Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

fortunate coincidenze

Pubblicato il 18/11/2020

134 Visualizzazioni
33 Voti

Alfio vorrebbe muoversi, ma il braccio del bambino lo tiene incollato al materasso.

Alza con difficoltà la mano sinistra, curioso di toccare la consistenza di un abbandono sul suo corpo: è gommoso come una panna cotta e pesante come un'incudine.

Li aveva visti, questi tre che ora occupano il suo letto in un modo che fino a poche ore prima avrebbe definito impensabile, prima che Mila entrasse con tanta naturalezza a consegnargli il suo pacco di dolore, li aveva visti sul lato della strada mentre guidava piano verso il mare - molto piano, in realtà: quando è assorto nei suoi pensieri dimentica di premere un po' sull’acceleratore. 

Non che avesse voglia di venirci al mare, ma è andata così. Tutta colpa di quella perdita di gas. Stava rientrando a casa dal lavoro: era sceso dall’autobus scrollando le gambe per staccare la stoffa leggera dei pantaloni dalle cosce sudate. Anche la camicia a maniche corte, che lo avvolgeva come il budello di una salsiccia, era bagnata sulla schiena. Non vedeva l’ora di entrare in casa, fare una doccia e poi, canottiera e pantaloni corti, buttarsi in poltrona e aspettare la sera - e la notte, e il giorno dopo, che era sabato. A quel punto era arrivato davanti al portone e aveva sentito l'esalazione di gas dal tubo condominiale.


Li aveva notati perché andava piano, seduti sul ciglio dell’Aurelia - la donna reggeva un cartoncino con su scritto a pennarello MARE.

Erano entrati in macchina senza esitazioni.

Grazie, avevo promesso ai bambini che li avrei portati al mare e invece

Siete fortunati, ci sto andando anch'io.

I bambini erano sudati e coperti di polvere. Consapevoli, però - avevano messo subito le scarpine sul sedile e le strusciavano alla tappezzeria per ripulirle.

Da dove venite?

Dalle parti di Parma, è da stamani presto che facciamo l’autostop.

La donna parlava con accento slavo misto all’emiliano. Era giovane e forse anche bella, ma aveva un viso da vecchia. Alfio pensò che fosse una creatura antica, che avesse conosciuto i vicoli di Babilonia e le scure stanze di Ninive. I bambini dietro saltavano e urlavano, ma la madre sembrava non sentirli - abbandonata sul sedile con quell’aria devastata.

Alfio non sapeva cosa dirle. Avrebbe potuto parlare della fuga di gas, e di come gli sembrasse una strana coincidenza quella storia e tutto il resto.

Quando il tecnico del gas aveva suonato, lui era uscito lasciando la porta dell’appartamento spalancata e aveva fatto altrettanto con il portone condominiale, prudentemente. Ma l’uomo gli aveva chiesto uno straccio e del sapone liquido e sembrava che avesse fretta, così lui era rientrato in casa di corsa e s’era affannato a trovare uno straccio - quello per pulire i pavimenti, un asciugamano vecchio, un canovaccio da cucina, che straccio vuole, questo? - e poi rapidamente era uscito di nuovo e forse era stato per la velocità forse aveva creato una corrente spostando il suo corpo grasso con tanta rapidità fatto sta che la porta dell'appartamento gli si era chiusa dietro. Si era bloccato come una statua di sale, alle spalle il portone serrato e di fronte a sé il braccio del tecnico, magro muscoloso e definitivo a chiedere il sapone e lo straccio. Di questo, avrebbe potuto parlare alla ragazza vecchia. E di quell’altro fatto strano - trovarsi le chiavi dell’auto in tasca. Non aveva senso, nemmeno lui sapeva da quanti giorni non prendeva la macchina. Però che importanza aveva, alla fine con l’auto poteva andare al mare, alla sua casa per le vacanze, e là avrebbe potuto prendere le chiavi di riserva, che teneva sempre in un cassetto del comò. Di questo no, non avrebbe dovuto parlarle: sarebbe stato di cattivo gusto mettersi lì a dire che ha la casa al mare. Comunque, non le aveva raccontato niente.

A quel punto in macchina c'era stato un rumore orribile che sembrava uscito dalla gola di una enorme rana toro e Mila aveva detto Oh accidenti Iuri ti ha sporcato tutto il sedile, hai degli stracci in macchina?

Era la seconda volta in poche ore che qualcuno gli chiedeva uno straccio. E no, niente stracci in macchina, non gli erano mai serviti. Pazienza, domani avrebbe portato la macchina a lavare. Di nuovo non sapeva cosa dire agli occhi antichi che lo guardavano senza apprensione - senza espressione.

Se n’era uscito con una cosa che non sarebbe mai interessata a nessuno. E forse per questo l’aveva detta a lei.

Sai Mila? Io non uso segnalibri. Faccio sempre un sacco di tentativi per ritrovare la pagina, mi sembra più giusto. È un po' la storia dei compleanni: non voglio segnarmi le date, devo ricordarmele da solo. Sono ormai anni che non faccio gli auguri a qualcuno nel giorno esatto del compleanno. Però ci vado sempre abbastanza vicino, ecco, e mi basta. Poi, le cose vanno come devono andare

Non avevano più parlato per un pezzo finché Iuri aveva iniziato a lamentarsi per la fame.

Ma com’è possibile, non capis

Eh per forza, hanno lo stomaco vuoto. Iuri poi, ti immagini, non ha più niente.

E così aveva pensato di dare un senso alla giornata portandoli a mangiare qualcosa sul mare - una terrazza sugli scogli dove i bambini si erano esibiti nel lancio di piccoli pezzi di pizza che a volte planavano fino ai tavoli vicini. Mila aveva detto una banalità, che si vedeva il tramonto come su uno screensaver e lui le aveva dato ragione.

Torni in città, Alfio?

No, sono stanco. Penso che mi fermerò in una casetta, proprio un buco che ho qui vicino.

E non potresti farci stare con te? Per favore, solo per stanotte, ti va?

In fondo per quale motivo avrebbe dovuto dire di no.

La pozza di vomito doveva essersi surriscaldata: l'odore in auto era insopportabile e Mila aveva detto che i bambini avevano ragione a non volere restare sul sedile dietro. Li aveva sistemati davanti - la piccola Maria in braccio e Iuri nel mezzo, appollaiato sul freno a mano.

Quando Alfio aveva svoltato nella stradina dove avrebbe dovuto parcheggiare, Iuri gli era saltato sull’inguine e aveva stretto il volante con quelle sue manine forzute, opponendosi al movimento verso destra che Alfio stava imprimendo alle ruote e così alla fine erano andati a sbattere nel lampione. Non troppo forte, però, niente di irreparabile. E poi, nessuno si era fatto male.

Avevano raggiunto la casa a piedi, era lì vicino. Ed è lì che si era reso conto - cazzo ma come avevo fatto a non pensarci - di non avere le chiavi e che quella era una giornata in cui qualcosa doveva per forza andare storta. Ma Mila stava già aiutando Iuri a scavalcare il cancello del giardino e da lì con una sassata avevano spaccato la finestra della camera e si erano infilati in casa; subito dopo avevano aperto la finestra grande della sala per permettere di entrare anche al suo grosso culo.

Mila aveva chiesto, e aveva ragione senz’altro, che cosa avrebbe fatto se non ci fossero stati loro.

Si era buttato sul letto vestito. Mila aveva sistemato i bimbi nella seconda camera poi gli si era sdraiata accanto, con i jeans e tutto il resto. Alfio aveva appena iniziato a fantasticare sul corpo muscoloso del tecnico del gas sdraiato vicino a quello di Mila quando erano arrivati i bambini a intrufolarsi tra loro, Iuri accanto a lui e Maria attaccata alla mamma.

C'è pace ora nella camera, c'è questo bimbo che gli pesa addosso e il profumo resinoso della pineta che entra dalla finestra rotta. Un attimo prima di cedere al sonno Alfio sente dei singhiozzi e prova una stretta al cuore, prima di capire che sono suoi.


Logo
7393 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (33 voti)
Esordiente
25
Scrittore
8
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20180819 wa0007.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Stiven Zaka ha votato il racconto

Esordiente

Che potenza espressiva, mi ha conquistato!Segnala il commento

Large 1011901 511860375572760 560112964 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Luigi Celardo ha votato il racconto

Esordiente
Large schermata 2020 06 18 alle 10.45.58.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

carres ha votato il racconto

Esordiente

Come aprire una scatola di vecchie foto e guardarle una alla volta... piaciuto molto! Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente

cavoli che casino che hai combinato!... per forza Fabiani ci è cascato... è scritto di getto e lasciato così... volontariamente... Si capisce molto di più del tuo processo onirico che dilaga sulla pagina senza preoccuparsi della leggibilità, è idea pura, senza filtri,fanculo il tempo, la zoppia della trama... a Fabiani deve essergli venuta una sincope... a me è davvero piaciuto, fanculo la struttura, lo stile e la prevedibilità, questo racconto si può leggere al contrario, da destra, da sinistra, da sotto, da sopra, mantiene solo ferma l'idea, l'emozione che lascia il gusto di sabbia, di mare, di letto... di coscienza che si diverte a proiettarsi di colori con il suo lenzuolo dagli occhi neri.Segnala il commento

Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s50?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Io, al posto tuo, butterei alle ortiche tutti i complimenti, e terrei solo il commento dell’utente “blu”, e nemmeno tutto intero, ma per la sola parte che dovrebbe farti riflettere – “letto e riletto , anche perché sono “lenta” a capire …” – ma farti riflettere proprio tanto, tanto, tanto …Segnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Maiolo Mario ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

antoebasta ha votato il racconto

Esordiente

Alfio e il suo niente investiti dalla vita ( caotica, sporca, puzzolente) in un giorno d'estate, per caso. Chapeau Segnala il commento

Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Ti sposti un po’ dal tuo stile, ma secondo me ci sei sempre tutta. Grande spirito di osservazione e sensibilità ricercatezza stilistica. Molto bello Segnala il commento

Large default

Annina Bagnasco ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore

Una storia strana che riesce a diventare credibile grazie alle tuo capacita’ architetturali e di descrizione vivida di ambienti e personaggi.Segnala il commento

Large la stradina.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonio M. ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Mi piace tanto tanto. La cosa che salta subito all’occhio è la pazienza di quest’uomo, la sua compostezza di fronte ai tanti piccoli disastri e la sua accettazione degli eventi.Come al solito trascini nella lettura, invogli a vedere come finisce, crei empatia col personaggio. A un certo punto, anche se non si dovrebbe, ho trovato odioso il bambino, ma ovviamente è stato tutto calcolato e quel pianto finale strappa un rigurgito di tenerezza. Un altro bel cortometraggio nel tuo stile versatile ma sempre eccellente. Segnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Ottimo. Ben costruito, con la progressione e il precipitare degli eventi.Segnala il commento

Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia M. ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Scrittore

Alfio mi pare un uomo colto, non dico disperato, ma solo, il tipo che si fa scivolare Il titolo è perfetto, potrebbe essere ironico oppure no, quindi potrebbero restare insieme per molto tempo Una nuova "famiglia" creata incollando insieme, alla meno peggio, macerie multietniche. Sullo stile concordo con Adriana, ma aggiungo che mi piace molto e comunque viva la sperimentazione Segnala il commento

Photo

Andrea Ciak ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Un ritmo che ammalia e porta su strade inconsuete. Anche io l'ho riletto perché le coliche di pane sembravano fuorvianti. Complimenti Silvia, un altro dei tuoi film da leggere e abbinare nella coscienza. Grazie!!! :-)Segnala il commento

Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

letto e riletto , anche perché sono “lenta” a capire... insolito, originale ... sempre brava e sapiente Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Stento a riconoscere il tuo stile in questo brano. Ma guai a fossilizzarsi, a non tentare "altro". Uno scrittore deve esplorare l'infinita distesa della scrittura, ed essere in grado di stupire anche i lettori più fedeli. Creatività e inventiva a 360° sono il segreto delle grandi penne.Segnala il commento

Large 13 36 00 6a00e54fcf7385883401b7c7499bb0970b pi.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

un ritmo insolito e un sacco di strappi temporali: arrivi alla fine e ricominci a leggere da capo per ricucire tutti i pezzi e riprendere quel che avevi perso (ma non è un male): per esempio quella panna cotta poi ha tutto un altro gusto. un film con pochi dialoghi, e un po' strambi (a me piacciono), e il segnale a volte leggermente disturbato.Segnala il commento

Large drouk12176 rectangle.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

[K] ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large 0c256d38 ea40 41c7 a7b8 1b4190f9a563.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

franca ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Allora è l'inverno... !? Anche tu hai cambiato ritmo e registro, raccontandoci la storia del "povero" Alfio, che si trova alla mercé di una mezza famiglia sgarrupata, che gli cambia la giornata, prendendo possesso della sua vita. Hai sfoderato uno "stile" quasi "disturbato e disturbante, che riflette bene quello che gli succede, al povero Alfio. Gli eventi precipitano, e lo attraversano come una gagnuola di pallettoni diversi, ognuno con la sua "grana"... finché si addormenta, quasi senza accorgersene. Ho dovuto rileggerlo più volte, per entrare nel ritmo e nel "senso" del tuo racconto. C'è un pizzico di Carver, secondo me, per l'ineluttabilita degli avvenimenti, e per lo straniamento che produce la lettura... ma ci sei anche tu, che costruisci la trama e l'ordito, con la tua sapienza artigianale. In alcuni punti risulta un po' slabbrato e poco incisivo, ma credo che sia una tua scelta, per trasmettere meglio l'atmosfera. Segnala il commento

Large typee.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

carlomariavadim ha votato il racconto

Esordiente

Atmosfera sospesa e anche un po' surreale. Questo Alfio si muove nella sua vita ingarbugliata e molto casuale. Alla fine quando piange fa tenerezza. Buon racconto. Complimenti.Segnala il commento

Large 20210409 190335.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

StefanoS ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Silvia Lenzini

Scrittore
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee