Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Horror

Die Daumenlutscherin

Pubblicato il 09/01/2018

Bisogna sempre ascoltare le mamme, soprattutto quelle tedesche. Le mamme non mentono mai e le poche bugie che dicono sono solo altre verità.

31 Visualizzazioni
14 Voti

"Weh! Jetzt geht es klipp und klapp

Mit der Scher' die Daumen ab,

Mit der großen scharfen Scher'!"

-Der Struwwelpeter


«Ahia!»

Luise stessa si sorprese per la velocità e la precisione del colpo. Il mestolo di legno era volato verso la mano del bambino come se fosse dotato di vita propria, centrando in pieno il dorso in uno schiocco. Non aveva nemmeno avuto bisogno di girare la testa.

«Quante volte devo ripeterti di piantarla? È un’abitudine disgustosa».

Konrad strinse le ditina attorno al pollice e nascose il pugno tra le gambe, vicino al pistolino.

«Guarda!»

Luise afferrò il polso del figlioletto e lo costrinse ad aprire le dita. L’unghia del pollice era ridotta ad una mezzaluna di pochi millimetri, circondata da un ammasso spugnoso di pelle biancastra e vecchi solchi sanguinolenti.

La donna arricciò il naso e lasciò andare la presa. Il pugnetto di Konrad tornò a rifugiarsi tra le sue cosce.

«Disgustoso».

«Scusa mamma, non lo faccio più».

«Lo dici tutte le volte e poi, appena mi volto, sei di nuovo lì a succhiarti il pollice», poi, abbassando la voce e piegandosi su di lui «Se continui così finirà che il pollice ti cadrà. Arriverà il mostro taglia-pollici che se lo porterà via…»

«Non è vero!» urlò il piccolo, stringendosi il ditone.

Lei annuì con aria solenne «Credimi. Le mamme non dicono mai bugie».

Ignorando la tazza ancora mezza piena di latte coi cereali, Konrad saltò giù dallo sgabello e corse via. La donna sospirò e, sovrappensiero, prese a rosicchiare via scaglie di smalto dal bordo dell’unghia finta.

Luise aveva passato gran parte della sua infanzia a pettinare bambole e tutta l’adolescenza a sognare come sarebbe stato avere un figlio. Fino a quando non era arrivato Konrad. Non ritrovava niente di sé stessa nei suoi occhi vitrei o nel naso perennemente umido di muco trasparente. Né, tanto meno, nulla di Ludger. Ludger era alto, forte e moro. Anche i capelli di Luise erano castano scuro, e allora da dove diavolo erano usciti gli sparuti ciuffi sulla testa di Konrad, talmente chiari da diventare trasparenti sotto il sole? Ludger diceva che anche lui, fino ai quattro o cinque anni, era stato biondo, ma lei non ci credeva…

«Mamma!»

«Che c’è?!» con uno scatto nervoso, fece il gesto di portarsi nuovamente l’unghia alla bocca, ma mancò la presa. Fu una sensazione bizzarra.

«Volevo dirti che non mi succhierò mai più il dito. Avevi ragione sul mostro taglia-pollici, esiste davvero. Io l’ho visto»

«Ma che diavolo…»

Luise abbassò gli occhi sulla sua mano sinistra. Il pollice non c’era più, al suo posto un tondo di un bel rosso brillante. Il midollo riluceva nel cerchio dell’osso tagliato di netto.

«Le mamme non dicono bugie».

Logo
2647 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (14 voti)
Esordiente
11
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 22046603 1639570532769806 6509759281020884777 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta Annabel ha votato il racconto

Esordiente

Complimenti, è davvero bellissimo! Breve ma pauroso... Bravo!Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large graffitiwall.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Superfrancy ha votato il racconto

Esordiente
Large snoopy scrittore.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Maria Cristina Vezzosi ha votato il racconto

Scrittore
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large occhio verde.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lady Nadia ha votato il racconto

Esordiente
Large img 4800.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

FFriede ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Leda ha votato il racconto

Esordiente
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large ti8.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2417.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

anna siccardi ha votato il racconto

Scrittore
Large large australia.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Scrittore
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

di Giovanni Luca Molinari

Esordiente
Editor
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee