Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

Fiore di Luna

Pubblicato il 05/04/2021

La luna come non l'avete mai vista. Buona Pasqua a tutti!

96 Visualizzazioni
34 Voti

5 Maggio 2023

Questa notte la Luna è fiorita.

Verso le 4 mi ha risvegliato un tremore ai vetri delle finestre. Temendo un terremoto, sono corso in giardino in pigiama, col vago proposito di usare il peso del mio corpo per contrastare l'instabilità della terra. E in effetti, d'un tratto, tutto era immobile.

Solo alcuni tenui segnali lasciavano presagire la provvisorietà di quella stasi.

Un cane guaiva in lontananza un senso di smarrimento. La luce della Luna illuminava il cielo, terso e scuro, in cui impallidivano stelle soffocate dalla sua aura. Giù alla spiaggia faceva gran rumore il mare, sbattendo sugli scogli con alte onde schiumose.

Sulle prime non vi ho fatto caso. L'aria spirava innaturale, come sospesa nell'indecisione: obbedire alla gravità terrestre oppure alzarsi ribelle verso lo spazio, dove trovare pace dalla persecuzione dei venti?

Seguendone la fuga immaginaria in direzione di mari di tranquillità, il mio sguardo è caduto sulla Luna. M'è apparsa stranamente deforme, come schiacciata ai poli opposti del suo globo. Sul polo superiore si era formata una corona di guglie aguzze. Non ho fatto in tempo a chiedermi cosa nascondessero. Nel volgere di pochi minuti, infatti, con grande sconquasso, il globo lunare si è disunito aprendosi in 7 candidi petali. Esterrefatto, ho perso cognizione di quanto mi accadeva intorno, rapito nella visione inattesa. Ora, rientrato in casa con tutti i sensi ovattati, cerco di scrivere per riordinare le emozioni sortite da un evento che vivo come un miracolo. Rivedo il rastrello, i sassi, la bicicletta di Piero, pure i vasi delle ortensie, fluttuare nel cielo e ricadere poi morbidamente a terra. E la piccola tromba d'aria che ha scoperchiato il tetto della casetta in legno, già pericolante, staccandone il foglio bituminoso per poi trascinarlo lontano accartocciandolo quasi senza rumore.

E infine il fiore di luna, che si è aperto e ha svelato, un immenso pistillo all'interno del calice, attorniato di stami vertiginosi con la base nascosta sotto l'ovario. Tutto riluce di candido splendore glaciale.

Mi sono affacciato alla finestra e sto scrivendo sul davanzale. Lo spettacolo è commovente. Le luci delle case vicine si accendono a ritmo sempre più incalzante. Siamo tutti in estasi, i volti rivolti al cielo notturno, sospesi a osservare la sua inattesa meraviglia.


6 Maggio 2023

Oggi non si parla d'altro.

Scienziati logorroici si turnano nei programmi televisivi, nei notiziari e in streaming improvvisati. Nessuno perde l'occasione di dare la propria versione sull'accaduto.

Anche io sto cercando di costruirmi la mia idea, aggregando informazioni da fonti disparate per trovare un senso e non precipitare nella follia.

Dicono che negli ultimi mesi un incessante vento solare abbia spinto nello spazio intense radiazioni cosmiche. Può questo aver influito sulla "maturazione" della Luna e la sua conseguente fioritura? Io non me ne capacito. Sembra impossibile che in millenni nessuno ne abbia immaginato la vera natura.

Gli effetti del fenomeno sulla stabilità terrestre fortunatamente non sono dirompenti. L'onda gravitazionale che ha investito sul principio la terra è passata e tutto il pianeta sembra tornato alla normalità, salvo un leggero ritiro delle acque che più che altro ha portato benefici alla mia Venezia.

Io colleziono foto ad alta risoluzione scattate dalle stazioni orbitanti attorno al globo. Di continuo vengono svelati dettagli sulla consistenza dei petali, la forma a cuore del gineceo, il profilo affusolato degli stami e la loro composizione. Nella corolla che appare a noi lucida, sono presenti come intarsi che riflettono i colori dell'ultravioletto. Vuole comunicarci qualcosa, la Luna, ne sono certo. Dobbiamo solo interpretarne il linguaggio.

Per poter osservare direttamente il fiore, ho riesumato dalla soffitta il vecchio cannocchiale. Stava dentro l'armadio dove conservo le cose di lei. È incredibile sia ancora intatto.

Ho rimesso in funzione la postazione sotto il tetto che usavamo come osservatorio e ho puntato il cannocchiale verso il cielo. All'inizio la mano tremava un poco, ma dopo aver messo a fuoco l'obbiettivo, la Luna mi ha conquistato e ho preso confidenza.

Anche i miei vicini, i coniugi Marangon, sono presi dall'euforia. Hanno invitato parenti e amici e si lanciano in canti e danze. Pensare che poco tempo fa erano solo dei miti ottantenni rassegnati ad attendere la fine dei propri giorni.

Mi sto interessando alla letteratura epica che parla del nostro satellite. Mi affascina la storia di Astolfo che recupera il senno di Orlando proprio dalla Luna. Forse è questo che sta accadendo. Forse avevamo perduto il buonsenso e la Luna misericordiosa ce lo sta riconsegnando.


7 Maggio 2023

C'è grande fermento. I Marangon e i Furlan si sono uniti e hanno fondato una nuova religione. Si fanno chiamare i Lunatici. Sembrano felici, e tanto mi basta per invidiarli. Io, dalla morte di Lara, sono confinato in un isolamento contemplativo, vivo da eremita. Non è la paura che mi tiene prigioniero, ma l'incapacità di sopportare la serenità. Tutto ciò che dà gioia mi è di peso. La commozione per i gesti più banali mi porta a piangere senza ragione. E anche se sono lacrime di felicità, mi lasciano spossato come per un lutto.

Dicono che gli stami della Luna non siano fermi ma ondeggino continuamente emettendo frequenze che disturbano le ricezioni dei nostri dispositivi. Per fortuna si tratta di una cosa risolvibile. È sufficiente un filtro di basso costo da collocare nelle case e l'interferenza viene bloccata. Vorrei anche io avere un filtro che mi permettesse di sostenere gli sguardi delle persone senza essere sovrastato dai sentimenti.

Prego che questo evento inaspettato scoperchi la mia vita, la migliori, come sembra stia accadendo al mondo intero.


14 Maggio 2023

L'aria è mutata. Rileggo quanto scritto il giorno dopo la fioritura Lunare e sembra passato un secolo.

Un vento glaciale s'insinua nei vicoli, isolandoci nelle case e gelando le gemme sugli alberi. Ma peggio del freddo inatteso è il mutamento del sentimento generale.

Tutto è partito qualche giorno fa dal Giappone. Un comico dal nome impronunciabile ha condiviso un'ingenua battuta.

"Non vedete? La Luna è una bella donna profumata. Chissà che gran mosconi ci gireranno intorno!"

Internet è subito impazzito, ingolfato di meme apocalittici su ipotetiche invasioni a opera di colossali calabroni spaziali.

A nulla valgono le rassicurazioni degli esperti che sottolineano la natura singolare della fioritura. Il senso di stupore indotto dall'evento è precipitato in un baratro d'ansia.

I Lunatici che prima mi divertivano con la loro goliardia, si aggirano strafatti, in preda ad allucinazioni. Li si riconosce per la nera benda alla fronte con il bianco disegno di un fiore di luna. Il rampicante non rassomiglia in nulla, se non per il colore, all'immenso fiore lunare. Ma è la loro follia, tragicamente, a comportarsi come il rampicante, attorcigliandosi in vortici ripidi che confondono la mente. Negozi e bar sono oggetto del loro saccheggio. Si moltiplicano violenze sessuali giustificate da imprecisati riti per ingraziarsi improbabili divinità millenariste.

Anche io temo l'incombere della fine del mondo. Ma l'attendo con più serenità. Forse, nell'intimo, la vedo come una liberazione del mio essere. Evolvere, finalmente, nel tutto che mi seduce.

E così posarmi su Lara e Piero, dovunque essi siano, in pace.


24 Maggio 2023

L'incredibile sembra non aver termine.

I tanto temuti calabroni spaziali si sono materializzati dalle parti di Mercurio e si dirigono a velocità vertiginose incontro alla Luna. Il governo cerca inutilmente di rassicurare con comunicati sconnessi e in perenne contraddizione, per contenere il delirio generale. Col cannocchiale ho sorpreso uno degli insetti posarsi su Venere. Le sue zampe hanno raspato a lungo la superficie del pianeta. Non oso immaginare lo sconquasso provocato. All'atto di riprendere il volo, poi, il moscone si è dato la spinta con le zampe posteriori e mediane, facendo leva su Venere. Ciò ha chiaramente deviato il suo corso attorno al Sole. Ho letto diverse fonti. Concordano nel dire che per fine anno Venere sarà talmente vicina al Sole da esserne fagocitata. Ecco i disastri di cui sono capaci.

Tutto ciò mi ricorda te, Lara. Il senso di vuoto che hai lasciato. Mi sento disabitato, come la voliera del giardino, la ricordi? Ora dormo in scantinato. La tua camera e quella di nostro figlio hanno troppi cinguettii di una felicità che non è più.

La vita qui attorno, intanto, prosegue indifferente. Le rondini completano il nido sotto il cornicione di casa e si organizzano per la nuova covata. Le invasioni di formiche sono arrivate puntuali senza minimamente scomporsi per tutto quanto agita il genere umano, insensibili al sentimento d'urgenza da cui siamo vinti noi esseri senzienti. Forse perché loro lo sanno, sentono scorrere l'universo, questa corrente irrefrenabile di cui noi abbiamo dimenticato la forza incontrastabile.

M'è sempre più chiaro. Per questo sono nato, per essere trasportato come spora da questa corrente. Non per dominarla, ma per sfruttarla e disperdermi il più lontano possibile, in cerca di nuovi luoghi dove mettere radici.

Gli scienziati stimano che i poderosi insetti arriveranno nei pressi della Luna già dopodomani.

Io sono qui. Li aspetto.


27 Maggio 2023

Sto osservando quelle che ormai gli esperti hanno catalogato come immense api. Sono arrivate insieme, in due, una appena più grande dell'altra.

È incredibile quanto ricordino il nostro amato insetto terrestre, a parte per il colore blu cobalto del torace e dell'addome. Gli ocelli sembrano strutture di metallo illimitate, riempimenti escheriani dello spazio in cui perdersi come tra infiniti scaffali della Biblioteca di Babele. Lungo la superficie delle ali, rossi hamuli risaltano come coralli.

Non è necessario munirsi di cannocchiale per vederne i dettagli. Basta osservarli a occhio nudo.

Sono immerso nel silenzio. Siamo tutti con gli occhi sospesi al cielo, fissi sull'opera degli insetti. Per il momento danzano tra gli stami e non sembrano rivolgere alcun interesse al nostro pianeta.

Penetrano sempre più nell'interno della corolla, quasi fatichino a trovare nettare.

Ne è rimasto visibile solo parte dell'addome.

Ormai è solo questione di tempo. Finito il loro lavoro sapremo la nostra fine.


L'orrore... l'orrore! Il cuore mi rimbalza scostante, il respiro è un rantolo. Scrivo per non lasciarmi travolgere, per sopravvivere. Perché la realtà è il panico, la piena di un fiume, e queste righe sono l'unico argine che posso opporre.

Le api galattiche sono state ingoiate, letteralmente ingoiate.

La Luna era un inganno, una terribile chimera. Un fiore carnivoro, ecco cos'era.

Così come rapidamente s'è aperta, di  scatto s'è richiusa, condannando le due api a una morte crudele. Il loro stridio è risuonato penetrando la nostra atmosfera, prima che i petali si chiudessero totalmente. Per un attimo le trasmissioni sono saltate. Ma io ho potuto vedere tutto col cannocchiale. Per fortuna i vetri hanno tenuto, pur vibrando intensamente in risonanza con il lamento di morte. Dagli alberi sono caduti diversi nidi e foglie. La radio parla di una marea disastrosa in laguna. Sembra però già si stia ritirando.

La Luna è tornata presto alla sua forma sferica originale, immota. Non lascia trasparire nulla all'esterno della tragedia che si consuma nelle sue viscere, la crudele digestione di due insetti ingannati dal tranello del nostro satellite.


31 Maggio 2023

La vita sulla terra è ripresa come se nulla fosse accaduto. Il lavoro, le inquietudini, gli impegni insignificanti che ci alienano dalla consapevolezza della morte che incombe. Abbiamo fretta, noi umani, di dimenticare, di rimuovere i nostri dolori. È un'atto istintivo di difesa, la negazione. Gli stessi Lunatici si sono sciolti e hanno dato vita a un innoquo gruppo Yoga. La domenica organizzano viaggi a santuari in giro per l'Italia, in un sincretismo che pare avere successo. Se non altro i miei vicini ci hanno guadagnato qualcosa.

Il vento solare continua a soffiare nello spazio, ma non fa più paura.

Quanto è accaduto però in me ha fatto riemergere lo sconforto, il rimpianto per quello che poteva essere e non è stato. Per quel figlio, Lara, che avevi detto mio e non lo era, per quanto l'amassi.

Sto osservando il cielo con lo stesso cannocchiale su cui le nostre dita si sovrapponevano continuamente mentre guardavamo le stelle, attraverso le lenti. Davanti a lui ti ho chiesto di sposarmi in una notte di Luna piena. E poi abbiamo fatto l'amore, con gli astri che approvavano.

Continuo a scrivere per parlarti, anche se non ci sei più. Perché hai dovuto dirmelo? Perché non hai potuto tacere una verità che ha fatto solo male? C'è voluta la Luna per svelarmi quello che per te era già chiaro. Che prima o poi ciò che è viene allo scoperto, che nulla rimane nascosto per sempre.

Ho ripreso a guardare i pianeti, come facevamo insieme. Mentre ti scrivo i miei occhi sono fissi su Marte. Da qualche giorno sembra tremi molto. A uno dei poli presenta una cresta inquietante che sembra quasi ... eccolo è sbocciato!

La Luna prima e ora Marte! Una rivelazione! Il sistema solare, forse tutto l'intero universo non sono che miliardi di bulbi pronti a sbocciare, un immenso giardino di fiori.

Un'epifania, Lara. Un'epifania dell'Universo. Mi torna in mente quella notte, amore. Sì, quando vi ho colpito , tu e Piero, col cannocchiale che incredibilmente è rimasto intero. Volevo capire, vedere cosa c'era dentro, perché credevo volessi distruggere tutto. La testa ti si è aperta in petali rossi, e poi anche quella di Piero, che era corso a proteggerti. Capisco ora che eravate fiori misteriosi e io non ho avuto la pazienza di coltivarvi, con i vostri segreti e spine.

Sento la terra tremarmi sotto i piedi, sempre più forte. E non è solo una sensazione. La Terra sta per sbocciare.

So cosa devo fare, ho decifrato il messaggio che la Luna voleva mandarmi.

Prendo il cannocchiale e arrivo, Lara.

È tempo di fiorire.

Logo
13994 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (34 voti)
Esordiente
20
Scrittore
14
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large screenshot 2020 10 27 07 35 59 526 com.google.android.apps.photos.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large img 20181019 185533.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cecibraci ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Poteva stare nella raccolta "Le meraviglie del possbile", ma ha degli spunti poetici che ne fanno un racconto dallo stile veramente originaleSegnala il commento

Large img 20200811 160304.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Rosnikant ha votato il racconto

Scrittore

Un testo straordinario che scaturisce dalla mano di uno scrittore vero! Da leggere e rileggere per apprezzarne tutte le sfumature. Segnala il commento

Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Susanna Bertocco ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210422 011545.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Hanno già detto tutto. Piaciuto molto. Tutto. Però che bello ricordare del senno di Orlando sulla luna! :)Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Ottimo. L’incipit è promettente, regali immagini di rara bellezza ma già dopo le prime righe si avverte che qualcosa di spaventoso succederà. È un racconto tutto in crescendo, ben sviluppato nell’alternanza fra gli eventi celesti e i sentimenti del protagonista. Il finale lascia un senso di angoscia. Nove pallini e lodeSegnala il commento

Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente

Essendo io “ intimista”, ho apprezzato di più la trama che ha portato il protagonista alla “ follia”. Molto ben intrecciate comunque entrambe le trame in un universo che pare onirico.Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Già molti commenti, che condivido Aggiungo solo che dici bene: la luna come non l'ho mai vista. Quando sensazioni ed emozioni di ogni genere si accavallano, si fondono a partorirne una nuova. E che li metto a fare i pallini? Mi sembrano riduttivi, quasi offensivi... Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Da una splendida idea - la fioritura della Luna - sviluppi il tuo racconto su due livelli. Uno, quello poetico, surreale, felliniano, della fioritura del nostro satellite, con gli insetti che vi gravitano intorno e le ricadute sui comportamenti degli umani. Due, le vicende personali, all'inizio appena accennate, ma che via via si tingono di note tragiche, fino alla terribile verità. E il legame tra le due trame, sempre più forte, il sentire "scorrere l'universo, questa corrente irrefrenabile di cui noi abbiamo dimenticato la forza incontrastabile". Bello, di grande ispirazione, uno dei tuoi migliori raccontiSegnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Occorre che il seme muoia perché possa generare la vita. Una bellissima poesia su nascita e fine della vita.Segnala il commento

Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Visionario e poetico! Molto molto bello. ComplimentiSegnala il commento

Large t  2  31 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

SteCo15 ha votato il racconto

Scrittore

Grande! Ci hai tenuto a naso in su a guardare la luna mentre, questa volta, erano proprio il dito e la mano e il braccio di chi ce la indicava che dovevamo tenere d'occhio! Poi la prima volta che vengo a Venezia mi dai una forchettata delle alghe allucinogene che ti sei mangiato prima di scrivere sto pezzo! :DSegnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

È curiosa. Come una Bildung amorosa. E il cielo / gli dei parlano e insegnano. Leggendo di riga in riga mi vengono in mente Murakami, Calvino, Benni. Il tutto illustrato da Luzzati. Ma anche l'Apuleio di Amore e Psiche.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Esordiente

Ottimo testo. Concordo con Silvia e Roberta.Segnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Complimenti Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Bentornato, caro. Grande racconto, in cui le immagini sono più forti del resto, com'è nella follia, come deve essere in una storia di follia. Eros e Thanatos, a bracciate. Le immagini di satelliti e pianeti che sbocciano in fiori setosi, stami e pistilli, hanno una sensualità irrefrenabile, eppure su tutto si sente, aleggia la morte. Fino al disvelamento della verità, quella follia sanguinaria nata e concepita sotto le stelle. Complimenti. (innocuo)Segnala il commento

Large 20210420 144844 0000.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200126 162413.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mauro Scremin ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Una catarsi molto poetica...Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Bruno Gais ha votato il racconto

Esordiente

Potentissimo nelle immagini, quanto nella penetrazione, quanto nei messaggi. Il ritmo è scandito in ogni passaggio, l'umore, la psiche, le emozioni, tutto lo hai trasferito perfettamente a me, con un ritmo giusto, che non ho fatto resistenza alcuna. La trama è ben costruita, le rivelazioni si susseguono e con stupore e senza stancare. Hai permesso al tuo racconto di sbocciare in me, e qualcosa resterà, soprattutto il dolore che dolcemente hai condiviso intimamente, tra una parole ed un'immagine fantastica, tra la vita e la morte riprese a più livelli, e del concetto che ogni cosa è interconnessa, sempre. Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

bellissimo Segnala il commento

Large ti8.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ti Maddog ha votato il racconto

Scrittore
Large depositphotos 61883317 stock photo cougar mountain lion puma panther.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il puma del Sîambù ha votato il racconto

Esordiente
Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Hai tessuto una ode alla luna degna dello sguardo d'un moderno Pierrot. C'è suspense, stupore, meraviglia, mistero e desiderio... Graograman: complimenti!Segnala il commento

Large 13 36 00 6a00e54fcf7385883401b7c7499bb0970b pi.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Esordiente

la luna un fiore: che idea fantastica. ma non solo: la luna e i suoi influssi: l'euforia che degenera; il ripensare la solitudine in un atteggiamento di sospensione/osservazione/ricerca, che poi si rivela follia, una follia che non dà segnali ma cerca segnali nel mondo. gli insetti giganti mi hanno fatto ricordare una storia della Pimpa, non la ricordo bene ma c'era un'ape con un pungiglione gigante che voleva posarsi su un fiore, anche questo gigante. buona Pasquetta, e buon aprile tutto.Segnala il commento

Large 70628358 189111868760977 7202426436156653568 n  2 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

LaborLimae ha votato il racconto

Esordiente

Morte e resurrezioneSegnala il commento

Photo

Isabella☆ ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s50?sz=200

di Graograman

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee