Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Dipendenze

Di Howl
Pubblicato il 10/10/2021

42 Visualizzazioni
12 Voti

Avevo la tuta di Leonardo delle Tartarughe Ninja. Lei, sotto al giubbotto, il costume di Pocahontas. Ci siamo incontrati in piazza a Comacchio con gli altri della classe, poi, tutti assieme, abbiamo seguito la processione dei carri fino al Villaggio delle Rose.

Ricordo che l’anno prima ero su quello dei cowboy con mio papà. Mi sono divertito un casino ma è buffo pensare come sia cambiato tutto il mio mondo da quel giorno.

Franco e Fabio facevano gli scemi, si rincorrevano spruzzandosi addosso la schiuma. Io no, mi limitavo a raccogliere i coriandoli che lanciavano a manciate dai carri. Non volevo finire tutta la schiuma come stavano già facendo loro due.

La guardavo.

Lei stava scartando una caramella che aveva acchiappato al volo. Così le ho soffiato contro una stellina che le si è arricciata tra i capelli. Lei si è voltata e, quando ha capito che ero stato io, mi ha sorriso. Poi ha fatto una linguaccia.

Era una giornata bellissima, eravamo tutti abbastanza grandi da stare da soli. Non c’era nessun genitore ad accompagnarci.

Quando, dopo aver seguito la processione, siamo arrivati al Villaggio, la gente si è ammucchiata sotto l’obelisco.

Io chiudevo la fila. Da lontano ho guardato il carro di Bombolo che prendeva fuoco, e la cenere che sfarfallava nell’aria gelata. Si è accartocciato, si è piegato in un modo strano che mi ha fatto un po’ di senso. Sembrava che stava male. Ha continuato a bruciare mentre la gente ballava una canzone di Raffaella Carrà.

Mi sono sentito spintonare: era lei. Aveva, come tutti, il casino tra i capelli. Coriandoli, cenere, schiuma.

Mi ha preso per mano, mi ha portato dentro alla folla.

Balla, Gelli! Mi ha detto.

Così ho fatto un po’ di mosse, ma mi sentivo come di legno.

Lei è scoppiata a ridere. Che cos’è? Mi ha chiesto.

Ho continuato a ballare, e più la sentivo ridere, più mi ero a mio agio. Non ero bravo, ero stupido, ma mi piaceva essere stupido. Lei ha fatto una specie di piroetta e io per imitarla mi sono sbilanciato e sono andato a sbattere contro un signore che stava bevendo da un bicchiere di plastica. Aveva la faccia rossa. Stordita. Gli ho chiesto scusa. Ha brontolato.

Poi, io e lei, ci siamo allontanati.

Siamo andati vicino all’entrata della chiesa, là dove c’era una tavolata di roba da bere e da mangiare.

Ti va di berci il vino? Mi ha chiesto.

Non te lo danno mica. Le ho risposto.

Te guarda.

Si è messa in fila, poi quando è arrivato il suo turno, ha chiesto il vin brulé per la sua mamma e il suo papà, come se niente fosse. La signora le ha riempito due bicchieri, le ha sorriso.

Lei è tornata da me, mi ha fatto l’occhiolino. Mi ha passato il bicchiere.

Vieni. Mi ha detto.

Avevo paura. Il bicchiere era caldo, fumava.

Ha dato lei il primo sorso, ha fatto una smorfia.

Deeeah.

Un altro sorso. Ha tossito.

Dai tocca a te, non fa così schifo. Mi ha detto.

Ma te hai già bevuto prima? Le ho chiesto.

Si è messa a ridere.

Su. Non fare il cagasotto.

Tenevo il bicchiere, un po’ tremavo. L’ho avvicinato alle labbra, il fumo mi è entrato prima in bocca e poi nel naso. Mi ha stordito. Ci ho soffiato sopra. Ho deglutito. Avevo la nausea. Ho chiuso gli occhi e ho dato il primo colpo, forse troppo pieno. Mi è sceso in gola, denso, per me non aveva sapore era solo l’inferno. Subito dopo ho preso a tossire, mentre lei non riusciva a smettere di ridere. Quella cosa mi stava già strangolando lo stomaco.

Dai finiamolo assieme. Al mio tre.

Dopo, lei ha gettato il bicchiere tra gli sterpi di una casa vecchia. Io avevo paura che qualcuno ci avesse visto. Ho fatto lo stesso.

Volevo affrettarmi e tornare a vedere Bombolo che finiva di morire.

Lo vuoi un bacio? Mi ha chiesto.

Poi senza aspettare che le rispondessi, si è buttata su di me e ha pestato le sue labbra sulle mie. Mi ha sbilanciato, siamo caduti nel fango.

È scoppiata di nuovo a ridere.

Ma che, sei scemo? Mi ha preso il viso tra le mani e mi ha dato un altro bacio, veloce, meno pesante del primo. L’ha ripetuto più volte, dappertutto. Mentre mi baciava rideva. Poi ha tossito.

Ti piace come ti bacio? Hai un così bel faccino, Gelli. Te non vuoi baciarmi? Ti faccio schifo?

Io iniziavo a non capirci poi molto di quello che stava succedendo. Ero nel fango, lei sopra di me.

Ho vomitato.

Poco dopo, anche lei.

Così è iniziato. 

Credo sia questa la ragione per la quale sono qui oggi.

Logo
4293 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
7
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large chapter01.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Francesco Manciola ha votato il racconto

Esordiente

Mi sembrava di essere lì, vestito da punk.Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Le donne sono sempre avanti... Materia molto ben gestita con interessante ritmo.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Bellissimo. Complimenti!Segnala il commento

Large img 20200606 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Loretta 68 ha votato il racconto

Esordiente

È sempre la stessa storia con te! Ogni tuo testo che leggo è come se mi catapultasse da un'altra parte, non so dove, ma non qui, per tutto il tempo della lettura mi assento. Hai una grande dote narrativa per me. Bravo davveroSegnala il commento

Large 6cfb3a8f 5475 43fe 81fa c84b569118cd.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Che bello... quante cose ti passano dentroSegnala il commento

Large default

Tassman ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

è stupendo. bevuto d’un fiato Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Leggere i tuoi brani e quelli di altri scrittori, è "la ragione per la quale sono qui oggi". Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Gran bel pezzo: breve, denso, scritto da Howl... ed esaustivo. Un microcosmo preadolescenziale reso benissimo, con tanto di iniziazione alcolica e baci rubati al tempo. Bellissimo il finale, quasi catartico. Sei un grande...Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bello, Howl. Sei proprio un grande narratore.Segnala il commento

Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Il racconto è molto simpatico, con un linguaggio congruo. Mi lascia perplesso l'inizio con "avevo la tuta di Leonardo...", avrei usato il tempo presente, per fare scopa col finale "... oggi sono qui"; ma forse non ho capito io... Grazie per la lettura, PaoloSegnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20201104 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Howl

Scrittore
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work