Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Romance

Il Marito e la Sorella di Daisy

Di Federico D. Fellini - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 04/01/2020

Gita al faro con bandiera rossa.

41 Visualizzazioni
17 Voti

Era notte fonda, il Wood Wide Web era andato in stand by. I due giovani, finito il ballo, avevano sciolto l’abbraccio. Era tempo di lasciarsi. Daisy doveva tornare in camera, dove c’era un marito che con ogni probabilità si stava innervosendo. Jay era atteso alla Fortezza Bastiani dagli amici. Conoscendoli bene, voleva raggiungerli prima che perdessero conoscenza per il troppo alcol.

La ragazza recuperò l’iPad dai gradini della scalinata all’ingresso del Grand Hotel. Lo teneva con sé, per controllare scadenze e fatture, anche durante i pochi giorni di libertà concessi in occasione delle feste natalizie dal Capitano ai suoi marinai. Faceva la dura, si atteggiava a ragazza terribile, ma era solo la copista della nave. O perlomeno così gli aveva detto, anche se doveva ricoprire un ruolo più importante di quanto volesse ammettere, visto che lei e il consorte erano gli unici, fra i membri del precedente equipaggio (peraltro decimati da un misterioso virus – li trovavano in branda del tutto dissanguati, alla mattina, senza alcun sintomo premonitore), ad avere rinnovato il contratto con il Capitano. Lui li aveva raccolti su un cutter da diporto al largo del Montenegro. Salvando loro la vita, dato che erano inseguiti da una flottiglia di piccole imbarcazioni cariche dei probi abitanti della città serba di Medgwegya che, per qualche ragione, su cui Daisy non si diffuse, volevano lapidarli, dopo averli inseguiti attraverso tutti i Balcani. Per ricambiare il favore, i due avevano spalleggiato il Capitano durante le azioni di reclutamento forzato con cui erano stati rimpinguati i quadri della Ciurma.


«Passo la vita in una gabbia: una cabina sotto la chiglia, senza un oblò, a tenere i conti delle razzie da quattro soldi di un’accozzaglia di psicolabili incapaci. Ho bisogno di prendere aria, voglio vedere i delfini al largo del porto, gli uccelli che inseguono i pescherecci. Fare un po’ di surf!» sospirò.

«Daisy, perché non pianti quei mentecatti? Vieni via con me. Potremmo vivere avventure meravigliose, essere felici».

«Sono una copista! E i copisti non evolvono e non amano i cambiamenti».

«Mi prendi in giro. Cosa ti lega a quel lurido lavoro in quel lurido posto?».

«Dimentichi che sono sposata al Pirata con l’Uncino».

«Per favore, Daisy, una volta sarà stato anche un grande spadaccino, lo avrai amato un tempo, ma, a quanto mi hai raccontato, si è ridotto a fare il tirapiedi del Capitano. Mi hai detto che ormai è l’ombra di se stesso. La sua brutta copia. Proprio tu che sei una copista, come puoi sopportarlo?».

Lei non disse niente. Jay si morse la lingua. 

«Scusa, pessima battuta. Volevo dire che non si vive di ricordi» rettificò.

«Non sai quello che stai dicendo». Si batté il petto e declamò: «Lasciami perdere, non c’è vita in questo corpo. Io sono senza anima». Scoppiò a ridere.

Jay rimase interdetto. «Cosa dici? Io voglio stare per sempre con te».

«Per tutta l’eternità? Ci penso sopra, te lo prometto. Però nella mia vita non c’è posto per le utopie. Sono dei non luoghi, dovresti saperlo». Per essere una copista, Daisy leggeva parecchio.

«O dei luoghi felici».

«Irraggiungibili, in ogni caso. Dai, mio marito anche domani starà tutto il giorno sui campi da golf. Se vuoi andiamo a fare una passeggiata fino al porto e ne parliamo. Fino a lì ci arriviamo di sicuro. Chi si sveglia presto arriva lontano, dicono dalle mie parti, in Romania».

Jay annuì.

«Mi piacerebbe chiedere a mia sorella Helen di venire con noi. Ti spiace?».

«Helen? La famosa Helen Beauchamp?». Gli era sembrato di cogliere una somiglianza con Daisy! Ad eccezione del colore dei capelli (rosso Valentino quelli di Daisy, biondo platino per la sorella) e al netto dei tatuaggi che non macchiavano la pelle levigatissima, quasi plastificata, di Helen, le due erano in effetti pressoché indistinguibili. Ariminum era un crocevia di celebrità e la sorella di Daisy era al top della notorietà. Il suo video blog Yes Logo! era fra i cinque più visti al mondo. Jay non avrebbe mai immaginato che una così sarebbe scesa dall’Olimpo virtuale in cui viveva per mischiarsi ai comuni mortali. Però, a pensarci bene, gli dei lo facevano già nell’antichità. Certe cose non cambiano mai.

«Sì, lei è quella famosa. Allora, le chiedo di venire?».

«Nema problema» azzardò Jay, sperando che rumeno e croato si assomigliassero. «Se non scoppia un temporale. Le nuvole di questa notte non promettono niente di buono».


«Se piove meglio ancora. Così vedremo la Torre Fantasma». Daisy, prima di voltargli le spalle e andarsene, gli scoccò un sorriso.


Jay colse quell’ultimo istante per guardarla negli occhi: lei con quelli lo percosse. Non fu che un attimo: sufficiente però a frastornarlo. Non era solo un difetto nella vista della ragazza, che anzi ne aumentava il fascino. Era uno sguardo che sottendeva altro.

Una bandiera rossa cominciò a sventolare all’interno della sua coscienza. Pericolo! Sentì che Daisy era attratta da lui, ma pure che, per qualche motivo, lo voleva distruggere.

Logo
4969 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (17 voti)
Esordiente
12
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

Grissinotunatuna ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large fe56eba9 f5e4 4560 b55d af59cbbf8b75.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondina ha votato il racconto

Esordiente

Bravo. Ben scritto fluido originale. Segnala il commento

Large immagine2.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

DONATO ROSSO ha votato il racconto

Esordiente

Assai originale questo tentativo di narrare, Piaciuto!Segnala il commento

Large 20190901 154005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Il Verte ha votato il racconto

Esordiente

Si, grande capacità narrativaSegnala il commento

Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

C'è un'atmosfera tra il futurismo e i film vintage in bianco e nero. Bello! Segnala il commento

Large img 20200630 wa0002.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Francesca Lodoli ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente

Bello, molto...Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large images.jpeg.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore

- solo il che anziSegnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large 20190710 115436.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Eccola, la narrazione, che ti sta uscendo gorgogliante e zampillosa dagli anfratti carsico-altamurensi dove l'avevi confinata...Segnala il commento

Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore

C'è un' atmosfera carica di aspettativeSegnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Il tuo è un reticolo di luoghi e sentimenti immerso nella lega sognata dei tessitori di trame. Complimenti!Segnala il commento

Large garry stretch of circus of horrors .jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lorenzo V ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Hai mai letto le Scienze Inesatte di Bessoni? :)Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Federico D. Fellini

Scrittore