Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Noir

Discorso sulla licantropia

Di Howl - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 27/04/2020

26 Visualizzazioni
16 Voti

Scrivo tutti i giorni da quando ho diciannove anni, per sopravvivere alla chiamata del selvaggio. L’ho già visto accadere a tanti prima di me. Tanti con più talento di me.

Scrivo ovunque. Scrivo chiunque.

Non ho un dono. Non l’ho deciso. Non l’ho cercato.

Sono infetto.

È la stessa identica storia solo con più tabacco.

Quando sono diventato adulto, mi sono appassionato alla mia diversità, l’ho coltivata. Per quanto mi riguarda, ho sempre messo la mia diversità al di sopra delle mie esigenze. Questo perché per me l’immagine è tutto. Per immagine, intendo la penombra di me che do agli altri. Per tenerli lontani.

Non mi sono mai definito uno scrittore.

Mi sono sempre definito un licantropo.

Perché è questo che sono.

E lo amo. E lo odio.

La mia diversità ha iniziato a manifestarsi con violenza nell’adolescenza. Mi tormentavo per questo. Non sapevo dove sfociarla.

Credo che per molti sia così. C’è un mostro che vuole impadronirsi della nostra coscienza a cui, ogni tanto, lasciamo tenere le briglie.

Questo non ci rende speciali.

In gioventù ci si accomuna, si segue un unico manuale.

Anche io ho seguito quel manuale, perché era nuovo, aveva bei disegni.

Così si omologa il mostro.

Ma c’era qualcos’altro. Una fame che non ho mai saziato in quegli anni.

Fino a che non ho ucciso. E mi è piaciuto.

Era un ‘eventualità a cui non avevo mai pensato.

Stare in mezzo agli altri senza prenderne parte attiva, o stare in disparte, assorbito alle pareti. Vedersi con qualcuno, perdere la verginità. Controvoglia in una gita scolastica in Cornovaglia.

Era sempre stato lì. Poi, la luna piena. Quando l’ho vista.

Era del primo anno, io del quarto. Mi ha sconvolto, e, ogni volta che la incontravo, mi sentivo come lacerato. Era troppo per me, ho cominciato a perdere la salute.

Per un intero anno ho fatto ricerche su di lei e, senza parlarle, ho scoperto come si chiamava, dove abitava, perfino il suo cibo preferito. Il resto me lo sono inventato. Certo, al di là della sua bellezza, c’era un’anima artificiale che io stesso avevo distillato. Non c’era niente di vero, era solo una croce. Un simbolo. Come tutte le fedi, non aveva bisogna d’altro.

Ero ossessionato da lei, eppure non avevo il coraggio di avvicinarmi a lei.

Fu quando la vidi con un altro ragazzo che persi completamente il senno.

Quella fame si stava portando via pezzi di me, poco a poco, tutte le volte che la vedevo.

Ero come il protagonista di quel libro: rimpicciolivo ogni giorno. Ero destinato alla dissoluzione.

Eccomi, smagrito sino alle ossa.

E lei. E lui. Un bacio.

Un crampo allo stomaco.

In paradiso tutto va bene. Va tutto alla grande.

Quando tornai a casa, mi fiondai in camera da letto, soffocai le urla nel cuscino.

La viva carne pulsava sotto la pelle che si sbriciolava. Le lacrime acide mi scioglievano il viso.

Il dolore era straziante. Nauseante. Stavo morendo, quello era il mio ultimo giorno su questa terra. E dovevo fare tutto quanto in silenzio.

Ma non morivo, soffrivo e non morivo. Ed era, se è possibile, ancora peggio.

Mi fu chiaro in quel momento. In qualche modo, per far si che il dolore se ne andasse, dovevo liberarmi di lei.

Dovevo ucciderla.

Ma per uccidere un’idea, ci vuole un ideale.

Era sempre stato in me, ma prima di allora era apparso solo a canzoni. Volevo fare in modo che qualcos’altro, qualcosa di terribile e sanguinolento accadesse.

Presi la penna.

Uccisi, sbranai, in preda alla passione più cieca. Mi sentii vivo come mai prima di allora.

Rinvenni il giorno dopo, nudo e senza più legami con la bestia.

Il corpo di lei completamente dilaniato dai morsi.

Certo, la rividi, più volte, dopo quella notte, ma non era più la mia lei.

Era solo un’estranea che indossava il suo volto.

In quegli anni, la mia disperazione era diventata anche narcisismo. Non parlavo con nessuno della bestia.

La ricercavo la notte, chiuso nella mia camera da letto. Lontano dal mondo.

Ma ciò che ignoravo, era che avevo bisogno di altri corpi.

Finita la scuola, frequentai i bar. Annegando.

Da allora, ho cominciato a scrivere ogni giorno, se così si può chiamare. Dal canto mio, li ho sempre definiti omicidi. Non cerco scuse, non l’ho mai fatto con altri scopi. Volevo solo privare del volto le persone. Ammucchiare corpi e seppellirmeli dentro.

Questo è il mio discorso sulla licantropia.

Logo
4260 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (16 voti)
Esordiente
12
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo Piacentino ha votato il racconto

Esordiente

Mi trovi in assoluta sintonia. A volte la bestia scompare per mesi, persino per anni. Ma prima o poi torna sempre, ed é allora che si deve scrivere...Segnala il commento

Large dscn0571.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Otorongo ha votato il racconto

Esordiente
Editor

A casa mia più che licantropia questi contorcimenti cerebrali si definiscono pippe mentali , ma io sono un po' all'antica , non faccio testo .Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Paolo Santaniello ha votato il racconto

Esordiente

E' una tematica interessante, ricorda qualcosa di "intervista col vampiro". Chissà, magari si potrebbe espandere in un romanzo o racconto lungo.Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore

Perfetto per una community come Typee; o forse dovrei dire per un branco come Typee? Per quanto il licantropo, come lo scrittore, è un essere solitario. Una community di licantropi-malati di scrittura. Potrebbe sembrare un ossimoro, se non fosse che non c'è scrittura senza lettura. E quello che leggi lo scrive qualcun'altro, nella maggior parte dei casi.Segnala il commento

Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

cupo. rabbioso. con un a capo per nulla velleitario ma funzionale a quello sporco licantropo narrante che sei diventato.Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Coltivi brillantemente la tua licantropia, la tua Ombra. Originale l'idea di scrittura come uccisione.Segnala il commento

Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Wooow!!!! "Volevo solo privare del volto le persone. Ammucchiare corpi e seppellirmeli dentro" SPETTACOLO!! Bravissimo, è inquietante ma al tempo stesso ci si può riconoscere, scrivere è ammucchiare corpi e seppellirli dentro di noi. Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

La scrittura che uccide, questa è un'idea nuova. Piaciuto moltoSegnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large marghe img 5466.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MargheMesi ha votato il racconto

Esordiente

Un noir affabulatorio e ipnotico alla Vitaliano Trevisan. Senza uscita. Pieno di vita.Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Affascinante. Bravo!!Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20201104 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Howl

Scrittore
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work