Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Umoristico

Il Custode dell'Asilo d'Infanzia Kandiskij

Di Federico D. Fellini - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 23/11/2019

Un ritratto sentimentale (con annesso quadro clinico) di Tim "Nanny" O'Nan.

42 Visualizzazioni
18 Voti

«Non mi sento bene, I’m getting sick». 

Tim, il Custode, espresse il proprio malessere mentre gettava una devota occhiata alla sculettante cameriera che, deposto sul tavolo il secondo giro di vodka al profumo di incenso e mirra, si allontanava aprendosi un varco nella calca della Fortezza Bastiani come Mosè fra le onde del Mar Rosso, per continuare a officiare le sue funzioni con il vassoio Kaleido a vetri colorati in mano – su cui un Elephant Corkscrew rubino (il cavatappi a forma di piccolo pachiderma immaginato da Kikkeland) elevava un potente barrito al cielo: vibrante protesta per il pezzo di sughero che era rimasto infilato su per la coda a riccio.

Il Maestro ne seguì lo sguardo. Gli occhietti infossati del Custode, spenta la scintilla della concupiscenza con l’eclissarsi definitivo dell’inserviente, trasmettevano lo smarrimento di due creature degli abissi trascinate alla superficie da una rete impenetrabile: quella delle rughe che dall’ampia fronte di Tim si gettava sulle guance, s’impigliava nel naso camuso e si distendeva lungo il collo rinsecchito. Ma la repulsione che l’uomo suscitava – nei bambini toccava vette di puro orrore – non scaturiva tanto dalla bruttezza in sé; piuttosto, da qualcosa d’inumano, se non addirittura anti-umano, radicato nelle profondità dell'essere. Nanny era marchiato dall’apparenza di vita in ciò che è già morto: quanto di più ripugnante ci sia in tutto quello che provoca ribrezzo, disgusto e nausea.

Fra i bambini dell’Asilo circolava una leggenda: Tim era il risultato di un esperimento d’ingegneria genetica. Si narrava che, nonostante fosse stato selezionato il DNA di membra proporzionate e belle, il risultato era stato orribile. La pelle, divenuta gialla, sottile e semi trasparente con l’avanzare dell’età, lasciava intravedere il movimento di muscoli e arterie; le pupille, più nere del carbon fossile, contrastavano sgradevolmente con la bianchezza dei lunghi ma radi capelli, che era solito raccogliere, unti, in una coda di cavallo, e dei denti, che le labbra sottili e bluastre lasciavano scoperti fino alle gengive. L’andatura incerta dovuta all’arto in titanio con cui il vecchio chirurgo della pineta gli aveva sostituito la porzione di carne, ossa e muscoli dal ginocchio al piede sinistro – andata in putrefazione, qualche settimana prima, insieme al braccio destro, anch’esso sostituito con un organo artificiale dotato di lacci neuronali in grado di tradurre in azione gli input ricevuti dal cervello – conferiva il tocco finale all’aspetto transumano di Tim. Con quelle giunture metalliche si aggirava per Ariminum con le movenze di un aracnide alieno sopravvissuto alla Guerra dei Mondi di Wells. I bambini ne avevano subito approfittato per affibbiargli un nomignolo aggiuntivo: Spiderman.


«Problemi con le nuove protesi?».

«No, no, l’è che…». Nanny, irrequieto, si agitò sulla sedia d'ebano Naomi, con le gambe appena arcuate e dalla schiena sinuosa, in cima alla quale gli occhi spalancati di due fori guardavano con ripugnanza gli alcolizzati che stipavano il locale.

«Calmati: che cosa provi, con esattezza?».

«Furtùr, perdita di appetito, alternata a loveria… cam dit voialter…».

«Fame vorace?».

«Eccola, sì, ma poi vien su il vomit, con la nausea e non respiro... In più rampazna, tosse, incisio tergi, disturbi nell’uregia e intlè l’oci, sembra che me li prendano a martellate, gli oci, e ancora arciglida…».

«Come?».

«Arciglida, magrezza… pallore, memory loss, arbuff, attacchi di rabbia, madness, cagarela, accessus febris e pensieri suicidi».

«Male, fratello. Cosa mi dici della presenza di sangue nelle urine, emicranie ricorrenti, disfunzioni della ghiandola pineale, blocco del quinto chakra al centro della gola, declino del potere intellettuale, mancanza di libido, epilessia, idiozia, paralisi, brufoli e attacchi di gotta?».

«Exactly, all these things, propria insè».

«Con la vista andiamo bene?».

«I’m becoming zigh. Sto diventando cieco. È grave, secondo te?».

L'interlocutore non rispose. Lo scrutò sostando in un silenzio inquietante, metafisico – mistico, quasi. Tanto che Tim ebbe una visione (non la prima della lunga serie di quella sera), simile alla teofania sperimentata da Zarathustra sulle rive del fiume limaccioso che attraversa l'impervia regione asiatica dell'Alto-Hoxus: il Maestro si trasfigurò nella versione britannica dell'Arcangelo Bahman (generato dalla Trinità del Var, al cui centro la divinità suprema, Ahura Mazda, "celebra liturgie in onore della Sovrana delle Sirene Alate, della Regina Tatuata, dello Spirito Femminile dei Cieli", secondo il più grande filosofo platonico di tutta la Persia, Sohravard).

Gli apparve tutto rivestito di luce, che scendeva dalla lampada Jeeves Innermost sospesa sulla testa del Maestro, disegnata da Jake Phipps a forma di  bombetta, emblema del maggiordomo reso immortale non da Dio, ma da Wodehouse. 

Che, rispetto al Collega, ha senza dubbio un migliore senso dell'umorismo.

Logo
4924 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (18 voti)
Esordiente
13
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Associazioni dissociate. Penso che, ad ogni modo, non esista un oggettività in cui i significati possano confluire ugualmente per tutti. Forse il punto d'incontro è davvero nel sogno, dove le regole che danno sicurezza al nostro quotidiano scompaiono. Credo infatti che l'uomo abbia dovuto/voluto mettere paletti alla propria comunicazione per far sparire la paura di sentirsi sperduto nell'infinità dei significati e perchè no, dei significanti se esistono. Quei paletti sono piantati nella terra molle, nel fango, non possono reggere. Sì, perchè è più probabile che esistano i significati senza necessità di significanti. Nel sogno invece si torna ad essere liberi anche se questo vuole dire riprendersi carico delle proprie paura e del proprio smarrimento. C'è stato un tempo in cui le emozioni, i pensieri ed il nostro essere veniva espresso in grugniti, urla, suoni. Non esisteva ancora il linguaggio e non esistevano i paletti. Si era forse più vicini alla verità - qualora questa esista- e si era più vicini al tutto. Sto iniziando a pensare che l'unico significato sarà quello che riuscirò ad intuire.Segnala il commento

Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Molto ben scritto, ma non so se l'ho capito del tutto. I capelli unti o uniti in una coda di cavallo?Segnala il commento

Large default

Grissinotunatuna ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large foto del 15 09 21 alle 09.22  3.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Oh, questo mi è piaciuto. Ci voleva uno che sta male per far succedere qualcosa... bravo, il finale col "senso dell'umorismo" è fichissimo Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

ComplimentiSegnala il commento

Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore

un centrifugato pop dallo stile scoppiettante, bravo!Segnala il commento

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Aedftp5amgw0ll765fuf8izntkb zctu zs6h5frz34zba=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor

tu lo sai che la lotta è con la memoria del bar di Star Wars. non puoi usare spade laser per difenderti, ma ti basta lo stile.Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Marco Verteramo ha votato il racconto

Scrittore

Per me notevole.Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Molto belloSegnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Materiale lisergico...Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work