leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Non-fiction

Giacomo Leopardi e sto cazzo di Infinito

Pubblicato il 18/09/2018

Analisi di una poesia

24 Visualizzazioni
5 Voti

Non me ne vogliano gli amanti della poesia o coloro che considerano sacra la cultura classica Italiana, il titolo lo so…sembra un pò sacrilego ma c’è un perchè….c’è sempre un perchè.

A scuola hanno sempre avuto sto vizio maledetto di far di tutto per non farti piacere certe cose, io gli scrittori classici li detestavo, una palla assurda, una noia mortale, prose su prose, analisi del testo, tutto quello che era veramente la poesia passava in secondo piano schiacciato dalla struttura, dalla grammatica, dall’osannazione della figura dello scrittore.

E come tutte le cose….se non ti piacciono il tempo può passare finchè vuole ma non trovi mai la voglia o l’entusiasmo di provare a riaffrontarle.

Immagina di mangiare le lumache per la tua prima volta, già prevenuto visto il genere di cibo, è chiaro che se le assaggi e sono state spurgate male, cucinate peggio non le mangerai più per il resto della tua vita, al contrario se sono fatte bene e ti vengono presentate in un certo modo almeno viene inclusa la possibilità che possano piacerti, questo per dire che nel primo caso ti ritrovi davanti solo un burrone nel secondo caso un burrone ed un sentiero e poi va beh si vedrà che strada percorrere ma almeno abbiamo ridotto il rischio.

Ricordate la Divina Commedia, Romeo e Giulietta, il Decamerone…tutti testi che poi magari riaffrontati anni dopo la scuola possono venir gustati in maniera diversa….I Promessi Sposi….no scusate…I Promessi Sposi restano una rottura di palle infinita a qualsiasi età e con qualsiasi entusiasmo li si affrontino….

Per la poesia per me è stato un pò cosi….si sono concentrati a farmi entrare in testa più la vita del poeta e la forma con cui egli componeva che non il senso della poesia in se e oggi se mi ritrovo davanti una poesia classica non giro pagina ma ne approfitto per provare a trovargli quel gusto che non sono mai riuscito a provare.

Infinito

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

spazi di là da quella, e sovrumani

silenzi, e profondissima quïete

io nel pensier mi fingo, ove per poco

il cor non si spaura. E come il vento

odo stormir tra queste piante, io quello

infinito silenzio a questa voce

vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

e le morte stagioni, e la presente

e viva, e il suon di lei. Così tra questa

immensità s’annega il pensier mio:

e il naufragar m’è dolce in questo mare

Questo è l’esempio perfetto per descrivere cose c’è dietro ad una poesia.

Leopardi se ne sta sul monte Tabor in quel di Recanati e la vista è ostacolata dalla presenza di una siepe, proprio questa siepe si trasforma in un ostacolo che però gioca a suo favore perchè è vero che non gli permette di guardare oltre ma gli permette di immaginare cosa ci sia, mettendoci dentro il silenzio dell’uomo ed i rumori della natura, mettendoci dentro l’immensità dello spazio che si cela dietro la siepe che fa da muro lasciando cosi percepire la grandezza di ciò che possiamo trovare, di ciò che possiamo immaginare, di ciò che sarà il nostro futuro.

Logo
3060 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (5 voti)
Esordiente
5
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente

Non sono d'accordo quando dici che I promessi sposi sono una palla a tutte le etàSegnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Maurizio Ferriteno ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20180719 232517.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Anna Tomasi ha votato il racconto

Esordiente

All'inizio mi sono spaventata ma poi ti sei ben riscattato e la spiegazione che hai dato della poesia di Leopardi mi è piaciuta molto.Segnala il commento

Large studio 20181207 231846.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large 18581626 1366267390093555 1275930916406372857 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Raffocinematic ha votato il racconto

Esordiente
Large logo.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Roger1812

Esordiente