Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Horror

Il corpo

Di Howl
Pubblicato il 08/12/2020

30 Visualizzazioni
12 Voti

È l’Inverno del ’93, il monco ha tredici anni e una bottiglia di Jack Daniel’s.

Fuori dalla cancellata, danno di gas ai motorini, ridendo sguaiati, gli altri. Sono in sette. Hanno mandato lui.

A dam chei! At putrev sbrané al cùar par sta roba! Dice la vecchia.

Svita il tappo, s’attacca, si sbatte ‘n gola il collo della bottiglia, la ciuccia per bene, un’onda caramello nel vetro che schiuma e schiocca.

Oh! Dice la vecchia. Squassa la bottiglia vicino al muso del monco che squittisce rattrappendosi. S’affossa e si ritrae mentre alle sue spalle i compagni si spanciano.

Il cielo è secco, spaccato. Le nuvole sono come zolle. Elettrodotti lontani, nei campi divelti.

La casa della vecchia è scolorita, lercia, le imposte sprangate. Dalla cancellata rugginosa parte uno stradello in terra battuta che viene strangolato dall’erba alta. Un pollaio, un porcile, una gabbia per uccelli. Vuoti.

La vecchia è sull’uscio, una vestaglia color piscio le arriva appena sotto l’inguine. È come putrefatta. Slabbrata. Un’accozzaglia balorda e varicosa.

Ultma ciamà. Dice colla carne del braccio tremula, flaccida. Sorride al monco che inorridisce.

La vecchia ha la faccia porcina, impiastricciata senza alcuna decenza. Le labbra grasse e unte dal burrocacao. Butta giù il Jack Daniel’s.

At vua cat faga cla roba anca tei eh? Dice. S’alza la vestaglia ed è come se si srotolasse. Sta coll’orlo tirato su fin’al mento. Il monco corre via disgustato mente le risate della vecchia lo inseguono. Gli altri se ne vanno prima che lui possa raggiungere la cancellata, sgasano e strombettano. Il monco gli tiene dietro appiedi per un po’, poi li perde di vista.

Prima della vecchia, il monco non aveva mai visto una donna nuda. Pensa che è la cosa più schifosa che ci sia. Loro gli avevano detto che lo avrebbero portato da una vera pornostar. Non è stato così. E adesso, quel corpo lo perseguita. Così orrido e disperato si divora ogni suo desiderio. Mai più, si dice, cercando inutilmente di scacciarlo. Gli riempie la testa di parole terrificanti. È questo il maleficio che gli ha fatto la vecchia. Mentre cammina, sperando che qualcuno degli altri torni a prenderlo, il monco si accorge di avere un’erezione. Si è spaccato qualcosa dentro di lui, un liquame disgustoso trabocca nella sua intimità. Sporco, colpevole, il monco preme la protesi contro il suo sesso, come a volerselo ricacciare dentro. Mai più, ripete ossessivo, ma le parole non fanno altro che aumentare l’eccitazione che è come una vescica piena. Non riesce più a trattenerla. Si accascia. Una macchia si allarga nei pantaloni, nera, miserabile, cola sulle cosce e non smette: gli riempie le scarpe. Cercando in qualche modo di asciugare l’emorragia, il monco sente che è la sua anima che sta sgocciolando sull’asfalto. La parte più nascosta di sé, quella che lo teneva incollato alla sua infanzia.

Quando gli altri arrivano strombazzando, lo trovano disteso a terra, cianotico, con le pupille divaricate e il volto contratto da un’espressione di assoluto terrore. Il corpicino scarnato. La pelle come un velo sulle ossa.

Ridono squillanti come iene.

Lo raccolgono come una bestia schiacciata dagli pneumatici di un macchina, staccandolo dall’asfalto, e il monco viene su, grondante. Lo scuotono, lo riempiono di schiaffi, ma il monco è incosciente, schiuma, poi uno di loro gli strappa la protesi, la sventola come uno scalpo, fa finta di masturbasi, di grattarsi la testa, di scaccolarsi.

Oh-oh! dice, quando il monco rinviene, piegato in due per i conati.

Tutti quanti loro l’hanno fatto. Nessuno l'ha dimenticato.

Gli restituiscono la protesi e lui se la riattacca al moncherino.

Acsei as fa! Gli dicono dandogli delle pacche sulla schiena. Il monco tossisce, prende colore. Per un attimo si chiede che cosa dirà sua madre dei suoi vestiti zuppi, ma adesso che è con gli altri, se ne frega e scoppia in una risata, unendosi al coro delirante dei suoi amici.

Sono un uomo, pensa.

Logo
3922 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
8
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Alessandro Lupo ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello il modo in cui hai esposto questa "disgustosa" vicenda. BravoSegnala il commento

Large img 20191019 wa0049.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ino3083 ha votato il racconto

Esordiente
Large americancockroach 1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Gianluca Ranieri ha votato il racconto

Esordiente
Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Davvero straziante nello stile impeccabile, nel vocabolario tagliente.Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200804 140153.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Valentinacomesai ha votato il racconto

Scrittore

Un ritmo che da risalto alle parole perfette che hai trovato. Davvero molto belloSegnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Formidabile. Di un'efficacia ipnotica.Segnala il commento

Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore

Mi è piaciuto. È giusto un attimo di terrore, come tanti che capitano, ma poi torna la consapevolezza di chi siamo (giusta o sbagliata che sia) e ci facciamo una risata. Bello.Segnala il commento

Large img 20201104 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Howl

Scrittore
Editor
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work