Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Romance

Gli attimi si susseguono

Pubblicato il 04/01/2021

Gli elementi si cristallizzano

19 Visualizzazioni
10 Voti

Gli attimi si susseguono nel tempo cristallizzato del cielo che vediamo scorrere di un altro colore. Le ragnatele ricoprono le pareti, gli insetti non si muovono, come una mosca in trappola noi uomini facciamo delle nostre vite un diniego alle ragioni sconosciute dell’universo. Cerchiamo un appiglio che ci porti in alto, sopra il livello del dolore, oltre il rumore bianco del silenzio che tonfa, cerchiamo un modo di risalire il fiume delle carpe, chiodi per arrampicarci sui grattacieli di Manhattan. Gli attimi si susseguono incessanti mentre Therese cerca di far ripartire l’orologio bloccato dal tempo e dall’energia esaurita dei meccanismi che abbiamo creato per farlo scorrere. Abbiamo creato un fiume che scorre incessante che non possiamo né vedere né sentire, il tempo perduto mai ritrovato, il tempo che non esiste lo abbiamo creato ad immagine e somiglianza nostra per dirci quando tutto finisce e quando tutto inizia.

Therese è seduta nel solaio, guarda dalla finestra il nuovo sole nascere e cadere con gli belli e tristi di sempre. Le sue mani e le dita delicatissime con la pelle bianchissima che ricadono sulle ginocchia come nuvole leggere di carne. Le sue guance leggermente arrossate, date dalla vivida consapevolezza di avere un cuore che batte e combatte per essere ancora amata.

Entro dalla porta senza fare rumore, ho voglia di abbracciarla ma non so se potrò farlo. Vorrei darle un bacio e prenderla tra le braccia e farla mia. La sua gonna è corta e mostra le sue lunghe gambe perfette come la giada di una statua messa al centro di una fontana di un antico splendore romantico a noi divenuto sconosciuto. La bellezza è sempre e solo stata quella di una donna anche immobile che fissa l’orizzonte con occhi tristi ma intensi.

- Therese, mia Therese, dovreste uscire di qui. Tutto questo isolamento le fa male.

Non mi risponde, non volta neanche gli occhi verso di me.

Il mondo è cambiato da mesi e noi siamo rimasti immobili a guardare che le cose accadessero senza renderci conto di aver perso tempo. Gli attimi si susseguono. Il tempo si cristallizza. Ma noi abbiamo quella scintilla che vuole vivere.

Non dovete preoccuparvi per quello che succede nel resto del mondo. I vari capi di stato stanno cercando di sistemare le cose.

Ma chi sistemerà un intero anno e forse più, di vite fermate, molte spezzate e sospese, chi ci ripagherà dei mesi perduti, della vecchiaia che avanza, dei flutti di sangue, le pulsazioni sprecate, le emozioni dirottate altrove?

- Therese vi supplico, datemi un’altra possibilità. Ho sbagliato, ma sono qui per farmi perdonare.

Avevo distrutto una famiglia quell’anno. Perduto l’oro e l’argento e anche la testa. Cos’altro può perdere un uomo in fiamme mentre cerca di liberarsene? Il cuore dell’amata.

Therese si voltò un attimo. Quelle parole non erano sufficienti.

Vidi che quasi spoglia, senza più voglia di vestirsi le spalline del suo abito scendevano sotto i seni, magnifici seni. Avrei voluto solo abbracciarla, accarezzarle i capelli di nuovo, quei capelli di un biondo luminoso che tanto fa ricordare la luce del sole in estate o la luna quando si accinge a tramontare con tutte le stelle quando si spegne anche la notte.

E se è vero che gli attimi si susseguono alcune azioni sono irreparabili, soprattutto da parte di noi uomini. Quando un uomo compie un errore diventa imperdonabile da parte di una donna e non solo di una, ma di tutte, nessuna esclusa. E’ così che un uomo inizia a diventare dannato. Uscii piano dalla stanza mentre cristalli di altro genere, cristalli di neve leggera si posavano sui vetri della finestra. Quel lungo inverno avrebbe decretato un altro vincitore. 

Logo
3653 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (10 voti)
Esordiente
8
Scrittore
2
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large 153342377 197830348512629 4826612411029001494 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Ottimo. Profondo e raffinato con uno stile sicuro e convincente.Segnala il commento

Large img 20201124 wa0159.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Chandra S. ha votato il racconto

Esordiente
Large dale.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo_Rescigno ha votato il racconto

Esordiente

MannaggiaSegnala il commento

Large 20211021 234002.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large immagine 2021 04 24 184139.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Germinal68 (Sandro) ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Andrea Trofino

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee