Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

IL MARE

Di CLAUDIO - Editato da CLAUDIO
Pubblicato il 09/07/2021

15 Visualizzazioni
9 Voti

Li vedo volare, li guardo e rimango attonito davanti al loro librarsi nell’aria, c’è qualcosa di musicale nei loro volteggi; i loro stridii accompagnano la danza che ci regalano inconsapevoli.

Qualcuno, con una grazia atavica si tuffa nel mare e ne esce, con la stessa grazia, con un pesce che si dibatte morente nel suo becco.

I gabbiani hanno sempre accompagnato le mie brevi permanenze sulla costa ma ogni volta è una magia sensuale quella che ritrovo.

Adoro il mare mi fa sentire libero dagli impegni consumistici e nevrotici del nostro modo di vivere.

Capisco chi, in pensione, decide di terminare la propria vita convulsa in un luogo di mare, vedere i volteggi dei gabbiani, sentire le onde che lambiscono i tuoi piedi e respirare gli odori che, benevolmente, ti dona il mare non ha prezzo e ti ripaga con la sensazione di fare pace con il mondo, quello stesso mondo che invece ti aveva consumato giorno per giorno.

Gli autoctoni non la pensano come te non ne hanno bisogno, loro sono felici sin da bambini perché hanno sempre un mare che li accoglie come una madre, carezzandoli ogni giorno per renderli più forti.

Arriva un peschereccio, arriva lentamente, raramente si corre sul mare perché esso non vuole la fretta, occorre essere cauti e rispettarlo come un bambino che rispetta la madre che lo ha generato.

Il peschereccio attracca nel porto ed è una festa di uomini e donne che gli si avvicinano per comprare il pesce fresco, appena pescato, che il mare gli ha voluto donare.

La danza dei gabbiani si sposta verso di loro, c’è sempre qualche cosa da mangiare vicino ad un peschereccio, loro lo sanno e danzano librandosi nell’aria lì vicino.

Serpeggia l’imbrunire, la spiaggia ed il porto rimangono in rispettoso silenzio perché adesso “parla” solo il mare; si sente soltanto il lambire placido delle onde che accarezzano la spiaggia, una leggera brezza marina saluta la notte che si avvicina, ormai i gabbiani non danzano più e si avviano al loro rifugio notturno.

Le onde non dormono, il mare non dorme; esso continua a cullarti con il suo canto sinuoso che ti accompagnerà per tutto il tuo riposo.

Logo
2106 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (9 voti)
Esordiente
9
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

lucadip ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Jhonny ha votato il racconto

Esordiente
Large default

GIULIA ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo, adoro il mare e questo racconto è lo specchio del mareSegnala il commento

Large default

Valentina B ha votato il racconto

Esordiente
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large ll mare dei surrealisti.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large depositphotos 61883317 stock photo cougar mountain lion puma panther.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il puma del Sîambù ha votato il racconto

Esordiente
Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large ef3fdfd2f39a4f5d4a9f5557c0f21246.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di CLAUDIO

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work