Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Il Capitano e il JubJub. Ariminum Circus Stagione 1, Episodio 5, in 14k

Pubblicato il 01/07/2020

Mentre lavoro alla Terza Stagione di Ariminum Circus, propongo gli Episodi della Prima riscritti sulla base delle indicazioni ricevute dalla community nello splendore dei 14k. Mi sono accorto di avere ritirato per errore anche questo Episodio: lo ripubblico, abbiate pazienza.

50 Visualizzazioni
26 Voti

«Ho perso la rotta, timoniere, non capisco in quale direzione vuoi condurre la tua barca: questa storia non ha né capo né coda» mormorò con voce incerta il Capitano, rivolgendosi al JubJub. Lui e l’uccello, appollaiato sulla sua spalla come il pappagallo di Long John Silver, non erano lontani dall’orologio molle che colava moccio temporale sul Roc e il Maestro.

L’uomo era stravaccato su uno dei tanti mucchi di planulinae ariminensis d’Orbigny disseminati lungo la Costa di Pollock (chiamata anche Ficocle, che in ariminense significa “luogo celebre per le alghe”). Un eccesso di acido lattico prodotto da un paio d’ore di allenamento intensivo? Poteva darsi, ma sembrava sbronzo, o sulla buona strada per esserlo. Tracagnotto e grassottello, con il gessato stazzonato, la scritta Yo non soy marinero sulla maglietta che lasciava scoperto l’ombelico, la bombetta di paglia grigia calcata in testa e le scarpe da tennis rosso fuoco ai piedi, dava un pessimo spettacolo di sé. La Ciurma avrebbe stentato a riconoscere il brillante affabulatore che non perdeva occasione per esibire la propria cultura in ogni campo dello scibile umano. Nonostante il pessimo carattere, gli uomini adoravano il modo che aveva il loro comandante di infarcire i discorsi con riferimenti a Omero, Salgari o Conrad – oltre a tutto quanto aveva scritto Melville sulla caccia alle balene.

Era curioso, ma per qualche verso inevitabile, che fosse stato proprio il JubJub a riuscire laddove gli altri avevano fallito: trovare il Capitano per scortarlo alla Fortezza Bastiani affinché apportasse il suo contributo alla festa in onore del Maestro. Il rapporto fra i due era ambivalente – come tutti i rapporti solidi, del resto. Il JubJub era lo sciamano, l’aedo, il menestrello del gruppo. Ma aveva un modo caotico, irrituale e disordinato di comporre canzoni e poesie. Amava procedere per accumulazione di personaggi, eventi e situazioni senza alcun rispetto per le canoniche cinque W del bravo Scrittore (Who? Where? What? When? Why?). Forse voleva così risultare destabilizzante, sorprendente, spiazzante, ma il Capitano perdeva ben presto il filo e si annoiava. O, peggio, si irritava fortemente. Se gli elementi messi in campo fossero stati in numero limitato, circoscritto, avrebbero destato in lui attesa e curiosità; ma la gran quantità di trovate, rinvii, anticipazioni, disquisizioni, approfondimenti, insomma la valanga di artifici retorici che venivano accumulati in pochissimo spazio lo travolgeva. La densità delle informazioni di contesto, delle descrizioni di oggetti e luoghi, di comunicazioni di servizio, unita per sovrapprezzo alla apparente mancanza di concrete indicazioni sulle motivazioni che animavano la miriade di personaggi protagonista dei voli pindarici dell’uccello poeta, «ne soffocava», per usare la metafora del Capitano, «il fuoco tra le parole, come nella caldaia di un battello a vapore in cui il carbone sia stato troppo strettamente ammassato».

Quando si incrociavano i due quindi avevano continui battibecchi, se non veri e propri litigi: eppure erano attratti l’uno dall’altro. Il Capitano riteneva che il mondo fosse regolato da un ordine infallibile, da una serie di cause ed effetti, da un sistema logico fondato sul principio del tertium non datur. Era il retaggio della sua formazione: aveva preso il brevetto alla Scuola Navale Militare di Ariminum, un istituto legato alla tradizione neo-tolemaica di estrazione panottica benthamiana. Il Jubjub, invece, si definiva un «anarchico platonico». Anarchico come tutti gli spiriti autenticamente liberi; platonico perché ossessionato dalla trascendenza e dalle dicotomie. Il JubJub ne vedeva ovunque – negli amori romantici, negli odi politici, nei modelli teorici della scienza, nelle applicazioni pratiche della tecnologia – ed era alla continua ricerca della terza componente (la sintesi) che avrebbe reso perfetta ogni coppia di tesi e antitesi.

Sotto il profilo retorico, ne discendeva che l’uccello propendeva per uno stile volto a riciclare, ricombinare, connettere fra loro linguaggi, strumenti e forme letterarie del passato creandone di nuovi, che anticipavano il futuro – mescolando prosa e poesia, prosodia e narrativa, testo e metatesto. Mentre il Capitano si teneva a un approccio mimetico e tradizionale (anche se in molti sospettavano qualche esagerazione nei suoi resoconti di viaggio) – che però negli ultimi anni era sempre più spesso al servizio della rappresentazione di una realtà vuota, caotica e priva di direzioni. La visione alienata di un depresso, quale in effetti stava diventando.

Fu quindi tipica la frase che il rigido tradizionalista riuscì ad aggiungere utilizzando l’esigua riserva di lucidità a disposizione: «Hai perpetrato la morte dell’autore, del lettore, della storia. Sei un serial killer e perciò sarai giustiziato». 

Esausto per quest’ultimo sforzo, chiuse gli occhi e crollò.


Il JubJub attese con pazienza che si riprendesse. Intanto cercava di trovare una risposta alle ultime osservazioni che il Capitano gli aveva rivolto, tracciando mentalmente un ritratto dell’amico. Se fosse riuscito a focalizzarsi su questo, sarebbe riuscito a elaborare una replica che li potesse mettere d’accordo. Come al solito, voleva trovare la sintesi che risolvesse una dialettica: di cui, in quel caso, loro stessi erano la tesi e l’antitesi.

Dunque, vediamo, si disse. In primo luogo, il Capitano vantava una grande conoscenza della cartografia, che considerava “un modo per fare splendidi inventari di tutte le cose”. Una carta geografica poteva comprendere idee sulla creazione, concetti di astronomia, cenni a teoria e pratica del golf, nozioni di botanica, saggi di critica letteraria. La definiva “un sistema di affinità morfologiche” fondato sull’analogia tra i soggetti più diversi della storia universale: la pittura a olio e la geometria euclidea, il fatalismo millenaristico e il jazz. Questa tendenza all’accumulo piaceva al JubJub, ma, al contrario di quanto faceva il volatile narratore, il Capitano la riportava alla necessità di uno sviluppo lineare. Sulla porta della sua cabina aveva inciso questa frase: “la carta geografica, anche se statica, presuppone un’idea narrativa, è concepita in funzione d’un itinerario, è un’Odissea”. Collezionava in maniera ossessiva quanto aveva a che fare con quella passione, che nutriva dalla più tenera età («fin da bambino – si vantava – ho avuto un sesto senso, il senso geografico»): dalle riproduzioni delle mappamundi medioevali alle registrazioni catastali degli edifici di Ariminum, passando per le cartine di Fortnite.

Più di tutto, amava i labirinti: i classici “a spirale”, che rimandano alle viscere di un animale sacrificale o alle braccia di una galassia; i dedali secenteschi, “a fronda d’albero”; quelli “rizomatici” dei film Labyrinth e Shining, in cui i corridoi sono radici di piante collegate fra loro; i contemporanei, “polivoci” come le incisioni di Escher e il Cube di Vincenzo Natali – dove è impossibile recuperare la propria posizione nel mondo.

Non si stancava mai di narrare aneddoti che lo vedevano protagonista di complesse interazioni fra mappe e territori. Una volta tentò di realizzare con una stampante 3D un plastico in scala 1:1 dell’impero ariminense, da lui definito il “perno geopolitico del mondo” se non “il supercontinente che fa da asse dell’Universo”. Senza fortuna: l’opera, mai terminata, fu abbandonata alle inclemenze del tempo. Animali e nomadi ne ritrovano di tanto in tanto alcuni frammenti lungo la spiaggia ancora oggi. Un vero peccato, dato che era un magnifico “Scudo di Achille 4.0” – così il Capitano aveva chiamato quel plastico con il caratteristico gusto per le citazioni a sproposito. E del tutto compiuto, pretendeva.

«Mente chi dice che si tratta di un lavoro inconcluso» si accalorava, specie dopo il terzo o il quarto bicchiere. «È proprio vero che il Male non è spettacolare ma è sempre umano: che divide il nostro letto e mangia alla nostra mensa! La Verità è che la mappa tridimensionale non è mai stata dispiegata. I contadini si opposero: dicevano che avrebbe coperto l’intera Nazione e chiuso fuori il Sole! Si sono ridotti a usare la Nazione stessa a mo’ di mappa e vi assicuro che non funziona altrettanto bene! La realtà, del resto, è sempre meno pratica di ciò che la rappresenta».

Per queste caratteristiche il Capitano era il benvenuto alla Fortezza Bastiani dove, fra una scorreria e l’altra, si ritrovava con gli accoliti – vitelloni che passavano la giornata tra i bar, la vodka e l’assenzio, le peripatetiche passeggiate nella pineta, le meditazioni in riva al mare, e, non da ultimi, gli esperimenti neuroscientifici. Convinti, ciascuno per diversi motivi, che il cervello sia il motore della ragione e la sede dell’anima, non si stancavano mai di analizzarne le funzioni, sotto la guida del Maestro.


Tale dunque era, in un guscio di noce, una possibile raffigurazione dell’amico, dei suoi interessi e delle sue motivazioni, dei comportamenti e degli atteggiamenti tipici. Ma, nonostante questo tentativo di andare a fondo del suo carattere, per capirlo meglio e vincerne l’ostilità, il JubJub trovò difficile spiegarsi come il Capitano potesse definire senza né capo né coda la storia che gli stava raccontando. In quel particolare momento, anzi, si chiese come potesse effettuare un’asserzione qualsiasi: nella luce incerta del crepuscolo, la faccia del corpulento compagno era vuota. Con “vuota” non intendo “senza espressione”, ma proprio “priva di contenuto”. Niente bocca, orecchie, naso, bulbi oculari: quel volto, in un attimo rivelatorio, sotto l’orizzonte degli eventi segnato dalla massa di capelli brizzolati e ricciuti cacciati a forza sotto il cappello di paglia, fu per il JubJub l’apertura su un buco nero kubrickiano, uno dei wormhole di Donnie Darko, un cunicolo di Einstein-Rosen fra le dimensioni dello spazio-tempo, un Powehi (parola hawaiana tratta dal canto cosmogonico Kumulipo che significa “oscura e aggraziata sorgente di creazione senza fine”) – un Aleph, un orifizio sacro attraverso cui era possibile contemplare mondi interi, Universi infiniti e tutto quanto, ma che non lasciava trasparire niente di niente.


Quando il Capitano si riprese, o almeno fu in condizioni più o meno accettabili, lui e il JubJub si rimisero in marcia. Senza scambiarsi più una parola, giunsero alla Fortezza Bastiani che aveva appena aperto. In onore del Maestro, i muri erano stati ricoperti da graffiti che illustravano scene della sua vita. Su una grande mensola, fra le bottiglie di vodka e di assenzio, faceva bella mostra di sé un recipiente di cristallo che ne conteneva la prima barba, come se fosse una reliquia.

Ancora deserto, il locale ben presto si sarebbe popolato: ma, a quell’ora, sui trespoli di fronte al bancone (i Norma rossi disegnati da Molina) erano seduti appena in due: il Maestro e Tim “Nanny” O’Nan, il Custode, vestito con una lunga camicia verde, stretta ai fianchi da una cintura color ciliegia. Con un fragoroso «Yo ho, Yo ho, a whaling we will go!», seguito da un altrettanto tonitruante «Buon compleanno vecchio krang (1)!», rivolto al Maestro, ai due si aggregò il Capitano, accolto da saluti enfatici e pacche sulle spalle. Finalmente fu chiara la ragione per cui, pur essendo arrivato ad Ariminum già da un po’, non si era ancora ricongiunto agli amici. La vecchia Ciurma, spiegò sotto il fuoco di fila delle domande che gli vennero rivolte, si era sciolta e ne aveva dovuto mettere insieme una nuova. Concluso il reclutamento e lasciato l’addestramento dei novizi in mano al suo secondo, adesso era in vacanza.

Seguirono altre grida di giubilo e brindisi alla salute della Vita, dell’Universo e di tutto quanto. Solo il Roc non proferì verbo. Abbandonato in un angolo come i pantaloni sporchi di un ubriaco, teneva le ali strette intorno alla testa e gli occhi chiusi. Con ogni evidenza, non era in grado di unirsi ai festeggiamenti.


Il palco dove si esibivano le band locali, ricavato da una cappella duecentesca dall’ottima acustica (le diverse parti dell’edificio che configuravano la struttura complessiva della Fortezza Bastiani si erano sviluppate nei secoli, in modi e tempi diversi, su fondamenta di origine addirittura mesolitica), era addobbato con palloncini colorati, strisce filanti, nastri e cartelli con la scritta Happy Birthday. Anche lì non c’era nessuno. Qualcuno (Tim, probabilmente) aveva predisposto una decina di spartiti su altrettanti leggii, ma i suonatori di corno elettrico che avrebbero allietato il convito non sarebbero arrivati prima di mezzanotte. Il JubJub colse l’occasione per volare al mixer audio, accendere un microfono e intonare una mazurka ariminense:

«Amarcord when you were a burdèl,

you shone cam e Sòl quan le pè un vasèl.


Shine on you craaazy… diamond!


Adès there’s a guérd in your eyes,

tél cvèl a nègher bùs in the sky.

Shine on you craaazy… diamond!».


«Chiudi quella boccaccia da iguana, fottutissimo Jub, o ficcaci dentro qualche cadavere! Ho la testa che mi scoppia: quel maledetto diamante mi ha fatto esplodere il cervello!» gridò il Roc.

«Sento un tremendo fragore nelle orecchie» si lamentò ancora.

«There’s nothing to cry about, cause, Muninn, Muninn, you’re out» fu il laconico commento del JubJub, prima di riprendere a cantare. Poche parole, ma sufficienti a rimbombare nella scatola cranica del Roc con l’assordante ronzio di uno sciame di vespe – impregnate di fumo ed esalanti un tetro odore di morte, quando impazzite travolgono le incerate fabbriche nel tentativo di scampare all’amaro incendio del proprio alveare, stridendo, ronzando e proferendo incomprensibili bestemmie imenotteresche.

«Silenzio, maledizione!» urlò di nuovo il Roc al JubJub, il quale ebbe la delicatezza di troncare l’esibizione da Raul Casadei della domenica.

«Devo mangiare qualcosa per riprendermi» disse quindi a voce più bassa.


1 Krang: termine marinaresco che indica la carcassa di una balena dopo che è stato levato il grasso. 

Logo
13938 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (26 voti)
Esordiente
20
Scrittore
6
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Chele1918 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Carolina Fabrizi ha votato il racconto

Esordiente
Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Sublime. --- Qui vi è un'efficace sintesi del tuo essere narratore, mi permetto, postmoderno, post-postmoderno, liquido, anzi, di mappa cognitiva "cloud". Il molteplice testuale e iconografico si alimenta continuamente, una creazione Powhei incessante. il binomio Capitano-Jubjub raccoglie le radici del pensiero occidentale, dialettica conflittuale ma anche sintetica di ragione aristotelica, enumerativa e plurale e sintesi platonica aperta sul trascendente. Un gioiello anche la Mazurka Amarcord..., un mixage di musica pop 1950 ss., con prevalenza dei Pink. Da 10.Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Lo rivoto volentieri, e mi sorprende quanto siano diventati familiari i tuoi personaggi, che a turno ricorrono nella successione degli episodi. Credo di aver già detto che il JubJub è il mio preferito, qui protagonista di una mazurka tra lo psichedelico e il romagnolo verace. Piccola curiosità che ho notato solo ora, scorrendo a ritroso la serie di Ariminum: ogni episodio, pur essendo parte di un’unica opera, cambia di genere. Una raffinatezza in più che fa la differenza. Segnala il commento

Large img 20210428 111521.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonio Tammaro ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Letto con piacere e stupore per la seconda volta. ComplimentiSegnala il commento

Large 20220806 144353.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helenas ha votato il racconto

Esordiente
Aatxajzt7nsl rzh7o6rq5jptmxfuictattxrdrhbzfn=s50 mo?sz=200

Andreasololettore ha votato il racconto

Esordiente
Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Il mitico JubJub chissà perché proprio lui? lo elevi, oltre. Tim Burton e Alice in wonderland (che ricorre ancora) seguiranno con interesse l'evoluzione che gli hai destinatoSegnala il commento

Large  20201009 113122.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

mariorima ha votato il racconto

Esordiente
Large marghe img 5466.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

MargheMesi ha votato il racconto

Esordiente

Nel gioco che fai con il lettore, leggere questo capitolo dopo il capitolo 7 è la migliore mossa per persuaderlo della natura ipertestuale e circolare dell'Ariminum Circum, del suo poter essere letto come una sequenza strutturata per moduli e aggregati scomponibili. Alla luce di quello che legge oggi, il Lettore ripercorre diversamente, ad esempio, il capitolo di ieri, il 7 appunto. Quindi questo potrebbe essere un capitolo di natura ricorsiva, da inserire come link per Lettori che inizino a leggere solo dal 6, o come prefazione, per chi comincia dall'inizio. Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore
Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

Ricordo il brano e il commento che ho scritto la prima volta, quando ho sostenuto che il JubJub sei tu, è l'artista che trasgredisce alle "canoniche cinque W del bravo Scrittore", è l'autore che ignora la "carta geografica" e devia dal canonico e inviolabile itinerario. Il Capitano, ligio a interrompere "i voli pindarici dell'uccello poeta", domina "su tutti gli spiriti autenticamente liberi". Così, in osservanza di schemi e regole immutabili, si perpetra "la morte dell'autore, del lettore, della storia". E per me, anche dell'arte, della creatività, della fantasia.Segnala il commento

Large 20200611 011659.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Amid Solo ha votato il racconto

Esordiente
Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore

La menzione al cuoco di bordo Long John Silver è oro.Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

La parte sulle cartine geografiche è affascinante. Mi era rimasta impressa già alla prima pubblicazione. È strabiliante la tua scrittura. Ti rinnovo i miei complimenti!!!Segnala il commento

Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work