala il commento

Large images easyblog shared c cappellicomesceglierli1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonella Avolio ha votato il racconto

Esordiente

Un bellissimo racconto!Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Concordo con Doctor: è un brano difficile da scrivere, ma siete riusciti ad affrontare un tema complesso in modo chiaro e avvincente, e a dimostrare con i fatti che la "verità celata (è) fra le pieghe degli eventi" . Ottima la scelta di Skeeter Davis e della bellissima "The end of the world". Trovo che queste collaborazioni siano il segno di una comunità che (nonostante qualche infiltrato e demolitore), riesce a produrre ottimi brani. Segnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente

Racconto fantastico complimenti Segnala il commento

Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large mare di giorno.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

D_Gallo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

voluta frammentarietà, un raccontare allusivo e la nitidezza dello stile: sono questi gli ingredienti che fanno della tua storia un incubo malinconico, ben riuscito e quanto mai personale. E certo, anche grazie a Silvia. Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Sai che è stato un piacere per me, non avresti dovuto ringraziarmi. Entrare dentro questa storia e respirarne l'atmosfera malsana è stata davvero un'esperienza importante. Il tema del complottismo è difficile da trattare fuori dalla retorica, tu sei riuscito a farlo in una forma originalissima. Questi personaggi restano dentro, e il mio consiglio è di non abbandonarli.Segnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Puntata nuova, fascino vecchio.Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente

Poesia pura. Un grande, straordinario poema contemporaneo che magistralmente dipinge la storia dell'ultimo secolo e la sua debordante deriva interpretativa. Un plauso convinto e totale da parte miaSegnala il commento

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Zoyd Gravity

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work