Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Autobiografia

Errore ed erranza

Di Ezio Falcomer - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 25/12/2019

49 Visualizzazioni
17 Voti

Qual è la mia passione se non questa febbre grigia, penuria di voglia ed entusiasmo, questa fiacchezza nell'inseguire qualsiasi ambizione? Le gambe molli, il piacere al fondoschiena che si deposita sulla caritatevole coltrice. Il bisogno infinito di decantare in un silenzio amniotico. Gli altri mi definiscono pigro ma non sanno quello che dicono. Padre, perdona loro.

La mattina di Natale è ricca di prodigi e caffè forte che sgorga con timidezza. Ieri sera solo un riso in bianco e le ultime pagine di "L. A. Confidential" di Ellroy. Mi hanno tutti abbandonato. O forse io ho abbandonato loro. Può anche darsi che non ci abbia il fisico per reggere il ritmo collettivo. Sono uno di quei deportati ad Auschwitz che non ce la facevano a sostenere la camminata durante il trasferimento ad altro luogo sotto l'avanzata dell'Armata Rossa, e venivano abbattuti dalle SS. Le marce della morte.

"Sei nato stanco". Questa la diagnosi che mi rincorre nei decenni.

Bisogna essere bravi a organizzarsi una rete sociale. Fottutamente abili. E ottimisti. Ma l’ottimismo può essere anche un’ideologia totalitaria che induce ad un senso di colpa negli individui un po'ombrosi; un'adorazione della troppa luce. La giovinezza, la pubblicità, il mondo, il dogma dell’eroticità perenne del corpo sono Ganz Feld, campo totale, luce onnipervadente, kitsch assoluto nell’accezione di Kundera, come eufemismo estremo e negazione della merda.


Sono un uomo da letto,

perché nel dubbio

amo stare a letto.

Per rilassarmi, per sedarmi,

per pensare, per non pensare,

per svaccarmi.

A letto risolvo i problemi planetari.

Perdo tempo e impiego bene il tempo.

A letto colgo al volo

la vanità della mia esistenza,

la sua superfluità,

e dunque mi sento insostituibile.

Nella mia persona si verifica un dramma cosmogonico,

una commedia psicagogica,

un inutile fenomeno di pulviscolo.

Sono un essere bosonico,

tetragono, cristologico e sulfamidico.

Sono un non essere in decomposizione.

Sono un illustre caso clinico.


Tredici anni. Mio padre: "Te, sei solo bravo a menare la lingua, ma non combinerai mai niente nella vita". Aveva perfettamente ragione. È una delle tante metafore della scrittura: inettitudine e menare la lingua. Menare come muovere, ma anche come picchiare, fare violenza ai codici, ai canoni, alle norme letterarie. Altre due accezioni un po’ accessorie: menarsela e menarselo. Dunque sboronaggine narcisista e istrionica, e masturbazione. 

Ci sono le attese, le norme, i progetti, gli ideali e poi c'è la vita del singolo come errore ed erranza, pellegrinaggio disordinato e sbaglio, peccato, infrazione. È uno dei temi portanti del "Canzoniere" di Petrarca (“il mio primo giovenile errore”): e più in generale della vita cristiana, soprattutto di visione agostiniana. La vita è errante errore, vanità; per dirla buddhisticamente, impermanenza, illusione, lampo di brevissima durata, in cui si consuma l’esistenza di una farfalla.

Eppure bisogna vivere anche con gioia e un po' d'entusiasmo e allegria questa lenta agonia che è la vita.

Che devo fare, allora? Respiro. Sto. Nel mio essere e nel mio scrivere. Puttaneggiare per il villaggio delle lettere. Obbedire a Dio che mi ha voluto ateo frequentatore del buddhismo zen e del cristianesimo. Che mi ha voluto soprattutto bipolare, o maniaco depressivo.

È stato un bel risveglio stamattina. Scrivo queste righe come fossero la terza pagina del "Times".


La mia storia è una storia. Ogni storia è la mia storia. Ogni vita è lebbra e penuria, carnevalata e ubriachezza molesta, festa dei folli e follia della croce. Illusione e apprendimento. Ogni storia è crisi della boria.

La storia inizia e si scioglie nel brodo cosmico da cui è venuta. Ogni storia è la storia della propria rabbia, dell'ego ferito, dell’inesorabile destrutturarsi del corpo e dell’io. Viaggio. Apprendere che fin dall'inizio non c'era niente a cui aggrapparsi. Che da sempre siamo destinati al naufragio. Che da sempre stiamo morendo in questo preciso istante. Che mondo della sofferenza e mondo della non sofferenza, Samsara e Nirvana, coincidono (Nagàrjuna).

Che cosa sto facendo esattamente, in questo preciso momento? Scrivo e godo. O meglio, desidero ed esisto (direbbe Hannibal Lecter). Scrittura come masturbazione (dicevamo, appunto). Libere endorfine e dopamine. Libero pensiero del libertino. Libero pellegrinaggio del cristiano nella valle del pianto. Scrittura zen dove è tutto perfetto così com'è fin dall'inizio.

E, soprattutto, cosa farà mia madre da mangiare? Perché l'uomo è anche quel che mangia, tra una rivoluzione e l'altra, nelle pause della lotta di classe – vedi che alla fine abbiamo salvato anche il materialismo? Siamo o non siamo un paese di gesuiti neodemocristiani?

Logo
4674 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (17 voti)
Esordiente
11
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Bello come al solito. Rischi in qualche punto il "già sentito". Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Leda ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 6e508332 9f32 4969 8a51 ea7be91f3fba.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large 20210427 021713.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore

Impregnato di significato ad ogni virgola. Mostri una nudità senza pudore e senza boria. Solo nudità umanaSegnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

La tua dialettica non si discute, sei bravo con le parole, forse un pò ripetitivo nella sequenza dei tuoi scritti.Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

un regalo !Segnala il commento

Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

"l’ottimismo può essere anche un’ideologia totalitaria che induce ad un senso di colpa negli individui un po'ombrosi" Spettacolo. Ti ammiro!Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Spettacolo!Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

In 4674 battute ci hai regalato un caleidoscopio del personale universale, e viceversa: tu sei un Babbo Natale infiltrato, secondo me.Segnala il commento

Large received 1267490450302421.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Domenico Puleo ha votato il racconto

Scrittore

Favoloso Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Ezio Falcomer

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work