Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Avventura

Il messaggio nella bottiglia

Di Roberta Spagnoli - Scritto da Esordiente
Pubblicato il 21/05/2018

A volte basta una zattera per prendere il largo e diventare grandi.

44 Visualizzazioni
12 Voti

Noi siamo pirati: io sono la prima della banda, perché l’unica femmina. Poi ci sono Riccardo e Fabrizio, che sono i più grandi e contano più di tutti. C’è Gherardo; a volte viene Lorenzo e poi c’è Marcello, che è il più piccolo e sta sempre con me perché è anche mio fratello. Facciamo le prove di coraggio a chi arriva più in alto sulla pila di cassette della frutta del nonno. È una pila altissima e a me fa un po’ paura perché quando cominci a salire traballa tutta, proprio come l’albero di una nave pirata. Una volta Fabrizio è arrivato fino all’ultima fila, più in alto del platano che le regge tutte, lì a fianco. Poi le casette sono rotolate giù e anche Fabrizio è caduto per terra e mio nonno se l’è presa tantissimo e quelle che si erano rotte le ha buttate sulla legna per il camino così noi le abbiamo prese per fare una zattera con la bandiera nera su un manico di una scopa rotta che fa da albero ma mio padre dice che la zattera per farci galleggiare deve pesare di più di noi tutti messi insieme. Per questo appena troviamo un pezzo di legno o un ramo lo aggiungiamo subito, ma noi pesiamo ogni giorno di più e la zattera non diventa mai più pesante di noi.

Allora cambiamo gioco e decidiamo di vendere limonata in fondo alla strada, dove passano le macchine, ma le mamme si mettono tutte insieme a dire che non vogliono, che non è roba da bambini vendere la limonata e che non abbiamo il permesso e se arrivano i carabinieri ci fanno la multa o peggio ci mettono in prigione.

Per fortuna la zattera è ancora lì e la cantina piena di pezzi di legno che non servono a nessuno. Cercando cercando troviamo un nido di topi in fondo a un fustino del detersivo. Sono piccolissimi e tutti rosa, senza pelo, un po’ schifosi a dire il vero.  Li prendo per la coda, a uno a uno e li metto sulla bilancia della piccola fruttivendola, quella che mi ha portato Babbo Natale e che non mi è mai servita a niente perché non trovavamo mai niente di così piccolo da pesare. Vendo i topi in cambio di pezzi di gomma profumata, che sono buonissimi da sbriciolare sotto le unghie.

Lorenzo però non vuole prendere il topo che gli spetta. Ha paura: se il topo-mamma ci ha visto o ha sentito il nostro odore?... Suo padre gli ha raccontato che quelle bestie riconoscono gli odori lontano chilometri. La nonna di Riccardo una volta è stata assalita da un topo gigante. Poi suo nonno gli ha sparato e se lo sono mangiato. Ma è successo in tempo di guerra. Adesso i topi non si mangiano più. Sono ancora cattivi però, e questi mostriciattoli rosa ormai hanno addosso il nostro odore: il topo-mamma ci troverà. Lorenzo dice che forse ci sbranerà... meglio filarsela! 

Io lo sapevo: Lorenzo è il solito cacasotto, e poi con tutti questi discorsi ha fatto piangere Marcello, che è ancora piccolo e si spaventa subito. E' deciso: lui da oggi non è più dei nostri, perché noi siamo pirati e non ce lo dimentichiamo mai, nemmeno se abbiamo paura. Noi siamo pirati, è cosa certa.

Adesso però nessuno ha più voglia di giocare con questi cosi umidicci e puzzolenti. Dal più grasso al più magrino, li lanciamo tutti oltre recinto del pollaio. Finalmente qualcosa di buono per le galline, mica i soliti vermi.  Io li peso e decido chi li deve lanciare. Marcello frigna; decido di cedergli il mio topo grasso così la smette e non rischiamo che vada a spifferare tutto ai grandi. Il nostro è un mondo segreto e chi fa la spia non salirà mai sulla zattera. Perché prima o poi  finiremo di costruirla e sarà più pesante di tutti noi messi insieme e ce ne andremo al largo come i naufraghi a cercare una vera isola deserta, senza gli adulti. Di là lanceremo una bottiglia: veniteci a salvare sarà il messaggio che lasceremo al mare.

Logo
3703 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (12 voti)
Esordiente
11
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large porta san giacomo.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

SteCo15 ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Roberto Pes ha votato il racconto

Esordiente
Large img0112.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Cinzia de Martini ha votato il racconto

Esordiente
Large me cattelan.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Sten Doipanni ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large d0e4a335 7f38 4ffb 88ac 3ffd77aef230.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente
Large holly.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Superfrancy ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Greta Carrara ha votato il racconto

Esordiente
Large cute possums 341  700.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Viviana V. ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 217245 108064892611657 1678963 n.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Michele Pagliara ha votato il racconto

Scrittore
Large studio 20181207 231846.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Roberta Spagnoli

Scrittore