Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Il grande sogno

Pubblicato il 05/10/2019

Un grande sogno può portare molto lontano. Anche i padri hanno grandi sogni.

109 Visualizzazioni
30 Voti

Mamma si stacca dal lavello, si stringe la vestaglia blu a fiori sul seno e mi fa cenno di seguirla. La nostra casa è un lungo corridoio buio. Una specie di tunnel collega la porta di ingresso alla cucina, ai lati si aprono il soggiorno, due stanze da letto ed una piccola sala biblioteca. E’ questa la stanza speciale della nostra casa, quella che la rende diversa da tutte, molte, altre. Ed è lì che entriamo. Le finestre qui non hanno scuri. Il sole è tenuto fuori da due pesanti tende di velluto bordeaux. Tutto qui dentro a dire il vero è in qualche modo bordeaux: le due poltrone Chesterfield, consunte, che si fronteggiano l’un l’altra, assolutamente inadatte alla TV che in questa sala non ha trovato mai asilo, ma perfette ad accogliere il corpo umano per una buona lettura o una lunga conversazione - da bambino riuscivo a raggomitolarmi al loro interno, le pareti rivestite di carta da parati in tessuto e il tappeto, entrambi coperti da intricate misteriose linee barocche. E i libri, in ogni dove, pile in terra, affastellati sugli scaffali, impilati accanto alle poltrone, sui due grandi tavoli accostati alle pareti, tavoli curvi sotto il peso di tutti quei volumi. Qui tutto è mio padre, il suo lavoro, la sua passione, la sua vita. Ognuno di quei libri è stato un viaggio, un’impresa. E dall’ultima papà non è più tornato. Succede quando sposi un uomo che ha un grande sogno. Disse qualcosa del genere la mamma sedendosi sul mio letto. Con un tono quasi di rimprovero che allora non capii anche perché non sapevo cosa fosse accaduto, avevo finito la terza media, era iniziata l’estate, mettevo in grandi scatoloni tutte le cose di quella mia vita che consideravo chiusa, completa, finita - ovviamente non pensavo esattamente in questi termini eroici al tempo, ero pronto a mostrare al mondo un nuovo Louis, con nuovi simboli da appendere nella mia stanza, pronto per nuovi amici nella nuova scuola. Ma prima, l’estate ed il suo tempo eterno, continuo, ininterrotto come il grattare ossessivo delle cicale che anestetizza qualunque pensiero che esista un domani e sospende la vita di tutti in un eterno presente. Il tempo ricomincia a scorrere solo quando loro, le cicale, una dopo l’altra smettono di frinire. Allora puoi vedere i volti delle persone ridestarsi, accorgersi l’uno dell’altro, nei loro occhi puoi vedere l’avvio di un qualche ingranaggio, li coglie un po’ di sgomento per essere stati gettati nuovamente nel fiume del tempo ed avere abbandonato l’estasi del luogo dove nulla accade. Così più o meno lo ricordo, quando mamma si sedette sul mio letto. Mi disse che papà non mandava lettere, lui ancora lo faceva, inviava lettere di carta e inchiostro dai suoi viaggi, che si portavano dietro l’odore della carta, dell’inchiostro, delle mani di mio padre, dei posti e del viaggio. Mi disse che papà non mandava lettere da due settimane e questo non era mai successo. Così aveva un brutto presentimento. Lo disse con una specie di rassegnazione, una consapevolezza che veniva da lontano, dalla prima volta in cui lo baciò, quando già sapeva in qualche misterioso modo che sarebbe andata a finire così, quando sperava però che non sarebbe mai accaduto, sperava sarebbe cambiato, e tuttavia non poteva più fare a meno di lui, dopo averlo incontrato, dopo quel bacio. Mio padre era così. E così era rimasto fedele a sé stesso, dividendo la sua, e la nostra vita a metà, esattamente. Metà con me e la mamma, felice, allegro, distratto. Metà con e per il suo sogno: i libri, antichi, dispersi, introvabili, quelli che raccontavano le “Storie degli Uomini” come le chiamava lui. Le storie in cui si riconosce la vita vera degli uomini. E’ il suo sogno, disse mamma tenendosi le mani l’una nell’altra e guardando la fila di platani fuori dalla finestra della mia stanza. E tu ce l’hai un grande sogno? Non mi guardò chiedendomelo. Era il momento del giorno in cui la luce cambia colore, diventa di terra ocra, si posa sui muri delle case. E’ in questo momento che a volte capita che le cicale smettano il loro incessante frinire. Consentano al tempo di scorrere per qualche istante, lasciando le persone alle loro vite, lasciando accadere ciò che deve accadere, prima di riprendere il loro lavoro. Con il frinire delle cicale si fermò tutto di nuovo. Mamma chiuse le palpebre in modo da non guardarmi quando ruotò la testa ed il corpo per uscire dalla mia stanza.

Logo
4384 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (30 voti)
Esordiente
25
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large foto rocio marian ciraldo.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Esordiente

Bella l'atmosfera e soprattutto il ruolo delle cicale. Toglierei la frase che inizia per "Allora puoi vedere i volti..." fino al punto.Segnala il commento

Large human traffic 0.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Verbal Kint ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Mistral ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Viola ha votato il racconto

Esordiente
Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Scrittore
Large 30171222 10213201699611638 5108754746813683842 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Biodegradavide ha votato il racconto

Esordiente
Large default

LINA78 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1371.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Vipal Antonio Gianfranco Gualdi ha votato il racconto

Esordiente
Large 57422000 1113174488867030 3168300136199618560 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Sonia Jurlina ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Irene ha votato il racconto

Esordiente
Photo

Mela Golden ha votato il racconto

Esordiente
Large foto 092.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Giuseppe Buono ha votato il racconto

Esordiente
Large 2014 01 27 07.12.19.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Germana Caranzetti ha votato il racconto

Esordiente

La cosa che ho preferito è stata la resa dell’atmosfera, un piccolo quadro confortanteSegnala il commento

Large 20190721 162445.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Bello, ma da rivedere, da aggiustare nel ritmo e nei tempi, perche potrebbe diventare molto Bello.Segnala il commento

Large img 20191015 225536.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Rosnikant ha votato il racconto

Scrittore

È vero, le cicale hanno il potere di sospendere il moto del tempo. Complimenti! Segnala il commento

Large forrestgump.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1431.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Il racconto decolla molto bene, pieno di premesse. Bella l'ambientazione. La seconda parte mi sembra invece un po' lenta Segnala il commento

Aaue7mapsppwdqd4osijhuizm0awk5gsr yemegbwyjhnw=s50?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore
Large 20190803 142034.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190913 wa0003.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

di Maurizio Ferriteno

Esordiente