Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Il grande albero è caduto

Pubblicato il 04/04/2022

22 Visualizzazioni
7 Voti

Il vecchio albero secolare sta morendo. I suoi liquidi non riescono ormai più a scorrere liberi verso l’alto. Non a sufficienza. I rami superiori si sono seccati, il fogliame è diventato più rado. E lui ha iniziato a rilasciare molti più frutti di quanto fisiologicamente avesse mai fatto, ulteriormente indebolendosi e accelerando così la sua fine in un ultimo, disperato tentativo di garantire a sé e alla foresta di cui è parte una discendenza forte e numerosa.

Il terreno erboso e molle accoglie le innumerevoli ghiande indifese. Pronte ad essere da nutrimento per gli animali del bosco, o per la terra stessa, dimenticate e soffocate nell’ombra dei rovi. O a durare il loro tempo, nel corso della lunga, feroce lotta per affondare radici e preparare lo slancio verso l’alto.

Il rumore dei colpi che lo spezzano alla base precede e accompagna quello dello schianto. La sua agonia non è passata inosservata ad occhi attenti e interessati. Prima che muoia occorre separare e preservare il suo legno per gli usi dell’uomo. La foresta si zittisce per alcuni istanti. Ascolta solamente, attenta. E respira a fondo. Nel sottosuolo, le radici dell’albero raccontavano già da tempo di quella sua debolezza, sempre più acuta. Ma qualcosa di anomalo, di possente e di tragico si è ora improvvisamente manifestato col suono.

La memoria dei suoi tanti anni si è accumulata ed iscritta nelle viscere del legno che gli dà forma, nelle corone del suo tronco. I traumi della crescita, le piaghe delle ferite. Si sono materializzate antiche storie di siccità e di gelo avvolgente, di vento rabbioso, di luce e di ombra. Di aggressioni, e poi di cacce; di cinghiali erranti e di voraci erbivori al pascolo nei suoi pressi, e le tante offese inferte alla dura e rugosa corteccia, ai rami. Escono immagini e racconti dal legno. Una lunga, laboriosa ed accurata registrazione che ha attraversato le epoche si libera dalla carne di quell’enorme corpo senza linfa, che viene ora brutalmente esposto al mondo.

Ed è memoria che non rilascia fragilità. Ciò che è stato non ha ceduto spazio a presagi e illusioni, non a riesami, ricostruzioni, ritocchi. Non ha evocato misteri, inganni, rimpianti, assenze e opportunità perdute. Questo enorme libro è documento inconfutabile per chi lo ha scritto, e guida. Mai ammansito da nebulose inquietudini e ripensamenti, non ha alterato il senso delle cose così come sono state. Vi si è adattato. Non gli è dato di essere composto per confondere e per poi frenare, o inibire.

Il turbamento della foresta piano piano si dissolve. Il legno morto, rimasto adagiato nel terreno, inizia subito a mutare e a riconsegnarsi alla vita: funghi, batteri, insetti lo ripopolano e già accomodano il nutrimento per gli uccelli che passano o che nidificano nei pressi. Il muschio e i licheni lo avvolgono come in un sudario. Piccole tane si acconciano nel suo perimetro.

La grande chioma è caduta, ed ha aperto un varco immenso. Ha liberato una grande luce lì in alto, per il cui tramite si insinuano fotoni che regalano energia, promesse, nuove opportunità. La terra si scalda, assiste paziente, ed ospita ora la frenetica corsa di giovani virgulti ad arrampicarsi incontro al cielo.

Logo
3182 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (7 voti)
Esordiente
4
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Finalmente ti possiamo rileggere. Veramente un bel narrare e rendere omaggio al mondo e alla storia non solo degli uomini. L’attesa valeva la pena. Segnala il commento

Large on the road.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

omALE ha votato il racconto

Esordiente

e' la vita piu' che la morte a non avere limiti... gli alberi anche per la storia che portano con se mi hanno sempre affascinato..ComplimentiSegnala il commento

Large ef3fdfd2f39a4f5d4a9f5557c0f21246.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 41c3595b 87a5 4488 89a2 6e1b4c33f296.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Bellissima narrazione.Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

La lotta per la vita, nel mondo vegetale... e non solo. Niente va perduto, ogni cellula organica morente da vita ad altre cellule, e l'uomo osserva tutto questo, spesso con l'arroganza del "padrone coloniale", ma c'è anche chi ne trae del "materiale di riflessione", e di "sussistenza altra", come fai tu.Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Buongiorno Caio, che bello rileggerti. Quasi una parabola, questa tua. Colpisce l’accurata descrizione di ogni elemento vitale, in questa natura che si autocontrolla. Lei, si autocontrolla. Segnala il commento

Large default

di caio bongiorno

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work