Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Tramonto verticale

Pubblicato il 04/06/2021

Stimolato dalle ciliegie di Ondine, così succose e colme di ricordi, ripubblico un mio racconto, "affine", per colore a capacità evocative... mi pare. Ho fatto qualche piccola modifica, qua e là, e ho cambiato il titolo, che prima era "Giochi d'infanzia".

69 Visualizzazioni
26 Voti


Non si sapeva chi l'avesse fatto per primo, ma quel gioco aveva preso piede in men che non si dica. 

Ci si metteva tutti in cerchio, a sedere, intorno ad un grosso mucchio di ciliege, appena raccolte da noi bambini e si cominciava a riempirci la bocca, a turno, sotto lo sguardo vigile dei più grandi.

Una volta chiusa la bocca, ci si doveva alzare in piedi, e si cominciava a masticare, con le mani unite dietro la schiena, senza più poter aggiungere ciliege. I turni di masticazione erano singoli, e mentre uno masticava - attento a non inghiottire nessun nocciolo, cosa che capitava abbastanza spesso - tutti gli altri continuavano a stare intorno, per controllare che non facesse il furbo, infilandosi in bocca qualche ciliegia di nascosto, man mano che inghiottiva quelle che stava masticando.

Il controllo finale, era affidato a un paio di volontari, muniti di due rametti di legno, che rovistavano nel mucchio di noccioli sputati nell'apposita bacinella, per stabilirne l'ammontare esatto. Tutte le fasi erano seguite attentamente da Gianna, la più grande di tutti, che frequentava già la prima media e che annotava ogni cosa scrupolosamente, a matita, in un quadernetto apposta.

Quella volta Martino aveva stracciato tutti, riuscendo a infilarsene in bocca sette.

 "Ma perché erano un po' grosse, altrimenti...!?" aveva aggiunto, dopo che i suoi noccioli erano stati contati. Nessuno era riuscito a fare di meglio: Vasco si era fermato a sei, Fede non aveva superato le cinque ciliegie e tutti gli altri, erano indietro di almeno un paio.

Così Martino aveva vinto la gara, e per festeggiare aveva continuato a ingozzarsi di ciliege, fin quasi a scoppiare, tanto che a cena non mangiò niente "Perchè nella mia

pancia non ci sta più nulla" disse alla mamma, che tentò inutilmente di convincerlo ad assaggiare almeno una scodella di minestrone.

E poi, quella notte stessa, Martino si era svegliato col mal di pancia. Aveva provato ad andare al bagno, accompagnato dalla mamma, ma non ci fù verso. Per stare meglio, dovette vomitare e liberarsi di tutte quelle ciliegie, che colorarono di rosso porpora le pareti bianche del water, mentre la mamma gli teneva la testa. Martino rimase qualche attimo a guardare i resti della ciliegie, e tutto quel succo rosso che aveva colorato i bordi del water: adesso stava scivolando giù, lentamente, in mille sfumature, e gli venne in mente una cosa, ma gli sembrò insensata, così la tenne per sé. Poi alzò la testa verso sua mamma, con gli occhi sbattuti.

"È un bellissimo colore, vero?" fece lei, come per rispondere allo sguardo sofferente che Martino le stava rivolgendo.

Per qualche attimo anche gli occhi della mamma si concentrano su quella scena: su quelle colature rosse che continuavano a cambiare d'intensità, scivolando sulle pareti del water, schiarendosi, sempre più, fino a raggiungere le tonalità di un rosa antico . E le parve di vedere un tramonto, un incredibile tramonto verticale e purpureo, scorrere sulle pareti bianche del water, lucido e nitido, come se fosse un film monocromatico a totalità cangianti.

"Chissà se anche lui è riuscito a vederlo" pensò ancora, senza dire niente.

Improvvisamente, Martino sentì qualcosa di umido fra le labbra, mentre sua mamma vide un rivolo rosso, uscirgli dalla bocca con un guizzo, scivolare giù per il mento, e da lì, un istante dopo, finire sul bavero del suo pigiama azzurro.

Martino sorrise per primo, mentre la mamma continuò a tenere il broncio per alcuni secondi, finché un sorriso le illuminò il volto, incontrando quello del figlio.

"Mi spiace mamma...per tutto questo" riuscì a dire, mentre si passava una mano sulla bocca, cercando di pulirsi alla meglio. "Lo so che queste gare non hanno senso, mamma, ma è così divertente!!" aggiunse, alzando le sopracciglia.

"Ma nessuno ci proibisce di fare cose che non hanno senso, o che ci sembrano inutili" aggiunse ancora lei, passandogli l'asciugamano sulla bocca.

"Ecco, ora sei pulito...e poi, Martino, l'importante è che non fai male a nessuno, anche se perdi tempo e ti sembra di fare cose senza senso, hai capito?" disse alla fine, alzando un po' la voce, come per aggiungere determinazione alle proprie parole.

"Ho capito, mamma, ho capito!"

Poi Martino fissò la mamma, senza dire niente, e continuò a guardarla, abbozzando un sorriso.

Anche la mamma continuava a guardarlo, con aria stupita.

"Allora, cos'è che mi devi dire, eh!?" sbottò alla fine, sforzandosi di stare seria.

"Mamma... "

"Eh, dimmi!"

"Mamma, ho visto una cosa, prima"

"E cosa hai visto, tesoro?"

"Ho visto una cosa, sulle pareti del water, prima, quando ho vomitato"

"Sulle pareti del water! E cosa hai visto?"

"Mamma, ho visto...ho visto il tramonto!" aggiunse Martino, dopo un attimo di esitazione "Ho visto un tramonto all'ingiù, che scorreva rossissimo sulle pareti del water proprio dove ho vomitato, cambiando colore mille volte, mentre mi scorreva davanti, come in un film, ed era bellissimo, mamma...era bellissimo!!"



Logo
4932 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (26 voti)
Esordiente
20
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large fb img 16192668291179157.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonella Avolio ha votato il racconto

Esordiente
Large giuseppe.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

giumer1972 ha votato il racconto

Esordiente
Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large cead34f2 3811 464b be53 ce558c8a8074.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Christina Carol ha votato il racconto

Esordiente

Allora. A tratti mi ha commosso. Perche si vede ilmrapporto figlio maschio mamma. Che è speciale nei momenti critici (vomiti, febbri, ricoveri etc) si diventa stranamente calme come generali prussiani. Si agisce. Si è il punto di riferimento. Ci si tiene insieme. C’è vera presenza. Cio detto. Il GIOCO È PERICOLOSISSIMO. IO SAREI INTERVENUTA NEL DURANTE E AVREI STRILLATO INTERROMPENDO SUL NASCERE LA PERICOLOSISSIMA PRATICA. Cio detto. Mi ha commosso e avrei indugiato di più. Il bambino è adorabile. Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Cesarina Ansalone ha votato il racconto

Esordiente
Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Io voto per la mamma. Un mitoSegnala il commento

Large img 20200606 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Loretta 68 ha votato il racconto

Esordiente

Questo è uno di quei testi che appena lo leggi ti sembra banale ed invece.... Mi hai fatto riflettere! Originale davvero!!!Segnala il commento

Large img 20210824 141001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore

Molto bello, anche la visione cilegiosa di Martino. Da ragazzi ne abbiamo fatti di giochi strani, noi giocavamo "a pastora" con delle pietre piatte lanciate a chi andava più vicino ad una nera posta lontano. Questa delle ciliege non lo conoscevo, piaciuto. Segnala il commento

Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large on the road.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

omALE ha votato il racconto

Esordiente

La spensieratezza delle cose inutil una magia di cui solo i bambini sono capaci e gli adulti guardano con un po di invidia e nostalgiaSegnala il commento

Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia M. ha votato il racconto

Esordiente

Con tutto il rispetto nonostante il vomito troppo zucchero x il mio gusto :)Segnala il commento

Large img 20200126 162413.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mauro Scremin ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Beh, intanto quella mamma è un mito. Bell'idea, questa di legare madre e figlio in una visione (meglio, interpretazione) tutt'altro che banale. Direi che c'è pochissima affinità con la poesia di Ondine, ma insomma le ciliegie ci hanno dato la possibilità di leggere due belle cose.Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Bruno Gais ha votato il racconto

Esordiente

:)Segnala il commento

Large ea21f666 ad06 4f66 9dc1 8399176a7da4.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

doktor ha votato il racconto

Scrittore

ti dirò, sulle prime avevo pensato al sangue. Certo che il tramonto nel water è un'idea inquietante.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

ganza questa mammaSegnala il commento

Aoh14ggni9qxvg4yawscjqri2cqc8p2t7hzljk787wrgqa=s50?sz=200

adrianof1979 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210203 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Annacod ha votato il racconto

Esordiente

Bello...non so perché mi è venuta in mente una scena di un film penso si tratti di Mistic River dove c'era una scena spassosa in cui un ragazzo vomitava dopo una gara di "cibo". Ok non farci caso la mente a volte va ...Complimenti Segnala il commento

Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

La poesia e la tenerezza possono prendere percorsi inaspettati e addirittura per chi ne è capace riuscire a descriverli attraverso lo sguardo dell’infanzia. Queste ciliegie ne combinano di tutti i colori però. Dolce dolce e non era facile Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

L'amore è anche questo: scoprire insieme la stessa bellezza nei vomiti della vita, insegnare ai "piccoli" che non è delle "cose che non hanno senso, o che ci sembrano inutili" che dobbiamo aver paura.Segnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Lettura magari da evitare durante i pasti, ma assai suggestiva.Segnala il commento

Large 13 34 51 v2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Scrittore

tenerezza. esiste una parola per "leggere paesaggi nel vomito"?Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee