Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Soggetti per il cinema/teatro

I neobenedettini e l'incessante tramonto dell'Occidente

Pubblicato il 24/12/2021

49 Visualizzazioni
12 Voti

Siamo andati a caccia di sottane motivazionali per decenni. Poi siamo entrati in un’epoca di prostatite benigna che ha cancellato l’utopia situazionista e avanguardista. Il bowling di massa e l’abbattimento delle resistenze cognitive ci porta al movimento neobenedettino. Non possiamo più permetterci di fare errori strategici o aggrapparci a nostalgie e reazionarismi. Non esiste il decennio felice. Esiste la funzione psicologica endorfinica chiamata “buon tempo antico” (o “futuro”), il piacere di ricordare/prevedere sprazzi di fumo (“soffio/fumo/vanità” nel Qohelet/Ecclesiaste). L’opposizione utopia/distopia è ingenua, carente, binaria, dove necessitiamo invece di un moto continuo browniano. di suggestioni, novità retoriche, poltiglia o materiale genico concettuale. Occorre insufflare nuova speranza sulla linea del fronte, dove agghiacciante è il contatto giornaliero col nulla. Efficienti come robot, sofferenti come dei clochard Aqualung, palpitanti come cuori spezzati e in via di tumefazione. La vera condizione del cuore è proprio l’essere spezzato. Come l’eucarestia. La vita spezza e lo fa fin dal primo vagito. Bisogna accettare l’ombra, anche la più tenebrosa, come il desiderio di uccidere i propri figli o i genitori. Si può maturare pietà e misericordia solo a partire da un laico e scientifico riconoscimento della nostra anima nera, nazista o satanica. La rivoluzione è la costante dell’attività produttiva. Non sarà più possibile nessun atto politico, decreto, retorica, menzogna, epica, assalto al palazzo, scontro di piazza. La mutazione perenne è la struttura perenne. Ci saranno vittime, centinaia di milioni di vittime che noi eufemizzeremo come costo dell’evoluzione e/o dello sviluppo, così come c’è un mostruoso costo dell’immobilismo o della reazione. La cultura è un bluff totalmente al buio. È solo rischio. Deve essere così. Sennò diventa pro loco, evento intrattenitivo per madamine del Fai o del Soroptimist, analfabetizzazione, canone, dogma, Rai 1, buon sentimento.

Il vero sentimento è sempre sporco, sconveniente, in una parola, artistico. Il movimento neobenedettino non solleva obiezioni sessuofobiche. Porta l’osceno fino al cuore degli angeli. Perché la vita stessa è oscena. E forse anche il suo creatore.

Logo
2253 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
7
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Shaker neuronale dell'Ezio-metro con scorzetta di Enrico: un delirio, un mini big bang per scuotere un po' la piattaforma.Segnala il commento

Afdzucrfic hvttxbbi5bd2dxmsn8nqbsbyutj9nruu2lw=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Lo spezzatino di cuore, con fegato e pelati poetici interrogano nel profondo, forse addirittura a livello intestinale. Crasso o lasso è una questione di imperativi categorici neoeuclidei: il cateto insiste sull'ipotenusa come le radici di iesse sul nucleo del cavolfiore. Essere e odorare, ci si immerge in una coscienza post-anale, un'intuizione evolutiva emozionale: rem tene, merda sequentur. Omnia munda mundis, il disfacimento è nuovo inizio, un inizio fetale dal fecale. Non esiste umano senza fecondazione e inondazione, è il diluvio universale il segno dell'immanenza e probabilmente incontinenza divina. Nulla si crea e tutto si distrugge dallo sfintere immortal ch'entro ci rugge.Segnala il commento

Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large ef3fdfd2f39a4f5d4a9f5557c0f21246.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente

La pallina del flip della cultura ha fatto finalmente tilt!Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Lettura corroborante. Spegne i vari jingles bells e accende la mente. Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210307 143015.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Emil Moltenis ha votato il racconto

Esordiente
Large 20220806 144353.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helenas ha votato il racconto

Esordiente

Ci voleva a Natale un po' di ezitudine Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente

Mi hai depresso, ogni tanto anche nei nostri gruppi di discussione giungiamo in vicoli ciechi, allora torniamo indietro e tentiamo altre strade. Beh il nostro compito è più facile, abbiamo ormai digerito che la consapevolezza del Sé, é la cosa più pericolosa che si conosca, ma l'estinzione non è un opzione. Continueremo a giocare fino a quando ci sarà permesso. Buon Natale caro il mio.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Mi piace la questione del bluff... Tanti auguri Ezio!Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente

Un mini trattato o condensato psicologico filosofico di notevole forza ideativo e interrogativa. Sempre proficuo leggerti e rileggerti. Buone feste e serenità Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Ti sento bello carico, mio caro Ezio. Direi, più precisamente, pervaso da un santo spirito natalizio. Io l'accetto l'ombra, figurati, anzi mi faccio oscurare anche da quelle degli altri. Anche dalla tua, per dire :) Abbraccio, e sperem.Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Ezio Falcomer

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work