Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Fantastico

Fisi, la dea dai verdi capelli.

Pubblicato il 08/05/2021

Il mattino in cui decise la morte di Ismaele, perché troppo vicino a cogliere il frutto della Conoscenza, Fisi, la dea, svegliatasi dal suo verde sonno, iniziò a risalire la collina e gli andò incontro.

99 Visualizzazioni
26 Voti

Colori più intensi del normale.

E voci. Nella testa e nel bosco. Un bosco che si svegliava; e con lui la collina e il mare.

Mare che odorava come sempre, ma sorprendendomi ogni volta, al risveglio, con quella sua aria salata, mentre Fisi, la bella, volgeva, magica e indolente, come fosse ancora in sogno, le sue spalle, intorpidite dalla notte, alle pendici finalmente verdi dei suoi colli.

Il suo occhio quieto, posato lieve a oriente, addolciva ritmicamente, con morbidi sguardi, e silenziosi, i chiari riccioli del mare, arruffati ancora, a quella luce, dal loro sonno notturno.

Facevo quell’anno l’Università a Fileti, nel profondo mezzodì della penisola, e quel mattino io, Ismaele, ragazzo del nord, scendevo la collina come tanti. Una sciarpa rossa. Uno zaino sulle spalle. E tutto m’appariva come un paradiso classico, un paradiso che, con la sua faccia più bella, volgeva verso il sole, sì che il suo occhio, di nuovo antico e profondo, poteva carezzare, intenso, le valli più ridenti di quella terra che un tempo si chiamava Magna Grecia.

E l’odore del mare, gli oleandri, gli ulivi, i miei pensieri e l'epoca in cui vivevo, mescolandosi, generavano in me un paradiso psichico, psichedelico quasi, che stava a metà strada fra l’antica Mileto e l’attuale Big Sur californiana, fra la primavera del pensiero filosofico e quella dell'Acquario.

Mi dovetti arrendere a Lei.

Per me la bellezza di Fidia, il pensiero d'Euclide e i dialoghi di Platone stavano ancora lì in quei sentieri scoscesi, dove prodigiosa mi avvolgeva, in quel momento, tanta malia, che portava il mio io a sentire tutto questo, invaso dall’inconscio, sedotto, vinto, plagiato.

Ma di nessuno, che non vedesse quello che io vedevo, si può dire che conoscesse davvero Fileti.

Splendide visioni, frattali incantati e luminosi, perché la venerabile Fisi aveva lì, in quel luogo incantato, davvero superato se stessa. E ora pareva che mi venisse incontro, mentre scendevo, con tutto il suo rigoglio e la perfidia di una donna mandata dagli dei.

Ma forse la vedevo solo io.

Incauto, ero felice di vederla. Di vedere chi, solo per togliermi ogni difesa, aveva reso Fileti, in quei giorni, una delizia per gli occhi. L’olfatto invece n’era turbato. Il piacere che traevo per quella via era troppo forte e, devo pur dirlo, indelicato. A maggio i fiori erano già esuberanti, per quasi troppa maturità, pur senza segni, ancora, di degenerazione incipiente. Eccitati dai violenti succhi di una terra generosa, mal diluiti da un’acqua scarseggiante, maturati anzitempo da calori tropicali, emanavano nel pomeriggio e verso sera un odore pingue, quasi osceno, che noi al nord non conosciamo.

A maggio pieno Fileti s’avvicina al punto di trionfo, e ahimè troppo presto lo tocca. Per questo vi sosta torpida, in questo punto così pieno, più a lungo che può, come una donna ancora bella, tanto che pare voglia non lasciarlo più. Anche quell’anno era come se il tempo a quel punto si fermasse; immobile e riluttante a proseguire verso lo sfacelo: dei fiori, degli uomini, delle loro vicende. Volti tutti a nascondere i primi segni sottili della pienezza avanzata.

E per un po’ lo potranno.

Finché un infausto giorno un occhio distratto vi si poserà di nuovo, sbigottito e improvviso; e vedrà la disfatta ormai trascorsa, con la sua morte già pronta.

Una vita si congeda.

Spinta fuori da nuovi bocci e nuovi fiori, pronti a entrare dal basso nel pentagramma della natura.

.

Scendevo dunque la collina, verso le solite lezioni. Ma non ero tranquillo.

Sentivo qualcosa di insidioso, pur senza immaginare che il pericolo stava proprio in tutta quella bellezza, ossia in Fisi, che quel giorno incrociava il mio destino, ormai purtroppo in sua balìa. Stordito dai suoi profumi, annebbiato dagli effluvi opulenti, andavo incontro a lei che prendeva possesso di me ad ogni istante, sempre più.

.

Fisi intanto risaliva il sentiero, ancora un poco addormentata. Vedeva da lontano dei giovani che scendevano. Addormentati anch’essi. 

Ad un tratto però qualcosa l’allarmò. Uno di questi era diverso. Aveva occhi febbrili, inappagati. Occhi penetranti, curiosi e un abbigliamento insolente, con quella sciarpa rossa sul nero del maglione!

Non solo. Accadde qualcosa di più.

Lei vide, da più segni, che il giovane, per un attimo, s'era anche lui bloccato, immobilizzato, allarmato. Tutto il suo corpo immobile e il viso smarrito mostravano che l’aveva vista, smascherata. L’esuberanza della vegetazione aveva ai suoi occhi ripreso per un attimo le forme divine della grande madre, il suo vero sembiante.

.

Noi dobbiamo lasciarli qui, immobili entrambi. Lui che aspira a spogliarla, lei che si cela sempre più. Ma sappiamo chi dei due è il più forte e che Lei ha già emesso il suo decreto:

“Questo giovane ha una smodata avidità di sapere, una fame insaziata. E quel suo passo! Cammina con lo sguardo lontano e perso del predestinato. I suoi occhi febbrili, inebetiti dai libri, non annunciano niente di buono. Bisognerà fermalo. Anche con misure estreme, se dovrò”.

Logo
4998 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (26 voti)
Esordiente
20
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Grande scrittura Segnala il commento

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Silvio Esposito ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1618680321357.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

M.D.P. ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Daniela Madoi ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large img 20220618 wa0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

StefanoS ha votato il racconto

Esordiente

Maestro 4998 diamanti. Segnala il commento

Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia m. ha votato il racconto

Esordiente
Large d7600ad4 2c78 4d60 9af5 b5fd7e4ab535.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Un fantastico avvolto da un fascino mitologico che possiede una crudeltà contemporanea e realistica. Ma Ismaele scendeva con occhi penetranti, curiosi e un abbigliamento insolente, con quella sciarpa rossa sul nero del maglione! Meraviglioso il tuo pensare e il tuo sentire.Segnala il commento

Large img 20200126 162413.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mauro Scremin ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Sono ammirata, e vorrei dire annientata dalla bellezza e dai pensieri. Con che coraggio scrivere qualcosa, dopo QUESTO?Segnala il commento

Large amelie 1024x593.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

come fai, Luciano, a creare tanta bellezza? a unire con ritmo sapiente tanta vita natura sensualità morte..?Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Interessante "rivisitazione e riscrittura" che volge al fantastico, in un periplo letterario di classica eleganza e sobrietà. Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

EccellenteSegnala il commento

Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente

Meglio raccomandarsi ai dei!... complimenti!Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

GrazieSegnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

La bellezza che disarma e l'ubris che porta a morte per il timore che prende gli dei, ma "meglio venirci ansante" e con una sciarpa rossa.... Gran bello stile, classico ed elegante, gran bel pensare.Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore
Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

È il lancio del pensiero oltre le restrizioni della mediocrità, o peggio, della supponenza. È disquisire di vita e di morte, senza inciampare nell'incapacità di dare un senso alla prima e il giusto ridimensionamento all'altra. Un testo arricchito da talenti, cultura e una sensibilità fuori dal comune. Un grande testo, più che una semplice e pregevole prova di scrittura. Questo è portare la scrittura e lettura a più alti livelli.Segnala il commento

Large ritratto.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

occhineri ha votato il racconto

Esordiente

Il bisogno incontenibile di conoscenza che ci ha portato fuori dalle caverne è sempre stato visto dagli dei come un atto di tracotanza , un'azione intollerabile.Segnala il commento

Large 70628358 189111868760977 7202426436156653568 n  2 .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Luciano Rossi

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work